ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

mercoledì 17 maggio 2017

SPECOLA PAPIRIANA, il PD e legge elettorale AD PARTIUM .....

Forzando la mano, ieri il Partito Democratico ha costretto il relatore Mazziotti a ritirare il testo base sulla legge elettorale.
Il PD, come al solito, ci sta sfottendo così come sta sfottendo alcuni dei partiti presenti in Parlamento.

La sua proposta, un ircocervo maggioritario-proporzionale che viene fatto bellamente passare come una legge "alla tedesca", è costruita ad usum del Partito Democratico e del suo segretario che smania dalla voglia di ritornare a Palazzo Chigi.

La proposta prevede una metà dei seggi assegnati con sistema maggioritario semplice, quindi niente doppio turno - tanto osannato da Renzi anche recentemente - mentre l'altra metà viene assegnata con sistema proporzionale sbarrato al 5%. Come se non bastasse, viene assegnato un premio di governabilità di 90 seggi alla lista che ha ottenuto più voti validi a livello nazionale.

Questa proposta non ha niente della legge tedesca, che è a base proporzionale e non maggioritaria, pertanto la quota di seggi assegnata col sistema maggioritario viene sottratta alla quota di seggi ottenuta col sistema proporzionale. Nel nostro caso, invece, la proposta è a base maggioritaria poiché il premio di governabilità, quantificato in 90 seggi, ovvero il 15%, viene sottratto alla quota proporzionale, per cui la realtà è che il 50% dei seggi è assegnato col maggioritario, solo il 35% viene assegnato col proporzionale ed il rimanente 15% è assegnato come premio alla prima lista.

Ora c'è un problema, anzi, due: primo problema, cosa succede se una lista ottiene più voti nella parte proporzionale mentre un'altra prende più seggi in quella maggioritaria? A chi viene assegnato il premio?
Secondo problema, ben più grave, è la costituzionalità. Nella sentenza 1/2014 la Consulta rileva che "Alcuni aspetti problematici sono stati ravvisati nella circostanza che il meccanismo premiale è foriero di una eccessiva sovra-rappresentazione della lista di maggioranza relativa, in quanto consente ad una lista che abbia ottenuto un numero di voti anche relativamente esiguo di acquisire la maggioranza assoluta dei seggi." Un sistema elettorale del genere darà sicuramente adito a nuovi ricorsi.

In questa battaglia, il PD ed il suo segretario stanno giocando col fuoco ed insieme a loro stanno giocando col fuoco anche i suoi alleati. Questo, più che un dibattito politico sembra essere diventato il gioco dell'oca dove c'è sempre il rischio, lanciando i dadi, di ripartire dalla prima casella, ovvero dal dover riscrivere da capo e per l'ennesima volta una nuova legge elettorale perché la Consulta, puntualmente, la boccia.

__________________________
SPECOLA PAPIRIANA 
Analisi politica Versilia
Castello di Solaio, Pietrasanta (LU)