BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

martedì 30 maggio 2017

Malasanità in VALLE DEL SERCHIO, Ospedale S. Croce di Castelnuovo, l'ecodoppler ?? Fatelo da voi....

 
UNA STORIA CHE POTREBBE CAPITARE A TUTTI, MA PIU' CHE ALTRO E' CAPITATA A TANTI......
(Se hai soldi paghi.... se non li hai ?? che fai ?? muori ??)
 
Nel mese di marzo a seguito di una caduta accidentale la madre di Melania Ferrari cittadina di Molazzana e compagna del commissario di sezione lega nord nonché consigliere comunale di Molazzana Simone Simonini, è un stata operata per frattura del malleolo peroneale all'ospedale Santa Croce di Castelnuovo di Garfagnana (Lucca), svolgendo il regolare percorso post-operatorio riferito dai medici (un mese di gesso doccia, seguito da un mese di tutore walker).

Nella seconda settimana di maggio ha subito una nuova operazione in day hospital, sempre nel solito ospedale, per la rimozione di due viti. Dopo sei giorni è tornata in ospedale per la medicazione della ferita, l'indicazione del medico è stata di togliere il tutore e iniziare carico sul piede in progressivo aumento, comunicando che sicuramente tolto il tutore la gamba avrebbe potuto gonfiarsi, ma di non allarmarsi.

  All'inizio della settimana successiva, la gamba prosegue Ferrari si era gonfiata parecchio, fino sopra al ginocchio. Si decide così di riaccompagnarla nell'ambulatorio denominato "sala gessi". Arrivate in loco verso le 12, hanno dovuto aspettare il loro turno fuori appuntamento . Il medico ortopedico di turno sospetta periflebite alla gamba, aggiungendo che è necessario eseguire un ecocolordoppler. Dunque la invia al Pronto Soccorso.

  Accesso al PS ore 13:24. Codice VERDE. Anamnesi eseguita alle 15:26 riportando che giunge al PS per algia  gamba.
  Eseguite analisi del sangue, risultati avuti alle ore 15:50, D Dimero a 738.
Durante il ricovero al pronto soccorso, nessuno ha controllato la gamba, dapprima l'ecocolordoppler doveva essere eseguito da un medico presente in quel momento in PS, ma costui era troppo impegnato a svolgere altre mansioni, cosicché le hanno riferito che avrebbero dovuto mandarla  all'ospedale di Lucca, cambiando idea poco dopo.
Alle ore 17:18: è stato riscontrato un "edema arto inferiore post intervento", dimessa alle 17:19 con sospetta flebite gamba, eseguire ecocolordoppler e aumentare a due fiale il giorno la calciparina.
Insieme al foglio delle dimissioni,  è stato consegnata la ricetta per poter prendere allo sportello del cup un appuntamento per "ecocolordoppler per sospetta flebite" urgente, l'unico problema che secondo il cup questa prestazione non è ritenuta urgente.

  Il nostro medico di famiglia, ha provato a fare diverse telefonate per contattare i medici preposti dell'ospedale per effettuare tale prestazione, ma nessuno ha risposto al telefono, perciò siamo state costrette a rivolgersi ad un medico privato molto conosciuto in zona, che precedentemente ha lavorato presso il nosocomio di Castelnuovo. Costui si è molto meravigliato di ciò che era successo. Ha diagnosticato a mia madre una tromboflebite poplitea  e della femorale superficiale, presenza di un trombo che occlude il lume, cambiandole la cura.

  In sostanza conclusiva è stata dimessa senza tenere in considerazione del pericolo che poteva andare incontro, bastava un piccolo movimento che il trombo si sarebbe potuto staccare, Diventando un embolo che avrebbe potuto causarne il decesso, inoltre dimessa con una cura sbagliata. So purtroppo che non è la prima volta che succede ciò, finché va bene, possiamo raccontarlo. Verranno valutate le possibili azioni da intraprendere.