ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

mercoledì 21 febbraio 2018

FIVIZZANO: UNA DITTA DEL MARMO FA CAUSA AL COMUNE ED I CITTADINI PAGANO. di Lega Fivizzano.



Una ditta del marmo porta il Comune di Fivizzano in tribunale .

  Continuano a Fivizzano le battaglie legali per le Cave di Marmo nel bacino del Sagro che chiamano in causa l'amministrazione comunale di Fivizzano.

  Abbiamo scoperto – afferma la segreteria della Lega Nord di Fivizzano – che in data 14 dicembre 2017 il Comune di Fivizzano ha nominato un avvocato difensore contro il ricorso presentato da un comproprietario ai sensi dell'articolo 702 del Codice di Procedura Civile.

  I fatti -continuano i leghisti – riguardano un ricorso presentato al Tribunale di Massa a ottobre 2017 per vedere risarcito il danno arrecato dal provvedimento di diniego, rilasciato dal Comune di Fivizzano in data 03 giugno 2008, all'autorizzazione all'attività estrattiva, contro il quale il TAR con sentenza 421/2010 accoglieva il ricorso presentato dalla società.
 
  Il Comune, per difendersi, ha quindi nominato un legale di Pisa, che verrà pagato 13.368€, utilizzando quindi soldi di tutti i fivizzanesi.
 
  Questi soldi si aggiungono agli altri 25.885€ che ci erano stati rendicontati dal Comune a seguito della nostra interrogazione su spese per cause legali riguardanti le Cave di marmo.
 
  Dopo la prima udienza del 23 gennaio 2018, il dibattito riprenderà a maggio e la nostra paura -concludono i leghisti – e che in caso di soccombenza del Comune ci siano pesanti ripercussioni per le casse comunali nonostante noi avessimo sempre richiesto al comune di prestare molta attenzione riguardo alle varie questioni delle cave del Sagro ma non siamo mai stati ascolatati.

  Fivizzano 25 gennaio 2018
Lega Fivizzano

LEGA MONTAGNA PISTOIESE INCONTRO CON L'ASSESSORE BUONOMINI


Ho incontrato l’Assessore Buonomini per un colloquio per chiarimenti su alcune questioni venute fuori nelle ultime settimane. Devo dire che ho apprezzato la disponibilità dell’assessore, che sul piano tecnico è competente,e lo devo ammettere ero partito prevenuto in quanto non sono dello stesso parere del padre che ha pure ricoperto la stessa carica per quasi una decade.
Il primo argomento affrontato è stato il contributo che restituisce per i primi tre anni nell’intero importo la TARI e l’IMU per le nuove imprese che s’insediano sul territorio. E la riduzione di tasse non può che essere vista bene sia da me che dal mio partito. Però siamo preoccupati perché non è stato previsto alcun paletto per far si che le assunzioni di queste aziende siano direzionate principalmente sul territorio. In passato altre aziende sono state portate in montagna con sgravi fiscali,ma il beneficio è stato praticamente nullo in quanto non ha assunto gente del luogo,ma se li è portati dalla piana. Quindi almeno questa volta avremmo preferito che fosse subordinato al contributo un obbligo per l’azienda che prevedesse in caso di assunzione, la precedenza a residenti del comune da almeno 5 anni per il tempo di erogazione dello stesso. Naturalmente a fronte delle competenze cercate.
Sono consapevole che un paio di assunzioni del luogo sono una goccia nel mare,di fronte alle quasi due migliaia di disoccupati della montagna, ma purtroppo non è nelle nostre possibilità (allo stato attuale) risolvere il problema occupazionale che persiste nell’intera penisola. Quello spetterà al nuovo governo che verrà dopo il 4 marzo, che spero a guida Salvini.
Ho ricevuto rassicurazioni a metà,nel senso che l’assessore mi ha riferito che nel primo anno preferiscono non mettere paletti per poi vedere cosa succede. Comunque vedremo come si evolve la faccenda.
Ho espresso anche le mie perplessità sullo sportello dell’agenzia dei finanziamenti nella componente che riguarda il comune,ma su questo non mi dilungo perché è già stato oggetto di un altro comunicato stampa.
Infine su segnalazioni che ci sono arrivate alla Lega – montagna pistoiese,abbiamo affrontato il problema della discarica dell’oppio per gli inerti. Ho posto una serie di domande (presentate anche per iscritto) riguardo il destino di questo plesso importante per chiunque svolga un attività di tipo edilizio nella montagna pistoiese. Da ormai troppo tempo la discarica è chiusa senza che sia studiato una soluzione. L’assessore si è detto disponibile a trovare una soluzione e questo punto ritornerò sull’argomento quando arriverà la risposta scritta e l’avrò analizzata col mio gruppo.

Marco Poli
Lega montagna pistoiese



MARCO CHIARI, DOPO ESSERE STATO DICHIARATO INNOCENTE VISTO CHE IL FATTO NON SUSSISTE, CHIEDE UN RISARCIMENTO DANNI A CHI HA INFANGATO IL SUO NOME




Con la presente rendo noto l'atto di citazione depositato al Tribunale di Genova, nel quale il sottoscritto cita la Presidenza del Consiglio dei Ministri in persona del Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore chiedendo di dichiarare la responsabilità dello Stato per colpa grave dell'allora Pubblico Ministero Dott. Fabio Origlio e dell'allora Giudice per le Indagini Preliminari Dott. Simone Silvestri e condannarli al risarcimento dei danni patrimoniali, subiti dal sottoscritto e quantificati in Euro 6.400.000,00.
La prima udienza è stata richiesta per il 05/06/2018.
Preciso che questo procedimento risulterebbe il primo in Italia.
Ora queste persone che ingiustamente mi hanno rovinato la vita dovranno rispondere in prima persona dei loro errori come sarebbe normale che sia in un Paese civile.
Grazie dell'attenzione
Marco Chiari

TASSAZIONE: MALLEGNI (FI), taglio pressione fiscale indispensabile per crescita strutturale.



Comunicato: Tasse: Mallegni (FI), taglio pressione fiscale indispensabile per crescita strutturale. Ecco quanto risparmiano i contribuenti (la simulazione)

"Il taglio netto e cospicuo della tassazione è l'unico modo per accendere i motori della nostra economia e dei consumi. Non è stata una ripresa strutturale quella di questi anni. Senza i soldi di Mario Draghi l'Italia non sarebbe con segno positivo. Per ora è solo finanza".

Lo ha evidenziato Massimo Mallegni in occasione di un incontro pubblico a Viareggio. Mallegni, che è candidato al Senato della Repubblica per il centro destra nel collegio uninominale Toscana 5 che comprende le province di Massa Carrara e Lucca e al proporzionale nel collegio Toscana 1, è uno degli amministratori locali con più esperienza (è stato sindaco di Pietrasanta per tre volte) di Forza Italia. "Sfatiamo il cattivo mito che la flat tax, la tassa unica per tutti al 23% sia un regalo ai ricchi: se pagano stipendi e pagano le tasse, a volte con enorme fatica in entrambi i casi, si chiamano imprenditori. Imprenditore sono anche piccoli artigiani, partite Iva, commercianti". E sulla progressività: "è garantita dall'innalzamento dell'area non tassabile che passerà dagli attuali 8mila euro ai 12mila euro della riforma. Sono frottole quelle che vi raccontano sulla sua incostituzionalità". 

Mallegni ha illustrato anche alcune simulazioni: "un single con un reddito lordo di 30mila euro oggi paga più di 8mila euro di tasse, con la flat tax al 23% andrà a pagare quasi 2.500 euro in meno. Una famiglia con bi-reddito invece, due figli a carico, un neonato ed uno con più di 3 anni, con un reddito lordo di 30mila euro avrebbe un tagli di quasi 1.900 euro all'anno. Poco? Un conto è averli in tasca, un conto pagare le tasse". Infine una battuta sulle elezioni: "La sinistra è affezionata ai poveri. Quando governano aumentano sempre. È più facile governare chi sta male e ha meno elargendo mancetta. Il nostro elettore, che è responsabile, critico ma costruttivo, pretende da noi il doppio di quello che si aspetta da altri". E sui grillini: "con loro al Governo le imprese farebbero meglio a comprarsi un biglietto per l'estero. Stanno pianificando la distruzione delle imprese. Io voglio un paese libero, giusto e sostenibile".


Andrea Berti
Ufficio Stampa


martedì 20 febbraio 2018

TERRE MEDICEE e APUANE: Giovedì 22 febbraio - Cena Slow Food a MONTIGNOSO ore 20:30


VERSILIA - Giovedì 22 febbraio, alle ore 20:30 presso il ristorante Dalla No' di Montignoso (MS) si terrà la cena organizzata dalla nuova condotta Slow Food Terre Medicee e Apuane.
Il menù prevede l'uso e la valorizzazione dei prodotti tipici del nostro ricco territorio.

L'antipasto sarà a base di acciughe ripiene di erbetti e ricotta, pane Marocco, crema di cipolla massese e olio d'oliva quercetano.
Poi un risotto coi rapini, salsiccia del Bacci e pecorino delle Apuane.
Rosticciana farcita di verza accompagnata da patate cotte sotto la cenere.
Bicchiere di cremoso alle castagne, cioccolato e composta di arance.
Tra i vini, il vermentino Doc di Terenzuola e il Ciocco dei Colli Apuani Doc di Belfior.

Prezzo a persona €35.
Per informazioni e prenotazioni: 0585 348113 e 328 8740441.


___________________________
Slow Food Terre Medicee e Apuane
Via Martiri di Sant'Anna 76
55047 Pozzi di Seravezza (LU)