ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

giovedì 26 aprile 2018

Elezioni/Pietrasanta: il Partito Liberale Italiano a sostegno Giovannetti, coalizione centro destra si allarga. Daniele Dini nominato segretario


​_______________________________________________

Elezioni/Pietrasanta: il Partito Liberale Italiano a sostegno Giovannetti, coalizione centro destra si allarga. Daniele Dini nominato segretario
 
Anche il Partito Liberale Italiano a sostegno di Alberto Giovannetti.
 
La coalizione del centro destra si compatta attorno al profilo, all'esperienza e alla praticità dell'imprenditore di Pietrasanta e capo gruppo uscente della maggioranza in consiglio comunale di Pietrasanta prima di tutto.
 
A sostegno di Giovannetti ci sono Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia, Toscana Viva, la lista Pietrasanta prima di tutto sostenuta dal Senatore Massimo Mallegni ed appunto i liberali che hanno nominato in qualità di segretario, Daniele Dini. "Sono moltissimi – spiegano i liberali - i simpatizzanti che hanno chiesto di aderire alla nuova linea politica che il Partito ha intrapreso e che lo vede spiegato sulle posizioni del centro-destra sostenendo così la candidatura a Sindaco di Pietrasanta di Alberto Giovannetti.
 
E' importante garantire la continuità del buongoverno che in questi anni hanno caratterizzato l'esperienza amministrativa di Pietrasanta, città tra le più dinamiche, virtuose ed efficienti della Toscana.
Un'esperienza amministrativa sempre attenta alle esigenze delle imprese, del commercio e delle sue attività economiche". 
 
Per informazioni o adesioni il Partito Liberale Italiano è a disposizione dei cittadini al numero 344.0259412.
 


Andrea Berti
Ufficio Stampa



LUCCA (FDI) : scissione Gesam Gas & Luce, BUCHIGNANI : "Gravi incertezze sul futuro dei Lavoratori"



"A seguito dell'intervento in consiglio comunale del capogruppo di FdI Nicola Buchignani sulla problematica inerente la dismissione (perché ciò si tratta) del ramo commerciale di Gesam Gas & Luce votato all'unanimità dalla maggioranza, vogliamo evidenziare ancora una volta l'inopportunità di tale scelta operata in modo sconsiderato da questa amministrazione comunale – così il Dipartimento Politiche Sociali di Fratelli d'Italia Lucca – Non desideriamo qui entrare nei dettagli tecnici dell'operazione, né tantomeno nelle motivazioni di carattere politico che le hanno determinate (anche se l'applicazione un tantino forzata a parer nostro della legge Madia, scaturigene del tutto, ne potrebbe giustificare la sussistenza)".
 
"Si desidera invece, evidenziare come tale scissione sotto il profilo occupazionale, potrebbe essere capace di produrre effetti devastanti soprattutto per i lavoratori dipendenti. Attualmente vi lavorano 49 persone, tra i quali 4 dirigenti, 26 impiegati 19 operai, mentre in Gesam Energia 4 impiegati ed 1 operaio, per cui ragionevolmente, ci poniamo le seguenti domande, anche in considerazione di precedenti casi in cui sono state operate dismissioni pubbliche e/o trasformazione societarie – prosegue FdI – I livelli occupazionali attuali, rimarranno in essere? In altre parole sono da temere licenziamenti mascherati sotto le immancabili voci di ristrutturazione e efficientamento; i contratti dei dipendenti e le prerogative contrattuali specifiche ad essi connesse, nonchè i livelli retributivi maturati sino ad ora dai medesimi, saranno mantenuti? Il passaggio da GESAM Energia SpA in Lucca Holding SpA e successivamente a Lucca Holding Servizi Srl da parte di dipendenti di Gesam energia ed il successivo passaggio dei dipendenti del ramo cimiteri a Lucca Holding Servizi Srl come sarà gestito?"

"A FdI interessa particolarmente questa transizione, poco trattata e non adeguatamente approfondita per quanto ci è dato sapere dall'amministrazione comunale – chiude il Dipartimento Politiche Sociali – Siamo profondamente consapevoli del riguardo dovuto a tutti i lavoratori coinvolti e alle loro famiglie che si trovano loro mal grado a dover subire scelte piovute dall'alto, potenzialmente molto impattanti sul loro futuro in termini di aspirazioni e stabilità economica. Ci sentiamo impegnati in un'attenta e rispettosa azione politica, tesa a favorire il processo di passaggio societario in modo indolore nel rispetto delle clausole di salvaguardia contrattuale". 


AMBIENTE INFORMA: 26/4/18 - Rapporto Ambiente Snpa, le specificità regionali Italiane.




n.103 del 26 aprile 2018
                  


Rapporto Ambiente Snpa, le specificità regionali
Rapporto Ambiente Snpa, le specificità regionali
Il secondo volume del Rapporto Ambiente Snpa, denominato "Ambiente in primo piano: indicatori e specificità regionali"; dopo aver illustrato la parte sugli indicatori nel numero 99 del 13 aprile, questo... 
Continua




Dalle regioni – Controlli ambientali
Dalle regioni – Controlli ambientali
Le esperienze regionali in materia di controlli ambientali presentate nel Rapporto ambiente Snpa, fra le quali alcune interessanti innovazioni per gli aspetti organizzatici e di programmazione, come il  il caso,... 
Continua




Dalle regioni – La comunicazione delle informazioni ambientali
Esempio di mappa consultabile da Li.Bi.Oss.
Le esperienze regionali in materia di comunicazione ambientale, una delle attività prioritarie del Snpa, presentate nel Rapporto ambiente Snpa. Dal Rapporto ambiente Snpa 2018, volume Ambiente in primo piano: indicatori... Continua



Dalle regioni – Il controllo delle emissioni e gli effetti del cambiamento climatico
Dalle regioni – Il controllo delle emissioni e gli effetti del cambiamento climatico
Le esperienze regionali in materia di controlli delle emissioni, con un panorama di varie metodologie utilizzate sia in termini di strumenti di misura che di modellistica, presentate nel Rapporto ambiente... 
Continua




Dalle regioni – La qualità delle acque fluviali, lacustri, sotterranee e marino-costiere
Dalle regioni – La qualità delle acque fluviali, lacustri, sotterranee e marino-costiere
Le esperienze regionali in materia di monitoraggio della qualità delle acque presentate nel Rapporto ambiente Snpa. Dal Rapporto ambiente Snpa 2018, volume Ambiente in primo piano: indicatori e specificità regionali... Continua



Dalle regioni – La salvaguardia della biodiversità
Dalle regioni – La salvaguardia della biodiversità
Le esperienze regionali in materia di salvaguardia della biodiversità, che spaziano dalle api da miele ai cetacei, dai molluschi d'acqua dolce alle "tegnùe", presentate nel Rapporto ambiente Snpa. Dal Rapporto ambiente... Continua



Dalle regioni – Rifiuti: terra dei fuochi e garanzia delle produzioni agroalimentari
i comuni della terra dei fuochi
Sul tema dei rifiuti, nel Rapporto ambiente Snpa, viene presentata un'esperienza nazionale a partire dal caso della "Terra dei fuochi". Dal Rapporto Ambiente Snpa 2018, volume Ambiente in primo piano:... 
Continua



Dalle regioni – Sorgenti elettromagnetiche, radiazioni ionizzanti e inquinamento acustico
validazione del sistema di monitoraggio 9 kHz- 31 GHz
Le esperienze regionali in materia di monitoraggio di controllo delle sorgenti elettromagnetiche, dell'esposizione della popolazione alle radiazioni ionizzanti ed all'inquinamento acustico, presentate nel Rapporto ambiente Snpa. Dal Rapporto ambiente Snpa... Continua


Dalle regioni – Agricoltura e prodotti fitosanitari
Macchine irroratrici di fitofarmaci
Le esperienze regionali in materia di agricoltura, con una particolare attenzione al tema della corretta gestione dei prodotti fitosanitari, presentate nel Rapporto ambiente Snpa.Dal Rapporto ambiente Snpa 2018, volume Ambiente... Continua


Dalle regioni – Pericolosità di origine antropica e naturale
Carta delle velocità di movimento verticale del suolo nel periodo 2006-2011
Le esperienze regionali presentate nel Rapporto ambiente Snpa in materia di pericolostà riguardano casi inerenti la susbidenza della pianura, l'erosione marico sostiera e la contaminazione fluviale da fibre di amianto... Continua


Dalle regioni – Amianto e bonifiche dei siti contaminati
Il parco Eternot di Casale Monferrato
Le esperienze regionali in materia di amianto e di bonifica dei siti contaminati, presentate nel Rapporto ambiente Snpa. Dal Rapporto ambiente Snpa 2018, volume Ambiente in primo piano: indicatori e... 
Continua



VIDEO – DPSIR: un modello per leggere l'ambiente
VIDEO – DPSIR: un modello per leggere l'ambiente
Attraverso un video Arpa Toscana cerca di spiegare il modello Determinanti Pressioni Stato Impatti Risposte, utilizzato da tutte le agenzie ambientali, internazionali ed italiane, per interpretare i fenomeni che incidono... Continua

Gli altri numeri di AmbienteInforma sul Rapporto Ambiente Snpa
     
      

Seguici su: Twitter

       CAPITANI del FUTURO blog 
       



ELISA MONTEMAGNI(LEGA): “CASO SOTTOPASSI DELLA LUCCHESIA: RIBADIAMO LA NECESSITA’ DELLA VALUTAZIONE D’IMPATTO AMBIENTALE. PIENA SINERGIA CON I COMITATI”



              COMUNICATO STAMPA
 
"In una nostra recente interrogazione-afferma Elisa Montemagni, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega-avevamo ribadito l'opportunità di effettuare il procedimento di Via anche per l'evidente incremento nelle zone in questione di inquinanti atmosferici ed acustici." "A prescindere dalle ultime valutazioni tecniche-prosegue il Consigliere-confermiamo, dunque, la nostra forte preoccupazione per la manifestata volontà di non sottoporre a Via la tratta ferroviaria Pescia-Lucca che s'inserisce, com'è noto, nel progetto di potenziamento della linea Pistoia-Viareggio." "Siamo, dunque-sottolinea l'esponente leghista-in perfetta sintonia con i vari Comitati che, probabilmente, ricorreranno al Tar, a fronte di una improvvida decisione la quale, molto probabilmente, comporterebbe un impatto devastante per l'intera zona." "Da parte nostra-conclude seccamente Elisa Montemagni-siamo pronti, quindi, a continuare ad appoggiare concretamente ogni iniziativa, tesa a favorire l'attivazione di una fondamentale "valutazione ambientale", tenendo in giusta considerazione le naturali istanze dei residenti, ovviamente allarmati per un progetto che rischia di essere fortemente impattante per tutta l'area; d'altronde, dopo anni di colpevole inattività, non capiamo minimamente tutta questa improvvisa fretta da parte della Giunta di risolvere in tale modo totalmente inadeguato, assumendosene dunque tutta la responsabilità anche futura, la delicata questione."
 
Gruppo Lega
Ufficio stampa
Dr. Maurizio Filipppini

mercoledì 25 aprile 2018

SERATA DEL SINDACO PUGLIA A FORNACI 24/04 : UN FLOP, 71 PRESENTI, TANTI DI VAGLI, un triste spettacolo.

_______________________________________________________

Altri giornalisti parlano della serata senza dire che è stata un flop clamoroso
Altri giornalisti sembrano scordare di dover riportare il triste dato dei presenti

71 persone.....

Di cui alcuni giornalisti, alcuni politici avversi, parecchi di Vagli, per il resto poco o nulla, tanto valeva farla a Vagli almeno giocando in casa qualcuno di più l'avrebbe avuto.
Eppure c'è un sistema che vuol far passare come trionfale questa operazione, gli hanno dato una puntata speciale sulla tv del Marcucci, articoli sui giornali a pagine intere..... beh , a me questo mette dei dubbi e da quello che vedo li mette pure a tanta altra gente.....

Per me questa operazione serve solo a dividere un elettorato di centrodestra che sta ritrovando la sua strada guidato da partiti che stanno di nuovo radicandosi sul territorio, DIVIDI ET IMPERA, dicevano i Romani, e questa triste manfrina serve proprio a favorire un sistema PD che sta tirando le cuoia, ed io vorrei che tutti ci rifletteste per bene.

Per far venire gente hanno citato il Pirogassificatore e senza alcun motivo concreto, senza vedere, e senza sapere cosa faranno si sono detti contrari, tanto per beccare un po' di consenso, ma poi questo consenso contro il progetto c'è davvero o è una montatura mediatica, io credo che le cose vadano valutate quando ci sarà un progetto, tutto il resto sono ipotesi campate in aria.

Il prossimo anno in Valle ci saranno votazioni in 15 comuni, io chiedo alla gente di scegliere progetti concreti basati sul nuovo progetto di centrodestra guidato da Matteo Salvini e non strani movimenti che mascherano da novità il vecchio sistema che non vuol morire ......

Andreotti Roberto.