ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

LETTORI SINGOLI

giovedì 25 aprile 2019

LA COMETA : 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO , esplorata dalla sonda ROSETTA. by AndreottiRoberto - INSA.

___________________________________________________________
___________________________________________________________
Aggiornato il 03/06/2020

67P Churyumov-Gerasimenko



67P/Churyumov-Gerasimenko è una cometa periodica del nostro Sistema solare, dal periodo orbitale di 6,45 anni terrestri.

Dati Fisici:
Per le sue dimensioni si tratta di due protuberanze a contatto rispettivamente di circa 4 e 3,5 km, con una densità di 0,470 kg/dm3 ed un periodo di rotazione pari a 12,761 h.
Lobo grande 4.1 km × 3.3 km × 1.8 km.
Lobo piccolo 2.6 km × 2.3 km × 1.8 km.
La densità del nucleo è molto più bassa di quella dell'acqua, indicando che si tratta di un oggetto poroso. Come altre comete, il suo nucleo è generalmente più nero del carbone, indicando uno strato superficiale o una crosta di materiale organico ricco di carbonio, con un albedo del 6%.
Nel 2014, la cometa aveva un periodo di rotazione di circa 12,404 ore.
Il periodo di rotazione è aumentato a 12,430 ore a maggio 2015 prima di scendere rapidamente (ovvero la velocità di rotazione della cometa è aumentata) a 12,305 ore ad agosto 2015 (Jorda et al. 2016 ).
I cambiamenti nel periodo di rotazione risultanti dai cambiamenti di coppia causati da forze non gravitazionali hanno avuto un ruolo importante nel guidare alcuni dei cambiamenti che hanno colpito la cometa durante la missione.


Glicina:
La presenza della Glicina fuori dal pianeta Terra fu confermata nel 2009 dopo analisi chimiche del materiale della cometa Wild 2 prelevato dal veicolo della NASA "Stardust" nel 2004. Nel 1970 , all'interno del meteorite Murchison furono individuati circa 100 aminoacidi. Nel 2016 la rivista "Science Advanced" riportò i dati analitici effettuata dallo spettrometro di massa della sonda spaziale Rosetta sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e confermando la presenza della Glicina. La glicina nello spazio potrebbe essersi formata per reazione tra acqua, ammoniaca e metano per effetto della radiazione ultravioletta. La scoperta della glicina nelle comete rafforzò la teoria della panspermia, che afferma che gli "elementi costitutivi" della vita sono diffusi in tutto l'universo. 


Temperature:
La sonda Rosetta dell'ESA è stata la prima ad aver scortato da vicino una cometa durante il suo viaggio intorno al Sole. Tra le molte scoperte fatte sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, Rosetta ha anche ottenuto misurazioni dirette e continue della temperatura superficiale di un nucleo cometario con una definizione senza precedenti. Lo strumento Virtis (Visible and Infrared Thermal Imaging Spectrometer) a bordo dell’orbiter di Rosetta ha acquisito immagini infrarosse del nucleo della cometa, che sono state poi trasformate in mappe termiche.
Mentre la temperatura superficiale media in questo periodo era di circa 213 k , ovvero –60 °c, sono stati individuati punti specifici “caldi” con temperature che salgono fino a –43 °c.
Queste regioni corrispondono a una fossa, ovvero una depressione della superficie in cui le pareti interne, riflettendo il calore, danno origine a un fenomeno chiamato auto-riscaldamento, che influisce anche sulla strozzatura che collega i due lobi del nucleo, dove le temperature non seguono la legge di corpo nero, bensì sono più alte del previsto.

(Confronto tra i valori di temperatura superficiale misurati da VIRTIS il 22 agosto 2014 durante una rotazione del nucleo della cometa 67P (pannello a) e valori di temperatura superficiale simulati da un modello termofisico che assume uno strato superficiale superiore dominato dalla polvere, con sublimazione minima, proiettato su un modello di forma digitale 3D del nucleo della cometa (pannello b). Sulla destra, il pannello c mostra la differenza tra i valori di temperatura misurati e calcolati, con il colore verde che rappresenta un sostanziale accordo. Si noti l’ombra prominente proiettata dal lobo piccolo sul lobo grande del nucleo durante la massima insolazione).

Punti di vista:
Collage dei vari modelli visti nei vari assi da sopra (+) e sotto(-) )

Attività:
Nell'immagine animata qua sotto potete vedere la superficie della cometa in fase di attività scatenata dall'avvicinamento al Sole.


La grande obliquità di 52° dell'asse di rotazione del nucleo combinato con la stretta coincidenza del solstizio meridionale con il passaggio del perielio porta a un'insolazione stagionale fortemente variabile. Vicino al perielio, le regioni alle alte latitudini settentrionali non sono affatto illuminate, mentre l'insolazione totale della cometa raggiunge il suo massimo. Questa variazione dell'input termico determina il modello di attività stagionale. La particolare forma bi-lobata di 67P con una forte costrizione tra i lobi nella regione del collo (che forma una grande concavità) influenza fortemente l'insolazione diurna. In particolare vicino al polo nord, l'ombra della parete del bordo ripida e alta del lobo piccolo è responsabile di un'ulteriore interruzione dell'insolazione durante il giorno di ciascun ciclo di rotazione. La giornata polare alle latitudini meridionali del nucleo vicino al solstizio meridionale e gli estremi cambiamenti di insolazione causati dalle ombre erranti forniscono un ambiente con forti gradienti termici e conseguenti sollecitazioni.

Questo modello mostra il grado in cui ogni singola sfaccettatura del modello di forma è esposta all'irradiazione da altre sfaccettature (0 implica nessuno, 1 implica che l'intero campo visivo di una sfaccettatura è riempito da altre sfaccettature. Si noti che la concavità del nord collo (freccia) influenza notevolmente i modelli di insolazione e provoca un eccessivo autoriscaldamento nel collo settentrionale ).

La regione del collo settentrionale Hapi è nella notte polare durante il passaggio del perielio. Quando le particelle entrano nell'ombra stagionale, vengono "congelate" e mantengono tutto il loro contenuto di ghiaccio d'acqua. Questo rapido congelamento contribuisce all'eccezionale livello di attività osservato ad Hapi quando la cometa ritorna dal suo afelio, simile a quanto osservato all'inizio della missione. Se oltre il 25% della massa sollevata da sud ricade nell'emisfero settentrionale, la caduta posteriore si accumulerà in orbita. In ogni caso, il ricadimento in alcune regioni si accumulerà perché non può essere rimosso completamente dall'attività indotta dalla sublimazione dell'acqua durante l'estate settentrionale.

Morfologia:
Le immagini acquisite da 67P rivelano morfologie e trame di superficie notevolmente diverse. Ciò è probabilmente dovuto alle risoluzioni spaziali più elevate raggiunte dalle telecamere di Rosetta rispetto alla maggior parte di queste missioni e alla maggiore durata e natura orbitante della missione, che ha consentito la mappatura dell'intero nucleo. In termini di morfologia regionale, i terreni principali su 67P comprendono terreni consolidati esposti, pianure lisce, unità coperte di polvere e depressioni su larga scala.

( A ) Mosaico di due immagini della Narrow Angle Camera (NAC) che mostrano vari tipi di terreno nell'emisfero settentrionale di 67P. "NCM" è l'acronimo di materiali non consolidati. ( B ) Immagine NAC che mostra la depressione di Aten nella parte settentrionale del grande lobo. ( C ) Immagine NAC della regione di Seth nel grande lobo del 67P (nell'emisfero settentrionale) che mostra materiali debolmente consolidati come risulta dalle numerose caratteristiche arcuate e circolari, nonché da onnipresenti depositi di talco. Parti di Seth sono coperte da depositi NCM ).

Proiezioni cartografiche di regioni definite (in alto) adattate da El-Maarry et al. ( 2016 ) e mappa geomorfologica globale (in basso) adattata da Birch et al. ( 2017 ). Gli acronimi sono i seguenti: (in alto) Ap: Apis, Ht: Hathor, Sq: Serqet, Hatm .: Hatmehit. (in basso) UM: regione non mappata in Birch et al. a causa delle ombre nelle immagini disponibili per lo studio ).

I terreni consolidati sono essenzialmente la superficie esposta della cometa, che mantiene una sufficiente integrità strutturale per sostenere fratture, scogliere e sporgenze.
La frammentazione di questi materiali consolidati si traduce in sprechi di massa di depositi e massi di dimensioni variabili.
La superficie della cometa mostra regioni di diversa forza in cui regioni come Seth e Anhur sono relativamente debolmente consolidate, come risulta dall'occorrenza comune di depositi di spreco di massa di vario ordinamento, al contrario di regioni che mostrano una scarsità di tali depositi, e la presenza di grandi sistemi di frattura. Inoltre, i terreni consolidati mostrano prove di stratificazione e terrazzamento su scala di tutto il corpo.
Il principale tratto morfologico della 67P è la sua dicotomia emisferica, caratterizzata da una disparità di rilievo tra gli emisferi nord e sud, nonché una dicotomia morfologica evidenziata dalla distribuzione spaziale irregolare di materiali non consolidati (MNC).

L'emisfero settentrionale e le regioni equatoriali includono anche una serie di depressioni su larga scala, che sembrano essere carenti nell'emisfero meridionale. Aten, una delle depressioni notevoli nel lobo grande è di ∼0,12 kmCubi di volume. Thomas et al. nel 2015 hanno calcolato che la produzione di Aten mediante un solo meccanismo di sublimazione richiederebbe 10-20 orbite nella configurazione attuale. Di conseguenza, hanno concluso che depressioni su larga scala sono state formate da importanti eventi di perdita di massa. El-Maarry è giunto a conclusioni simili sulla base della morfologia dei piani depressivi e delle scarpate. Altre depressioni regionali meno evidenti, ma di dimensioni maggiori, includono le regioni equatoriali Imhotep, che è parzialmente riempita di depositi lisci, e Khonsu, che mostra una struttura unica a forma di pancake che sembra essere stata riesumata attraverso un'erosione intensa.

La regione di Khonsu nella regione equatoriale del grande lobo del 67P, che mostra confini elevati, e talvolta taglienti, e ospita una caratteristica a forma di pancake che sembra essere stata riesumata dall'erosione ).

terreni consolidati sembrano rappresentare la superficie nuda della cometa, è probabile che i processi fisici e chimici siano responsabili della loro formazione in primo luogo. Studi precedenti che hanno utilizzato vari approcci di modellizzazione ed esperimenti di laboratorio per simulare l'evoluzione dei nuclei cometari suggeriscono che i materiali cometari possono diventare "consolidati" mediante sinterizzazione del ghiaccio o ricondensa del vapore acqueo sublimato.

pinnacoli sono promontori locali in varie forme, tra cui guglie con cime appuntite.
Sono probabilmente resti erosivi creati da una perdita di materiale che circonda le macchie di materiale più resistente all'erosione.
I pinnacoli furono inizialmente identificati nell'emisfero settentrionale di 67P, dove hanno identificato 49 pinnacoli. Essi sono generalmente asimmetrici in forma con altezze da 10 m a 200 m (40 m come valore medio), e diametri al piede da 30 m a 300 m (60 m come valore medio).
I pinnacoli rappresentano probabilmente uno stadio intermedio degli agenti atmosferici di materiale fortemente consolidato mentre le unità consolidate più deboli reagiscono più facilmente agli agenti atmosferici mediante fratture ed eventuale frammentazione.

Pinnacoli sulla cometa 67P (frecce) con valori sovrapposti codificati a colori delle pendenze gravitazionali. Si noti che i pinnacoli sembrano avere pendenze che vanno da 40 ° a 90 ° . L'inserto mostra un esempio di un apice prominente ).

Le fratture sono onnipresenti sulle superfici consolidate esposte di 67P formando vari modelli e topologie a scale di dimensioni diverse. Le reti di fratture su superfici planari sono l'impostazione più comune di fratture su 67P.
Le fratture al di sotto del metro formano modelli di superficie bidimensionali con diverse topologie. Essi variano in lunghezza da 100 metri fino alla scala mm osservata dal lander Philae.


Le fratture si intersecano spesso per formare reti poligonali, le modalità di intersezione sono variabili ma includono intersezioni ortogonali, che sono un indicatore comune della costruzione lenta di regimi di stress in cui le fratture si formano lentamente e conseguenti l'una all'altra invece di un modo più rapido e simultaneo.

Durante la missione, due siti di scogliere fratturate hanno mostrato eventi di spreco di massa segnati dal distacco di materiali nel sito fratturato, evidenziando il ruolo di tali fratture negli eventi di spreco di massa. La tempistica approssimativa dei crolli è coerente con periodi di forti oscillazioni termiche diurne, che sono particolarmente pronunciate vicino al perielio quando queste scogliere probabilmente sono crollate. Tali eventi di spreco di massa dovrebbero essere il processo principale attraverso il quale i materiali cometari vengono frammentati. In effetti, una delle principali caratteristiche morfologiche che caratterizzano il nucleo del 67P è la diffusa presenza di massi.

Fratture in prossimità di scogliere o piccole scarpate. Nota il campo di detriti in ( D ) alla base di una scogliera fratturata, il che suggerisce un processo continuo di spreco di massa ).

La scogliera che crolla nella zona soprannominata Aswan. Il crollo della scogliera è stato innescato dalla creazione di una lunga frattura arcuata vicino alla scarpata ).

All'inizio della missione, nell'emisfero settentrionale della cometa sono stati osservati più di cento massi luminosi. Questi massi erano fino a dieci volte più luminosi della superficie media della cometa a lunghezze d'onda visibili e le loro proprietà spettrofotometriche erano coerenti con l'esposizione al ghiaccio d'acqua.

Tettonica - Mentre la maggior parte delle fratture osservate nei materiali consolidati di 67P formano reti poligonali che suggeriscono un processo omogeneo globale, alcuni sistemi di fratture mostrano un'impostazione unica che può essere indicativa di sollecitazioni interne che agiscono su tutto il corpo ma che portano a espressioni superficiali in zone particolari dove le sollecitazioni sarebbero concentrate . L'esempio più importante di questo processo è il sistema di frattura lungo più di 500 m nella regione del collo settentrionale. El-Maarry ha riferito che questo sistema di fratture si era prolungato di ∼30 m di lunghezza in un momento coerente con il periodo in cui il periodo orbitale della cometa diminuiva (ovvero aumentava la velocità di rotazione). Altri sistemi di fratture come quelli osservati nelle scogliere di Hathor, la frattura angolare osservata nella regione di Khepry e grandi fratture nell'emisfero meridionale vicino alla regione del collo e perpendicolari all'asse lungo della cometa potrebbero essere altre manifestazioni di processi tettonici o il risultato di collisioni esterne durante l'evoluzione orbitale passata di 67P.

Materiali Non Consolidati (NCM) - Come discusso in precedenza, i materiali non consolidati sono probabilmente i prodotti di agenti atmosferici più pesanti dei materiali consolidati che vengono inizialmente espulsi dalla superficie e quindi depositati prevalentemente nell'emisfero settentrionale. Formano due impostazioni distintive a seconda della topografia, che controlla lo spessore del deposito: depositi sottili (probabilmente fino a pochi metri di spessore) che coprono regioni topograficamente alte (con un elevato potenziale gravitazionale) formano i cosiddetti strati di polvere. Le aree a basso potenziale gravitazionale consentono agli NCM di accumularsi in depositi spessi formando "terreni lisci" (smooth terrain). Mentre gli NCM che formano entrambe le impostazioni dovrebbero avere la stessa composizione iniziale (rispetto al rapporto ghiaccio-polvere e concentrazione di sostanze organiche), è possibile che la loro impostazione e spessore possano influenzare il modo in cui si evolvono e il grado in cui sono colpiti dagli agenti atmosferici e dall'erosione.

Erosione da scarpata nella regione di Anubi. La scarpata mostrata si è ritirata di ca. 50 m in totale (freccia gialla). Viene mostrato un masso (freccia bianca), che potrebbe essere stato rimosso dalla sua posizione originale attraverso l'erosione, oppure maggiormente esposto ).

Evoluzione delle increspature ( A ) nella regione di Hapi (collo settentrionale) di 67P. Le modifiche alla superficie sotto forma di sviluppo di elementi circolari ( B ) - ( D ) sono iniziate all'inizio di aprile 2015 e sono proseguite attraverso il passaggio del perielio (nell'agosto 2015). Nuove increspature sviluppate nel dicembre 2015 ( E ), ( F ). Due massi prominenti (B1 e B2) sono contrassegnati per l'orientamento ).


SOPRA - Accumoli di polveri come se portati dal vento , SOTTO rimozione di uno strato di polveri con esposizione di un masso di 3,9 m in altezza ).


LINK (EN) : https://link.springer.com/article/10.1007/s11214-019-0602-1 
______________________________________________________

LE ORIGINI DI :
67P/Churyumov-Gerasimenko

L'evoluzione orbitale:
Gli astronomi ipotizzano che possa essere un oggetto del Disco Diffuso.
La cometa esplorata da Rosetta proviene da un luogo buio e freddo. Usando l'analisi statistica e il calcolo scientifico, gli astronomi della Western University in Canada hanno tracciato un percorso che molto probabilmente individua la casa natale della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko nella lontana regione oltre la Fascia di Kuiper , una vasta regione al di là di Nettuno che ospita asteroidi ghiacciati e comete.

In un lontano passato, l'orbita di 67P / Churyumov-Gerasimenko si estendeva ben oltre Nettuno oltre la fascia di Kuiper. Le interazioni con Nettuno e con il gigante gravitazionale Giove hanno modificato l'orbita della cometa nel tempo, trascinandola nel Sistema Solare interno. 
Credito: Western University, Canada ).

Secondo la nuova ricerca, questa cometa è relativamente nuova nelle parti interne del nostro sistema solare, essendo arrivata solo circa 10.000 anni fa. Prima di ciò, ha trascorso gli ultimi 4,5 miliardi di anni in congelata in una regione chiamata Disco Diffuso.

Nella giovinezza del Sistema Solare, gli asteroidi che si trovarono troppo vicino a Nettuno furono dispersi dall'incontro con il pianeta blu.
Le loro orbite portano ancora le testimonianze di quegli incontri di tanto tempo fa : sono spesso molto allungate (a forma di sigaro) e inclinate, volenti o nolenti dal piano dell'eclittica fino a 40°.
Poiché le loro orbite possono portarli a centinaia di distanze Terra-Sole nelle profondità dello spazio, gli oggetti del Disco Diffuso sono tra i luoghi più freddi del Sistema Solare con temperature superficiali inferiori ai 50° sopra lo zero assoluto.
I vari tipi di ghiacci che si sono uniti per formare la 67P alla sua nascita oggi sono poco cambiati, è roba primordiale.

Guarda come l'orbita della cometa di Rosetta si è evoluta dalla sua formazione ).
Il grande gruppo, delle comete della famiglia di Giove , deve la sua esistenza alla potente gravità del gigante pianeta Giove. Queste comete corrono intorno al Sole con periodi inferiori a 20 anni.
Si pensa che provengano da collisioni tra asteroidi rocciosi e ghiacciati nella Fascia di Kuiper.

I frammenti lanciati da queste collisioni sono perturbati da Nettuno in lunghe orbite eccentriche che li avvicinano a Giove, che li costringe con la sua gravità in orbite di breve periodo.

Mattia Galiazzo e l'esperto di sistemi solari Paul Wiegert , entrambi alla Western University, hanno dimostrato che in origine, la cometa 67P probabilmente trascorse milioni di anni nel Disco Diffuso, con un semiasse-maggiore della sua orbita di circa il doppio della distanza di Nettuno dal Sole.
Il fatto che ora sia una cometa della famiglia di Giove suggerisce una possibile collisione molto tempo fa seguita da interazioni gravitazionali con Nettuno e Giove prima di diventare finalmente un corpo interno del Sistema Solare che gira intorno al Sole ogni 6,45 anni.
____________________________________________

L'evoluzione della forma:
La missione Rosetta dell'ESA ha rivelato che lo stress geologico derivante dalla forma della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è stato un processo chiave per scolpire la superficie e l'interno della cometa dopo la sua formazione.


Le piccole comete ghiacciate con due lobi distinti sembrano essere all'ordine del giorno nel Sistema Solare, con una possibile modalità di formazione una lenta collisione di due oggetti primordiali nelle prime fasi della formazione circa 4,5 miliardi di anni fa.
Un nuovo studio che utilizza i dati raccolti da Rosetta durante i suoi due anni presso la Cometa 67P, ha scoperto i meccanismi che hanno contribuito a modellare la cometa nel corso dei miliardi di anni seguenti.
I ricercatori hanno utilizzato la modellazione dello stress e le analisi tridimensionali delle immagini riprese dalla videocamera OSIRIS ad alta risoluzione di Rosetta per sondare la superficie e l'interno della cometa.


"Abbiamo trovato reti di faglie e fratture che penetrano nel sottosuolo per 500 metri e si estendono per centinaia di metri", afferma l'autore principale dello studio, Christophe Matonti dell'Università di Aix-Marsiglia, in Francia.
“Queste caratteristiche geologiche sono state create dallo sforzo di taglio, una forza meccanica spesso vista in gioco da terremoti o ghiacciai sulla Terra e su altri pianeti terrestri, quando due corpi o blocchi si spingono e si muovono l'uno nell'altro in direzioni diverse. Questo è estremamente eccitante: rivela molto sulla forma della cometa, sulla struttura interna e su come è cambiata e si è evoluta nel tempo. ”
Il modello sviluppato dai ricercatori ha riscontrato che lo stress da taglio raggiunge il picco al centro del "collo" della cometa, la parte più sottile della cometa che collega i due lobi.
"È come se il materiale in ogni emisfero si stacchi e si ristacchi, contorcendo la parte centrale, il collo, e assottigliandolo attraverso l'erosione meccanica risultante", spiega il co-autore Olivier Groussin, anche lui dell'Università di Aix-Marsiglia, in Francia.
"Pensiamo che questo effetto sia originariamente dovuto alla rotazione della cometa combinata con la sua forma asimmetrica iniziale''.
Si ritiene che si formò una coppia in cui il ''corpo'' e la "testa" si incontrano mentre questi elementi sporgenti si attorcigliano attorno al baricentro della cometa.


Le osservazioni suggeriscono che lo stress da taglio ha agito globalmente sulla cometa e, soprattutto, attorno al suo collo. Il fatto che le fratture possano propagarsi così profondamente nella 67P conferma anche che il materiale che compone l'interno della cometa è fragile, supportando con prove un dato che prima non era chiaro.

"Nessuna delle nostre osservazioni può essere spiegata da processi termici", aggiunge il coautore Nick Attree dell'Università di Stirling, nel Regno Unito. "Hanno senso solo quando consideriamo uno sforzo di taglio che agisce su tutta la cometa e specialmente attorno al collo, deformandosi e danneggiarlo e fratturarlo per miliardi di anni. "


La sublimazione, il processo di congelamento dei ghiacci in vapore e conseguente trascinamento della polvere di cometa nello spazio, è un altro processo ben noto che può influenzare l'aspetto di una cometa nel tempo. In particolare, quando una cometa passa più vicino al Sole, si riscalda e perde i suoi ghiacci più rapidamente - forse meglio visualizzata in alcuni degli scoppi drammatici catturati da Rosetta durante il suo periodo alla Cometa 67P.

Si pensa che le comete si siano formate nei primi giorni del Sistema Solare e sono immagazzinate in vaste nuvole ai suoi bordi esterni prima di iniziare il loro viaggio verso l'interno. Durante questa fase iniziale di "costruzione" del Sistema Solare, 67P avrebbe preso la sua forma iniziale.

Il nuovo studio indica che, anche a grandi distanze dal Sole, lo stress da taglio agirebbe poi su una scala temporale di miliardi di anni dopo la formazione, mentre l'erosione da sublimazione subentra su scale temporali più brevi di milioni di anni per continuare a modellare la struttura della cometa, specialmente nella regione del collo che era già indebolita dallo stress da taglio.

LINK :
Morfologia della cometa bilobata e struttura interna controllata dalla deformazione di taglio " di C. Matonti et al.
_________________________________________

Orbita attuale:
Tipicamente, una cometa che raggiunga una particolare vicinanza con i giganti gassosi Giove o Saturno è destinata a subire una notevole variazione dell'orbita; è il caso della Churyumov-Gerasimenko, il cui perielio, pari a 4,0 UA nel 1840, si è ridotto a 3,0 e quindi a 1,28 UA a causa di due successivi incontri con Giove, il secondo dei quali avvenuto nel 1959.


Attualmente la cometa ha un perielio a 1,2432 UA dal Sole ed un afelio poco oltre l'orbita di Giove a 5.6829 UA, la sua eccentricità è di 0.64102 con un inclinazione orbitale di circa 7°, e ruota intorno al Sole in 6.44 anni.

Coda e chioma:
La sonda Rosetta che ha seguito la cometa nel suo viaggio verso il perielio, studiando i processi che conducono alla formazione ed evoluzione della coda e della chioma  ha osservato anche la formazione di un'onda d'urto tra i gas emessi dalla cometa ed il vento solare

(Leggi QUI).

( Dettaglio della superficie ).

Faglie:
Esaminando attentamente le immagini ad altissima risoluzione di alcune faglie presenti sulla superficie, gli astronomi, sono giunti ad individuare due diversi processi della loro formazione.
Quelle più superficiali sono prodotte dall’escursione termica, mentre quelle più profonde, da decine, fino a centinaia, di metri , sono invece l’esito di sollecitazioni meccaniche. Segno, di una omogeneità del nucleo della cometa.
Sull’origine meccanica delle faglie più profonde sembrano esserci pochi dubbi, ma rimane incerta l’esatta dinamica del fenomeno, anche se nelle conclusioni dello studio gli astronomi puntano il dito verso la tensione fra “testa” e “corpo” della cometa.
Questi sforzi meccanici sono dovuti al fatto che il centro di gravità è diverso dal punto di contatto fra i due lobi, e ciò tende a piegare il nucleo. Queste fratture meccaniche, sono al lavoro da miliardi di anni, fin dalla formazione del nucleo per accostamento leggero fra i due lobi, e facilitano frane gravitative, che espongono il materiale più interno e primitivo che è quindi più incline a sublimare, prima grazie ai supervolatili quando 67P era un centauro (orbitante oltre Giove), e successivamente grazie all’acqua quando infine 67P è caduta entro l’orbita di Giove dove attualmente si trova.

( In foto le faglie presenti sul ''collo'' della cometa 67P ).

Churymoon:
In queste immagini, raccolte un paio di mesi dopo l'approccio più vicino della cometa al Sole lungo la sua orbita, o  perielio , raffigurano il nucleo della cometa con un compagno insolito: un pezzo di detriti orbitanti (cerchiati). A quel tempo, l'astronave era a oltre 400 km dal centro della cometa.


Il grosso pezzo in questa vista è stato individuato dall'astrofotografo   spagnolo Jacint Roger , che ha estratto l'archivio Rosetta, elaborato alcuni dati e pubblicato le immagini finite su Twitter come GIF animate.
Gli scienziati dell'ESA e del gruppo di strumenti OSIRIS stanno ora esaminando questo grande pezzo di detriti cometari in modo più dettagliato. Soprannominato un "Churymoon" dalla ricercatrice Julia Marín-Yaseli de la Parra, il pezzo sembra avere dimensioni di poco meno di 4 m di diametro.

La modellazione delle immagini di Rosetta indica che questo oggetto ha trascorso le prime 12 ore dopo la sua espulsione in un percorso orbitale intorno a 67P ad una distanza compresa tra 2,4 e 3,9 km dal centro della cometa.
Successivamente, il pezzo attraversò una parte della chioma, che appare molto luminosa nelle immagini, rendendo difficile seguire esattamente il suo percorso, tuttavia, successive osservazioni sul lato opposto della chioma confermano un rilevamento coerente con l'orbita del blocco, fornendo un'indicazione del suo movimento attorno alla cometa fino al 23 ottobre 2015.
Gli scienziati hanno studiato e rintracciato i detriti attorno al 67P  dall'arrivo di Rosetta nel 2014. L'oggetto raffigurato in questa sequenza è probabilmente il pezzo più grande rilevato intorno alla cometa.
_____________________________________

SCHEDA ESA IN INGLESE:
___________________________________________________________
___________________________________________________________

Estratto da:
COMETE, gli astri spettacolari. by Andreotti Roberto - INSA.

Leggi anche ENCICLOPEDIA DEL SISTEMA SOLARE
Clicca QUI:
IL SISTEMA SOLARE ELENCO POST di Andreotti Roberto - INSA
___________________________________________________________

Nessun commento:

Posta un commento