ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

LETTORI SINGOLI

martedì 24 maggio 2022

La Filarmonica Puccini di Camaiore in trasferta in Friuli.


Camaiore si conferma città della musica. Dopo il successo dello scorso 8 dicembre 2021 col concerto al palazzetto dello sport di Camaiore dove partecipò il celebre trombettista Luca Pieraccini, la Filarmonica Giacomo Puccini è stata invitata come filarmonica ospite alla famosa kermesse musicale "Terre e Fiume" in Friuli-Venezia Giulia, organizzata dalla banda di Cervignano (Udine).


Giunto ormai alla sua 18ª edizione, questo evento è considerato tra i più importanti incontri musicali d'Italia e d'Europa. La sera del 28 maggio la filarmonica camaiorese sarà l'unica delle partecipanti che avrà l'onore di eseguire un intero concerto sinfonico nel corso del quale saranno eseguiti brani classici di Beethoven, Rossini e Orff, oltre a celebri colonne sonore cinematografiche e tributi musicali ad artisti italiani come De André e Zucchero. 

Nel pomeriggio di domenica 29, in conclusione dell'evento, ci sarà un ulteriore concerto a bande unite nel quale parteciperà ancora la Filarmonica Puccini. 

Soddisfatto il direttore Emanuele Lovi: "Negli ultimi quattro anni i traguardi raggiunti dai 55 componenti della Filarmonica sono sotto gli occhi di tutti, la crescita artistica è stata esponenziale. Poter confrontare la nostra musica con altre compagini musicali europee sarà un'esperienza unica. Tra coloro che si sono impegnati per raggiungere questo importante traguardo ci sono il prof. Oriano Bimbi e il prof. Alessandro Carrieri che desidero ringraziare".

La Filarmonica Puccini replicherà il concerto friulano la sera del 2 giugno prossimo, nel corso delle celebrazioni per la Festa della Repubblica in piazza San Bernardino da Siena a Camaiore.

Francesco Speroni 

giovedì 19 maggio 2022

BAGNI DI LUCCA: Paolo Bianchi presenta candidati e programma



Venerdì 20 maggio presso la sala rosa del circolo dei forestieri, alle ore 11.00, Paolo Bianchi candidato Sindaco per "Bagni di Lucca al Centro", presenta i candidati ed il programma elettorale a cittadini e stampa.

Un'importante occasione per far conoscere il nostro progetto e le nostre intenzioni su Bagni di Lucca ha dichiarato Bianchi.
Puntiamo ad un vero e radicale cambiamento troppo spesso annunciato e ricercato dalla popolazione e mai concretizzato.
Crediamo ci siano buone potenzialità per riportare Bagni di Lucca al centro della Mediavalle. Da qui il nome della nostra lista.
Dovessi vincere sarei il Sindaco di tutti i cittadini e non di una sola parte.
Ora o mai più, ha dichiarato Paolo Bianchi.
Sono a disposizione della collettività estraneo da lotte politiche esterne da Bagni di Lucca.

Paolo Bianchi 

martedì 10 maggio 2022

SIMONINI: Solidarietà a NoiTv dopo il gesto vandalico subito.


Simone Simonini Segretario Provinciale di "Italia al Centro", esprime solidarietà per il gesto vandalico subito dall'emittente Noitv e alle sedi del polo tecnologico della camera di commercio. 
Noitv rimane sul territorio un punto di riferimento. 

Questi attacchi a prescindere da qualsiasi pensiero, sono attacchi che riguardano un po' tutti noi. Massima vicinanza a tutti i lavoratori e giornalisti che ogni giorno si impegnano per dare spazio alle più svariate notizie, dal campo sociale e culturale fino a quello politico.


Simone Simonini 

venerdì 6 maggio 2022

BAGNI DI LUCCA al CENTRO: Andreotti Roberto di UN FUTURO PER LA VALSERCHIO scende in campo a fianco di Paolo Bianchi.

______________________________________
______________________________________

UN FUTURO PER LA VALSERCHIO
APPOGGIA PAOLO BIANCHI DI
BAGNI DI LUCCA AL CENTRO

Andreotti Roberto, come rappresentante della lista ''Un Futuro Per La Valserchio'', scende in campo nel suo comune a fianco di Paolo Bianchi con ''Bagni di Lucca al centro''.
____________________________

''Questo è il comune dove sono cresciuto ed ho passato gran parte della mia vita'' - esordisce Andreotti - ''Questo è il posto che chiamo Casa''.

''Ho scelto il progetto di Paolo Bianchi, in quanto, attualmente lo ritengo la situazione migliore'' - spiega Andreotti - ''dopo che non è stato possibile creare una lista unitaria di centrodestra, abbiamo deciso con Paolo Bianchi ed il suo gruppo, e con Simone Simonini segretario provinciale di Italia al Centro con Toti, di scendere in campo con una lista che si rifà a quei valori tanto cari ai cittadini di Bagni di Lucca, che storicamente hanno sempre votato per il centrodestra''.

''Parlerò di idee e programmi'' - conclude Andreotti - ''Lasciando ad altri offese e denigrazioni, e sposo in pieno lo slogan di Paolo Bianchi: DALLA PARTE DEI CITTADINI''.
____________________________

giovedì 5 maggio 2022

SABATO 23 LUGLIO, TORNA A RESCETO LA RIEVOCAZIONE STORICA DELLA LIZZATURA DEL MARMO.


Ritorna a Resceto dopo 13 anni la rievocazione storica della lizzatura del marmo , evento nazionale,  anche con borse di studio agli studenti e crono scalata. 
Nino Mignani fa il punto.

 Sabato 23 luglio a Resceto frazione montana del Comune di Massa su iniziativa della locale Associazione “Resceto Vive” dopo uno stop durato 13 anni  tornerà la rievocazione storica della lizzatura del marmo evento nazionale. Come è noto questa bella e suggestiva manifestazione era curata dall'Associazione “Alta Tambura” presieduta da Nino Mignani che  nel 2009  dopo 11 anni cessò l'attività. L’Associazione “Alta Tambura” era sorta per rivitalizzare la frazione montana adagiata sotto le Apuane con il Monte Tambura che la sovrasta e da qui si snoda la Via Vandelli storica arteria costruita fra il 1728 e il 1752 da Francesco III di Modena per avere accesso al mare. Dunque  dopo 13 anni un gruppo di ex lizzatori della prima manifestazione ha deciso insieme ai giovani del paese e la collaborazione di molti soci del Soccorso Alpino di Massa di riprovarci  coinvolgendo l'Associazione "Resceto Vive" per rilanciare la manifestazione che ha fatto conoscere Resceto nel mondo. Infatti l’evento è stato oggetto di due films, diversi libri, molti passaggi sulle tv nazionali fino a quella della Baviera hanno dato lustro ad una rievocazione che ha avuto picchi di presenza fino a tremila persone. La Manifestazione si divide in tre parti:

La vera e propria ricostruzione storica del trasporto a valle del marmo sulla  slitta di legni “ Lizzatura del marmo”

La rievocazione si terrà appunto a Resceto  in un ravaneto dismesso, in una vecchia cava di bardiglio nello scenario  e la visione dei tornanti della storica Via Vandelli, in un percorso appositamente costruito con un dislivello accettabile con discese , punti piatti e curve atte a rievocare e spiegare con facilità cosa era la lizzatura del marmo.   Il gruppo di esperti cavatori lizzatori coordinati da Nino Mignani intanto ci spiegano: una  serie di 8 piri scavati nei punti chiave del percorso saranno debitamente " impirati" in modo da fare cambi delle tre  funi (una a lasciare e due sempre a tenere) con l'uso dei parati e il passaggio degli stessi dal davanti al retro della carica. Un percorso questo in cui il pubblico  può posizionarsi in piena sicurezza ai lati della discesa della carica ed osservare tutti i particolari della lizzatura. Dunque sarà fatta  scendere una “carica” di marmo  di 16/18 tonnellate costituita da  vari blocchi di marmo  almeno 6. L’evento ricordiamo  servirà  soprattutto a ricordare le prime lizzature in cui togliere il marmo dal monte era difficoltoso e si riquadrava a mano con enorme impegno fisico. Mignani aggiunge “  una manifestazione questa risottolineo che vuol abbinare storia, tradizioni e valorizzare le risorse locali nel quadro di un turismo che possa abbinare le nostre spiagge, la montagna e la cucina locale. Non a caso nelle precedenti manifestazioni la presenza di persone provenienti da fuori zona era spesso preponderante rispetto ai nostri concittadini.” 

Un bando pubblico per le Scuole medie inferiori  e superiori e in particolare per l’Istituto Artistico F.Palma
Ma Mignani non si ferma qui: “in occasione delle rievocazione storica della ‘Lizzatura del marmo’ l’Associazione ‘Resceto Vive’ indice Borse di studio a sostegno di studenti e/o classi della nostra città . E’ aperta agli studenti e/o classi  delle scuole medie inferiori (limitato alle sole classi terze) e delle scuole medie superiori. Scopo del concorso è quello di rinverdire la memoria di un mestiere che ha dato occupazione e ‘pane’ a molte famiglie del nostro territorio massese. Un mestiere antico e altamente pericoloso che ha mietuto molte vittime; un mestiere eroico, svolto da persone eroiche. Possono partecipare al Bando gli studenti e/o le classi,  previa presentazione di un elaborato inedito, della lunghezza massima di due cartelle editoriali. (La cartella editoriale è l'unità di misura di riferimento per indicare la lunghezza dei testi, a prescindere da tutte le variabili di formattazione. 
Una cartella editoriale standard è un foglio di 1.800 caratteri, suddivise in 30 righe da 60 battute ognuna, spazi compresi). Il Bando prevede una sezione particolare per l’Istituto A Gentileschi sede Liceo Artistico F. Palma di Massa per la preparazione di bozzetti, manufatti e quant0altro che possano valorizzare la lavorazione del marmo
progetto di riscoperta della nostra storia dei cavatori e lizzatori sono importanti. Abbiamo perciò organizzato  un bando di concorso per componimenti sul tema con l'assegnazione di borse di studio del valore complessivo di 1000 euro ciascuna. La storia e la cultura del marmo e soprattutto il ricordo di quegli uomini, cavatori e lizzatori che hanno costruito con il duro lavoro il futuro delle nostre città, una valore aggiunto perchè la “la storia è la memoria di un popolo e senza una memoria l'uomo è ridotto al rango di animale inferiore.  Sottolineare come far scendere da quei monti su quella slitta sulle lizze di faggio  tonnellate di marmo,  fosse un atto eroico ed un sacrifico per costruire il futuro e ricordare è il modo per continuare a sviluppare il nostro territorio.” 


Una iniziativa  enogastronomica per tutta la giornata di sabato 23 luglio in collaborazione con i produttori locali. 
Intorno alla discesa costruiremo una iniziativa enogastronomica che presenti prodotti tipici locali della nostra provincia e possa contribuire a far conoscere ai turisti le peculiarità del nostro territorio e dunque ampio spazio avranno il miele dop della lunigiana, i formaggi di capra, il lardo di colonnata, la farina di castagne , e molto altro. Una manifestazione che vuole dunque abbinare storia, tradizioni e valorizzare le risorse locali nel quadro di un turismo che possa abbinare le nostre spiagge, la montagna e la cucina locale. Non a caso nelle precedenti manifestazioni la presenza di persone provenienti da fuori zona era spesso preponderante rispetto ai nostri concittadini. In definitiva vogliamo anche contribuire alla piena valorizzazione di un territorio che nel tratto di 15/20 km fornisce occasioni di passare dalle spiagge assolate a  montagne di notevole altezza che  non a caso hanno  il nome di Alpi Apuane.” Mignani conclude dicendo  che i soggetti attuatori dell’evento sono: “i soci dell'Associazione  "Resceto vive"; la Compagnia di lizza  della vallata della Tambura: gli amici del Soccorso Alpino; i cavatori del paese di Resceto; le strade del vino, i produttori locali. 


Questo il programma di massima:  Sabato 23 dalle ore 10 in poi a Resceto. Presentazione dei produttori che allestiranno la giornata enogastronomica; degustazione dei prodotti; ore 16,30: rievocazione della lizzatura; DALLE ORE 18 Degustazione dei prodotti tipici; ore 20.00 premiazione e consegna ai vincitori delle borse di studio; ore 21.00 - proiezione filmati. In programma anche una cronoscalata dal punto della lizzatura fino al Rifugio “ Nello Conti” località Ai  Campaniletti  1442 metri. Saranno affissi manifesti e diffusi migliaia di volantini in tutto il comprensorio fino a Forte dei Marmi oltre al fattivo coinvolgimento dei mass media locali e non.


Nelle foto: momenti e gruppi della lizzatura e Nino Mignani

lunedì 2 maggio 2022

SIMONE SIMONINI E' IL NUOVO SEGRETARIO PER LA PROVINCIA DI LUCCA PER ''ITALIA AL CENTRO CON TOTI''.


Simone Simonini è il nuovo Segretario per la Provincia di Lucca di "Italia al Centro" il nuovo soggetto politico lanciato il 28 aprile a Roma da Giovanni Toti. 

La nomina è arrivata proprio dal Presidente Nazionale del movimento Toti, e dal suo Vice Gaetano Quagliariello.
Visto il buon lavoro svolto dal 2019 con il ruolo di Coordinatore Provinciale di Cambiamo! 
Il partito affida a Simonini il compito di radicare "Italia al Centro" in Provincia di Lucca, e di garantirne la diffusione in tutto il territorio anche al fine di assicurarne la presenza con liste e candidati alle prossime amministrative.

Sono orgoglioso -ha dichiarato Simonini- di questo riconoscimento e del lavoro svolto nel tempo con l'on. Giorgio Silli Segretario di Presidenza della Camera dei Deputati e Simone Spezzano Responsabile del movimento giovanile.
Dal 2019 con Cambiamo! Abbiamo lavorato con costanza e grande presenza sul territorio, dove siamo stati presenti in molte amministrative.
La voglia di fare politica tra la gente non manca, e per questo con il supporto di "Italia al Centro" rilanciamo ancora più convintamente la nostra presenza sul territorio.
Una piccola base solida l'abbiamo, ora avanti con le amministrative di Lucca e Bagni di Lucca, dove tra l'altro correrà un nostro candidato a Sindaco.


_________________________________________

martedì 26 aprile 2022

Europa Verde Lucca: Sosteniamo l'appello per il ritiro del procedimento giudiziario contro il Comitato di S. Concordio.

Comunicato stampa: Sosteniamo l'appello per il ritiro del procedimento giudiziario ai danni dei cittadini del Comitato di S. Concordio

Come Europa Verde – Verdi Lucca sosteniamo l'appello ai consiglieri comunali riguardante il ritiro del procedimento giudiziario per danni d'immagine nei confronti di alcuni privati cittadine e cittadini di S. Concordio. Come abbiamo già sostenuto in precedenza, purtroppo le vicende legate a quel quartiere sono rapidamente degenerate e si è persa l'occasione di gestire dal punto di vista politico le diversità di vedute tra l'amministrazione e la popolazione locale che si è organizzata nel Comitato di S. Concordio. A questo punto riteniamo che lasciar cadere le accuse, che oltretutto comporterebbero degli importi enormi per risarcimento danni a carico di privati cittadini, sarebbe un buon modo per provare a raffreddare gli animi e a recuperare un dialogo costruttivo sulle prospettive di sviluppo della città e dei suoi quartieri, anche considerando i prossimi interventi previsti nell'area di S. Concordio sui quali sarà decisivo l'operato della prossima amministrazione e della coalizione di centrosinistra con la quale noi di Europa Verde – Verdi Lucca ci candidiamo a governare la città.

Luca Fidia Pardini, Marta Glenda Lugano

Co-portavoce Europa Verde – Verdi Lucca

giovedì 14 aprile 2022

COLTANO: Lettera al Presidente della Toscana Eugenio Giani da Europa Verde - Verdi Toscana.


Lettera aperta al Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani

SI' ALLA TUTELA DEL TERRITORIO DEL PARCO MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI, NO ALLA CITTADELLA MILITARE

 Ancora una volta noi di Europa Verde – Verdi Toscana ci troviamo a dover rispondere ad un gravissimo attacco alle aree protette di questo paese, in particolare al Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli.

Sono ormai confermate le notizie di un intervento di progettazione per l'insediamento di una nuova base a Coltano, all'interno del Parco, già area MaB (Man and the Biosphere) dell'UNESCO. La notizia ci trova profondamente sconcertati per una moltitudine di contraddizioni in essere che tradiscono ormai la sempre più preoccupante assenza di una politica del territorio su base nazionale. Al di là degli slogan e delle etichette la transizione ecologica rischia di rimanere sulla carta se addirittura il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza riesce ad includere tra gli interventi anche misure volte a sottrarre terreni alla biodiversità, e nella fattispecie anche all'agricoltura, per destinarli alla costruzione di insediamenti militari. Di rinascita e resilienza infatti non si trova traccia né nell'obiettivo né nel luogo dove si vorrebbe intervenire, per non parlare del fatto che questo progetto rappresenta una gravissima infrazione alla stessa Costituzione Italiana, che all'art. 9 e 41 tutela il Paesaggio, l'Ambiente e la Biodiversità, elementi dai quali dipende la stessa sopravvivenza della specie umana. Inoltre, nel 2004 il Parco è stato riconosciuto dall'UNESCO (sezione dell'ONU per l'educazione, la scienza e la cultura) quale Riserva della Biosfera, col nome di "Selva pisana". Questa Riserva, parte del Programma mondiale MaB, coincideva esattamente con i confini del Parco regionale. 

Sono passati appena 6 anni da quanto, in occasione del quarto Congresso mondiale del programma MaB a Lima in Perù, l'UNESCO ha premiato il Parco, che allo scadere dei 10 anni (durata del riconoscimento dell'area) non solo ha voluto riconfermare la permanenza nella lista di queste pregiate aree a livello mondiale ma ha rilanciato raddoppiando la superficie ed includendo il complesso dei Monti pisani (nei loro due versanti pisano e lucchese) e del territorio agroforestale di Collesalvetti. Nasceva così la nuova Riserva della Biosfera "Selve costiere di Toscana" che, cosa del tutto non scontata, estendeva la propria superficie oltre ad estesi territori dei comuni di Pisa e Viareggio vedeva l'ingresso dei comuni di San Giuliano Terme, Vecchiano e Massarosa con tutto il loro territorio comunale dentro i confini della nuova Riserva, per travalicare i confini dello stesso Parco includendo anche Lucca e Capannori, con la loro porzione di Monti Pisani, Calci, e Collesalvetti.

Sul sito del Parco si legge con un certo slancio d'orgoglio, che non possiamo che condividere, come Il nome della nuova Riserva "Selve costiere di Toscana", risulta particolarmente azzeccato per la sua capacità di descrivere il territorio nella sua interezza, ma anche per rappresentarlo a livello internazionale con incredibile efficacia comunicativa, evocando la foresta, la costa e il potente brand "toscana".

Se a questo si aggiungono le sirene d'allarme che da più parti invocano interventi volti al recupero di aree agricole per garantire al territorio nazionale una minor dipendenza dalle importazioni di generi alimentari risulta ancor più paradossale la programmazione di interventi che sottrarrebbero ben 70 ettari di aree agricole già in produzione. Perché bisogna ricordare che il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli è un Parco in cui l'agricoltura è parte integrante del territorio, in essa convivono, si sperimentano e si adottano sistemi di coltivazione compatibili con le aree di interesse comunitario che in essa sono presenti. Agricolture a bassa intensità di input energetici e di fertilizzanti di cui, proprio in questo periodo si percepisce la grande fragilità del sistema Italia, sono sistemi che dovrebbero essere estesi su tutto il territorio nazionale tanto che vero paradosso di questa vicenda è che dovrebbe essere il modello del Parco di San Rossore ad essere esteso nelle aree limitrofe regionali e non solo, e non essere esposto a fenomeni di erosione con interventi che stanno fuori da tutte le logiche di cui i documenti nazionali relativi alla Transizione Ecologica sono carichi e che rischiano di rimanere sempre più parole vuote. Come Europa Verde esprimiamo il nostro fortissimo dissenso su questa operazione e chiediamo all'Amministrazione Regionale, al Presidente Giani e al Consiglio Regionale, di prendere una posizione chiara e netta, ribadendo e rilanciando quella già espressa dall'Ente Parco, affinché, nella nostra Regione, siano fatte salve le prerogative di tutela e valorizzazione del territorio e del paesaggio in chiave ecologica. Ci impegniamo a raccordarci e a coordinarci con tutte quelle realtà politiche e associative che non si riconoscono in questo modello di sviluppo e di utilizzo delle risorse pubbliche, affinché si possa formare una coscienza pubblica a supporto delle scelte che veramente possono essere orientate alla rinascita e alla resilienza del nostro territorio regionale.

Europa Verde - Verdi Toscana


ELEZIONI SAN MARCELLO PITEGLIO 2022 MARCO POLI: RITIRO DELLA LISTA

 



Dopo aver ponderato a lungo, visto la confusione e la frammentazione che si sta verificando sulle elezioni di San Marcello Piteglio, ho deciso di non presentare un ulteriore lista a questa tornata amministrativa.
Circa un anno e mezzo fa avevo previsto che se le cose non fossero cambiate, ci sarebbero state concretamente 3-4 liste e che CDX e Vivarelli sarebbero andati separati e così è stato. Non perché sia preveggente, ma perché vivo sia il territorio che la vita politica.
Non entrerò neanche in nessuna delle liste alternative all’attuale maggioranza, in quanto non sono convinto né dei candidati , né dei progetti. E pur dispiaciuto di non entrare in consiglio comunale, non sono disposto per andarci ,a convincere la gente in un progetto in cui io stesso non credo.
Naturalmente seguirò la campagna elettorale valutando chi votare, senza preconcetti ideologici, valutando il bene del territorio.
Anche perché vedendo certi futuri, potrebbe essere meglio tenersi il passato.

Marco Poli


seguitemi sui miei canali social:


Pagina Facebook                                 

Canale youtube

Canale Telegram

Chat Whatsapp dirette


#marcopoli






lunedì 11 aprile 2022

Europa Verde: I Piani Strutturale e Operativo del Comune di Pietrasanta non sono conformi al Piano Paesaggistico Regionale.


Come Federazione Provinciale di Europa Verde – Verdi Lucca abbiamo presentato un'osservazione di carattere generale al Piano Strutturale e al Piano Operativo recentemente adottati dal Comune di Pietrasanta, rilevando che mancano coerenza e conformità rispetto al Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico della Regione Toscana (PIT/PRP). Coerenza e conformità per altro annunciate nelle premesse dei Piani, ma disattese poi nei contenuti.
Da una lettura approfondita degli atti adottati, infatti, abbiamo riscontrato che sia il Piano Strutturale che Piano Operativo adottati dal Comune di Pietrasanta hanno applicato in modo errato e fuorviante le disposizioni del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico PIT/PRP.

É questa inefficacia che configura le trasformazioni così come sono rappresentate dal Quadro Progettuale del Piano Operativo adottato, che, invece di ridurre le criticità evidenziate, le conferma e le accentua così rinnegando gli obiettivi del PIT/PRP che sono stati sempre dichiarati anche come "i propri obiettivi".

Il dato delle aree di trasformazioni presenti nel Quadro Progettuale del PO è esemplificativo di quanto sopra espresso: il Piano Operativo del Comune di Lucca (89378 abitanti) recentemente adottato presenta n° 48 Schede Norma; il Piano Operativo del Comune di Pietrasanta (23121 abitanti) presenta n° 104 Schede Norma!! Più del doppio, pur avendo un quarto di popolazione (il RU del Comune di Viareggio (62343  abitanti; approvato nel 2018) presenta n° 33 Schede Norma; il PO del Comune di Camaiore 31761   abitanti; adottato nel 2018) presenta n° 51 Schede Norma).

Inefficacia che ritroviamo nel trattare tutti i luoghi più sensibili e significativi per quanto attiene le qualità del paesaggio e degli ecosistemi propri del territorio del Comune di Pietrasanta, quali per esempio:
a. Il sistema della Versiliana
b. Le arie umide lago di Porta
c. Il corridoio ecologico Versiliana/Pianura/colline
d. La cava Ceragiola
e. La città 'giardino' della costa
f. Il sistema verde di Motrone: la pineta Varenna e i fossi di Motrone
g. La pianura agricola tra Marina e Pietrasanta

Inoltre, è notizia recentissima che anche la Regione Toscana ha bocciato pesantemente i Piani presentati, denunciando anch'essa la sproporzione tra le previsioni di aumento di popolazione in essi contenuti e la realtà dei fatti, e la conseguente abnorme edificazione. Data la situazione, auspichiamo che si profili una completa revisione dei Piani presentati, a cui, come Europa Verde - Verdi non faremo mancare il nostro contributo costruttivo , ovviamente sempre in senso ecologista, l'unico perseguibile se si vuole davvero guardare al futuro.

Luca Fidia Pardini
Co-portavoce Europa Verde - Verdi Lucca

venerdì 8 aprile 2022

Attentato a Tel Aviv, l'Associazione Apuana Amicizia Italia-Israele di Massa Carrara esprime il proprio sdegno.


Tre morti e una quindicina di feriti, alcuni gravemente. Questo è il bilancio dell'ennesimo attentato del terrorismo palestinese contro gli ebrei in Israele. Il killer, Raed Fathi Hazem, mussulmano di 29 anni originario di Jenin, militava nella brigata dei Martiri di Al-Aqsa, un'organizzazione jihadista legata ad al-Fatah (il movimento politico fondato da Yasser Arafat nel 1959). 
Dopo un inseguimento di circa nove ore, tra Jaffa e Tel Aviv, la polizia israeliana è riuscita a neutralizzare l'assassino che ha lasciato dietro di sé una lunga scia di sangue. Sembra che l'uomo abbia agito da solo ma non si esclude possa aver avuto dei complici che potrebbero averlo aiutato nella lunga fuga. 

In Israele questo è il quarto attentato nel giro di poche settimane; segno della recrudescenza di un terrorismo - quello palestinese - mai sopito e sempre pronto a colpire, soprattutto tra i civili e gli innocenti. 

L'Associazione Apuana Amicizia Italia-Israele di Massa Carrara, nel condannare fermamente il vile attentato, esprime il proprio cordoglio per le vittime ed invita tutti a non abbassare mai la guardia contro il terrorismo islamico. 
________________________

Adelindo Frulletti 
Presidente dell'Associazione Apuana Amicizia Italia-Israele

martedì 5 aprile 2022

MISERICORDIA di BAGNONE: In prima linea per gli aiuti all'Ucraina.


“Da noi si fa volontariato nel vero senso della parola e non mancano le persone perché ben radicati nel tessuto sociale”.
 
Intensa attività anche nel sociale della Confraternita di Misericordia di Bagnone in Lunigiana coordinata dal Governatore  e Consigliere Nazionale Mareno Barbieri. 
Di recente sono stati  consegnati i generi vari (vestiti, acqua, generi alimentari vari, per l’igiene, farmaci ed altro) ben 25 metri cubi  presso  l'hub della Misericordia di Santa Croce sull'Arno- “La campagna di raccolta per l’Ucraina – dice il Governatore Mareno Barbieri - è iniziata il 4 marzo scorso in collaborazione con il Comune e le i associazioni: Misericordia di Fivizzano, Fratres, Donne di Luna, Arcobaleno della Vita.
Il centro di raccolta era aperto dal lunedì al sabato in Piazza Europa 5, dove operavano i volontari delle suddette Associazioni e semplici cittadini. C'è stata una vasta partecipazione da parte dei cittadini e una  collaborazione fattiva dei commercianti e della farmacia Cortesini che hanno messo a disposizione, presso i loro esercizi, carrelli per facilitare la raccolta. Dunque un primo tir è stato inviato a Firenze da dove anche i nostri generi sono partiti e consegnati presso il confine tra Polonia e Ucraina, la raccolta è ancora attiva per 2 giorni alla settimana: lunedì e giovedì e già molto materiale è stato raccolto.” 


Barbieri coglie l’occasione per fare il punto sull’attività associativa. “Ad oggi abbiamo circa 45 volontari tutti operativi e nei prossimi giorni ci sarà finalmente consegnato un pulmino da 9 posti nuovo di zecca che va ad aggiungersi alla nostra numerosa ”flotta” di mezzi: auto, ambulanze e mezzi attrezzati, strumenti necessari per servire la popolazione nostra e quella sparsa nelle molte frazioni in cui è suddiviso il nostro comprensorio. 
Ora abbiamo anche una nostra formatrice, Chiara Bertolini,  importante appunto per…formare le diverse richieste di persone di ogni età che ci chiedono di venire a fare i volontari. 
Da noi il volontariato è molto sentito,  credo che questo derivi da quanto la nostra Associazione ed in definitiva la Misericordia soprattutto in Lunigiana sia radicata nella popolazione. 
Si fa volontariato nel vero senso della  parola, non ci interessa “l’industrializzazione del dolore”, non gestiamo ambulatori od altro  a pagamento ma svolgiamo solo attività sociale nel vero senso della parola e per questo istituzioni locali Comune in testa e la popolazione tutta ci sostengono. 
Presto, cambiate le regole per il Covid re-inizieremo con le giornate gratuite di prevenzione per le quali pressoché ogni giorno c'è richiesta da parte della collettività e comunque  parteciperemo, se chiamati, ad altre, anche fuori dal nostro Comune. 
Siamo un vero e proprio call center la cui importanza  e soprattutto la necessità la riscontriamo ogni giorno di più; siamo chiamati per la spesa, acquisto farmaci o essere accompagnati dal medico ed altro. 
Ricordo, per esempio, che durante il periodo vaccinale anti Covid abbiamo supportato per quanto di nostra competenza i medici di famiglia, accogliendo circa 1200 vaccinandi. Cosa riceviamo come compenso? Il sorriso ed il grazie di chi assistiamo e questa, per noi, è la più grande delle ricompense” .

Nelle foto: Volontari della Misericordia con al centro il Governatore Barbieri; momenti del carico del materiale per l’Ucraina


giovedì 31 marzo 2022

SERAVEZZA: Sabato 2 aprile, torna il Blue Day anche a Riomagno.


SERAVEZZA - Dopo due anni di arresto forzato causa Covid-19, torna anche a Riomagno il Blue Day, giornata internazionale per l'autismo. Il borgo del comune di Seravezza è da anni centro pulsante di attività culturali, eventi fotografici ed artistici che richiamano migliaia di visitatori.


Sabato 2 aprile è la giornata speciale dedicata alla sensibilizzazione sul tema dell'autismo e Riomagno si tinge di blu all'interno di una serie di iniziative in programma a Seravezza nel corso dell'intera giornata. Dalle 21 il campanile di San Giovanni, le vie del borgo ed anche la vicina cascata del fiume Serra diventeranno blu ed il colore sarà messo in risalto dal fatto che verrà spenta la pubblica illuminazione.

Come sempre all'evento è invitata l'Associazione Autismo Apuana Onlus che sarà presente con una rappresentanza anche di ragazzi con le loro famiglie i quali saranno accolti con una performance estemporanea a sorpresa preparata dagli abitanti di Riomagno. 
E c'è chi ha esaltato il parallelo tra l'effetto ottico dei luoghi così illuminati, che sembrano sospesi all'interno di una bolla blu, i quali evocano proprio il concetto di chi vive con una malattia che sembra creare una bolla, di isolamento ma anche di non comprensione, attorno a chi ne è affetto. 
Conoscere e capire l'autismo è il primo passo per "bucare" questa bolla ed eliminare barriere, distanze e preconcetti. 


Francesco Speroni.