ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

LETTORI SINGOLI

LE GRANDI COMETE STORICHE cap. 3/B : dal 1665 al 1770. by Andreotti & Donati - INSA.

__________________________________________
__________________________________________
Aggiornato il 13/02/2022

Le grandi comete storiche capitolo 3/B
Dell'ERA MODERNA - Dal 1665 al 1770 .
A cura di Giovanni Donati e Andreotti Roberto.

__________________________________________
__________________________________________

Nell'introduzione del primo capitolo riferito alle grandi comete storiche dell'antichità, abbiamo già fornito una descrizione che potete leggere QUI .


I primi veri fatti scientifici conosciuti sulle comete si devono alle osservazioni del grande osservatore Tycho Brahe (1546-1601). Brahe fece misurazioni della posizione della Grande Cometa del 1577 e la determinò dalla sua parallasse scoprendo che era un oggetto lontano, molto più lontano della Luna, e quindi non un fenomeno atmosferico come molti avevano creduto. 
Fu Edmond Halley (1656-1742) insieme al suo contemporaneo Sir Isaac Newton (1643-1727) a contribuire alla prima comprensione fisica della natura delle comete. 
La prima esperienza di Halley con le comete fu con la spettacolare apparizione della cometa del 1680 e della cometa del 1682 (che in seguito avrebbe portato il suo nome) e si interessò molto a capire come si muovessero. Dopo aver osservato queste comete luminose, Halley iniziò a contemplare la teoria della gravitazione con altri alla Royal Society, ma avevano bisogno di una base matematica per le loro discussioni. Halley si avvicinò al suo amico, Isaac Newton, l'unico uomo in grado di elaborare tali calcoli, e fu sorpreso di apprendere che Newton aveva risolto il problema molti anni prima, ma aveva perso i suoi appunti. Su sollecitazione di Halley, Newton si convinse a rielaborare i suoi calcoli e Halley pagò per la pubblicazione dei Principia . 
Usando questo metodo, Halley fu in grado di calcolare le orbite delle comete e notò che le orbite delle comete del 1531, 1607 e 1682 sembravano molto simili. Propose che si trattasse della stessa cometa che tornava ogni 76 anni e che la cometa sarebbe tornata nel 1759. 
Sebbene morì prima che la previsione potesse essere verificata, la cometa fu recuperata il 21 gennaio 1758 e fu chiamata in suo onore (di solito le comete prendono il nome dai loro scopritori).
__________________________________________
__________________________________________

ELENCO DELLE GRANDI
COMETE STORICHE :
Dal 1665 fino al 1770. (Comete visibili ad occhio nudo con alcune minori ma particolari).
_______________________________________
_______________________________________

LA GRANDE COMETA del 1665

C / 1665 F1 era una cometa che poteva essere vista ad occhio nudo nel 1665 . 
Per la sua straordinaria luminosità è annoverata tra le " Grandi Comete ".
Fu oggetto delle fobie nei confronti delle cometa tipica dell'epoca , ma anche di tante precise osservazioni scientifiche che contribuirono alla successiva comprensione del fenomeno e della sua orbita.


Osservazioni:
Questa cometa è stata osservata in tutta Europa, potrebbe essere stata scoperta il 27 marzo, oltre un mese prima del passaggio al perielio, come riportato da Johannes Hevelius , che l'ha osservata lui stesso con grande attenzione dal 6 al 20 aprile a Danzica . 
Il 6 aprile, nella seconda metà della notte, fino all'alba poteva vederla con una lunga coda di 17° . L'anno successivo ha pubblicato una descrizione dettagliata del suo movimento nel cielo, che si trova anche nel secondo volume della sua Machina coelestis .

Gli osservatori cinesi hanno riferito che "una stella straordinaria" è stata vista per la prima volta il 28 marzo. Il 13 aprile si era sviluppata una coda lunga 7°. La cometa è stata segnalata anche in Corea e Giappone.
Il gesuita francese François-Joseph Le Mercier ha visto la cometa per la prima volta la mattina del 29 marzo in Québec e ha potuto osservarla fino al 17 aprile.
Adrien Auzout e Pierre Petit hanno osservato la cometa a Parigi e dopo alcune osservazioni sono stati in grado di impostare un'effemeride per il tempo di osservazione rimanente.
Isaac Newton ha visto la cometa a Londra per quattro giorni dall'11 aprile . 
Dopo aver passato il punto più vicino al Sole, la cometa non poteva più essere osservata dall'emisfero settentrionale, mentre si ritiene che dopo il passaggio al perielio potesse essere ben visibile nell'emisfero sud, ma di questo non abbiamo alcuna notizia.
La cometa ha raggiunto una magnitudine di -1 magnitudine il 20 aprile .

( La cometa osservata in aprile da Trento ).

Dall'India:
C'è un riferimento a una cometa nel diario di viaggio del famoso viaggiatore francese Jean Baptiste
Tavernier (1605-89).
Tavernier, pioniere del commercio con l'India, fece sei viaggi in Oriente tra il 1631 e il 1668. 
Durante il sesto, lasciò Isfahan il 24 febbraio 1665 per venire in India. È arrivato a Surat il 5 maggio, con uno stock di pietre preziose, opere di oreficeria, ecc. Incontrò l'Imperatore Aurangzeb (nato nel 1618; periodo del regno 1659-1707) il 12 settembre. 
Il suo diario di viaggio del 1676 è stato tradotto da Valentine Ball (Tavernier 1925). 
La descrizione di Tavernier è così:
Da quando Aurangzeb, che attualmente regna, ha occupato il trono dei Moguls, che ha usurpato
da suo padre e dai fratelli si è imposto, come ho detto, una severa forma di penitenza, e non mangia nulla che abbia goduto la vita. Poiché vive solo di verdure e dolci, è diventato magro magro, a cui ha contribuito il grande digiuno che tiene, durante tutta la durata della cometa di quell'anno, che sembrava molto grande in India, dove mi trovavo allora, Aurangzeb bevve solo un po' d'acqua e mangiava una piccola quantità di pane di miglio; questo ha influenzato così tanto la sua salute che quasi morì, perché oltre a questo dormiva per terra, con solo la pelle di una tigre su di lui, e da allora non ha mai goduto di una salute perfetta ”.
La nota in calce del racconto di Tavernier recita così:
Questa cometa, se, come molti suppongono, è stata vista per la prima volta in Europa ad Aix, il 27 marzo di quell'anno. è durata quattro settimane e aveva una coda lunga 25 gradi. La sua orbita è stata calcolata da Halley ''.
Si tratta della cometa ora designata C / 1665 F1. Come riportato da Vsekhsvyatskii (1964), la cometa è stata vista per la prima volta a Norimberga il 26 marzo, la mattina del 27 marzo ad Aix-enProvence in Francia, e così via. I cinesi lo registrarono subito dopo (Kronk 1999). 
Aveva un coda lunga 30° come rilevato il 10 aprile dalla città di Jena. 
La cometa ha superato il suo perielio il 24,719 aprile sebbene sia stato visto l'ultima volta solo il 20,8 aprile; q = 0,10649 UA, i = 103,893 (JPL).
Da quando Aurangzeb salì al trono il 1° Dhu-al-Qa'dah 1068 AH (31 luglio 1658 Greg), nel 1661 e nel 1664 sorsero anche luminose comete che dovrebbero essere ancora nella memoria. Di questi, la cometa dell'anno precedente, vale a dire, la C / 1664 W1 ha fatto uno spettacolo corrispondente.

Paure e superstizioni:
Come era consuetudine all'epoca, questa cometa fu vista anche in una marea di scritti come un minaccioso presagio di varie disgrazie e come un avvertimento e una "verga di rabbia" inviata da Dio. Sorprendentemente, in questi scritti si trovano sia rappresentazioni astronomicamente precise dell'orbita della cometa sia previsioni superstiziose e paurose l'una accanto all'altra. 
All'imperatore fu inviato, all'apparizione della cometa, un astrologica previsione che profetizzava inondazioni, tempeste, terremoti, caduta di signorie, castelli e città, eclissi solari e lunari, guerre, ecc., e consigliava all'imperatore di "cercare un palazzo o residenza forte e ben costruito, situato in una valle oscura circondato dalle montagne e restarci per 20 giorni ”.
In retrospettiva, questa cometa fu ritenuta responsabile, tra le altre cose, della Grande Peste di Londra scoppiata nell'anno in cui apparve e del Grande Incendio dell'anno successivo.

Valutazioni scientifiche:
A metà del XVII secolo, le più diverse visioni sulla natura e, soprattutto, sulle orbite delle comete erano ancora in vivace discussione. Anche noti astronomi come Keplero , Galilei , Cassini e altri avevano solo idee vaghe o, dalla prospettiva odierna, assurde su questo argomento. 
Tuttavia, con la comparsa delle comete nel 1664 e nel 1665, furono compiuti ulteriori progressi nella comprensione del fenomeno. In particolare, l'ipotesi che le comete non siano fenomeni naturali effimeri di origine terrestre e che non corrano su percorsi rettilinei, ma curvi come i pianeti, e quindi esiste la possibilità di ritorno.

I primi tentativi di Ward , Petit, Auzout, Cassini e Hevelius di descrivere o persino calcolare tali orbite cometarie spesso hanno prodotto risultati errati (ad esempio nessuna spiegazione per il movimento retrogrado ), il che è stato attribuito all'imprecisione degli strumenti di misurazione utilizzati. 
La causa, tuttavia, era la visione geocentrica del mondo, che era ancora parzialmente assunta . Sarebbero passati diversi decenni prima che Dörffel e Newton fossero in grado di comprendere veramente il movimento delle comete .

Determinazione dell'orbita:
Gli elementi orbitali della cometa sono stati determinati solo dalle osservazioni di Hevelius.
Ma causa del numero limitato di osservazioni, è stato possibile determinare solo un'orbita parabolica con precisione limitata per la cometa , e risulta che è inclinata di circa 104° rispetto all'eclittica . Rivoluziona quindi in senso opposto (retrogrado) rispetto ai pianeti attraverso la sua orbita. 
Nel punto dell'orbita più vicino al sole ( perielio ), che la cometa ha superato intorno al 24 aprile 1665, era quasi quattro volte più vicino al sole di Mercurio ad una distanza di 15,9 milioni di km dal sole .
Periodo:  24 aprile 1665 
JD 2.329.303.219)
Tipo di orbitaparabolica
Eccentricità orbitale1.0
Distanza del Perielio0.10649 UA
Inclinazione del piano dell'orbita103,893°
Data del Perielio24 aprile 1665
17h15'22"
Velocità orbitale 
nel perielio
129 km / s
Già dal 4 aprile si era avvicinata alla terra a circa 0,57 AU / 85 milioni di km e il 18 aprile si è avvicinata a Venere a circa 96 milioni di km.
È improbabile che la cometa ritorni nel sistema solare interno o tornerà sarà tra molte decine o centinaia di migliaia di anni .

Nei grafici forniti dal sito del Jet Propulsional Laboratory, mostriamo il primo passaggio vicino alla Terra visibile dall'emisfero nord, di seguito il passaggio al perielio, infine il successivo passaggio ravvicinato alla Terra visibile solo dall'emisfero meridionale di cui ci manca ogni riscontro osservativo.



( Grafici dell'orbita - JPL ).
_______________________________________
_______________________________________

LA GRANDE COMETA del 1666

La X/1666 W1 è una cometa che è stata visibile ad occhio nudo sul finire dell'autunno dell'anno 1666, dai resoconti osservativi cinesi, ipotizziamo che faccia parte del gruppo delle comete radenti di Kreutz dette ''Sungrazer''.
L'abbiamo annoverata tra le grandi comete per l'enorme estensione della sua coda, che i resoconti riportano di oltre 70° anche se è durata dolo pochi giorni.

Ricostruzione effettuata grazie al resoconto della cronaca imperiale cinese ).

Resoconti osservativi:
Di questo evento ci giungono solo resoconti dalla Cina: 
'' la notte del 24° giorno, del decimo mese, del quinto anno, del periodo di regno di Kang-Xi (1666, 20 novembre), una cometa apparve nel sud-est. La sua lunghezza era di sette Zhang (70 cubiti, più di 70°), e si estendeva fino al centro del cielo. Era come un arcobaleno bianco che si estendeva a nord-ovest ''.
[Xin-An Xian Zhi, vol. 11, p. 3; Osservatorio di Pechino (1988), p. 470].
Non è stata osservata in Europa a causa della sua bassa declinazione.

Valutazione scientifica:
E' stata osservata la prima volta il 20 novembre quando si ritiene che abbia fatto un passaggio molto ravvicinato al pianeta Terra visto che per pochi giorni è stato un luminoso oggetto della volta celeste australe, pochi giorni prima c'è stato il suo passaggio al perielio, ipotizzato per il 10±5 del solito mese, si ritiene che la sua magnitudine assoluta sia di circa +6 mag, mentre potrebbe aver raggiunto una magnitudine apparente massima di -3,1 mag.

In tabella si ipotizzano le posizioni che potrebbe aver assunto presumendo che si tratti di una cometa Sungrazer di Kreutz ).

Orbita:
La mancanza di osservazioni più dettagliate e limitate solo ad un giorno, ci permette solo di ipotizzare che potesse trattarsi di una cometa radente del gruppo di Kreutz, ma non siamo in grado di determinare un percorso orbitale più preciso.
_______________________________________
_______________________________________

LA GRANDE COMETA del 1668

C / 1668 E1 era una cometa che poteva essere vista ad occhio nudo nella primavera del 1668 . 
Per la sua straordinaria luminosità è annoverata tra le " Grandi Comete ", oltretutto, considerando le condizioni molto sfavorevoli della sua osservazione doveva essere un oggetto di dimensioni notevoli per essere una cometa così ben visibile (vedi grafici orbitali a fine paragrafo).


Osservazioni:
La cometa, non vista in pieno giorno, era passata solo di 1,5° dal sole il 29 febbraio
La cometa è stata avvistata per la prima volta la sera del 3 marzo al Capo di Buona Speranza in Sud Africa . Probabilmente all'orizzonte si vedeva solo la sua coda, non furono forniti dettagli, ma orbite successive indicavano che la cometa si trovava allora nella costellazione della Balena (cetus).
Due giorni dopo ci fu una scoperta indipendente a Lisbona , anche lì la testa era sotto l'orizzonte a causa della grande vicinanza del sole, ma la coda si estendeva per quasi un quarto di cielo da ovest a est, quell'anonimo scrittore ha scritto : "Il suo corpo non è visto, perché rimane nascosto all'orizzonte Il suo seguito è di una lunghezza stupenda, esteso in apparenza su quasi la quarta parte del Cielo visibile, da Ovest a Est, la sua larghezza apparente è di una buona palma e il suo splendore molto grande, ma dura solo poche ore ".
Nello stesso giorno c'è stata anche un'osservazione a Goa , in India , così come dal gesuita Valentin Estancel a São Salvador , in Brasile, che ha riportato una luminosità straordinaria (si poteva vedere il suo riflesso nel mare) e una lunghezza della coda di 23° , ha scritto pure che poteva osservare la piccola e scura testa con un telescopio .
La cometa ha raggiunto la sua declinazione più meridionale di -11,0° (apparente) il 6 marzo.
Estancel ha detto che la cometa era leggermente sbiadita dal 6 marzo "ed è diventata così sottile che l'occhio poteva facilmente vedere le stelle che erano dietro di essa", e l'8 ha detto che si potevano vedere ancora più stelle attraverso la coda della cometa.

DALL'ESTREMO ORIENTE:
Cina :
1) (cronaca Chao Zhan Fu Zhi) - '' Nella notte del ventesimo giorno del primo mese lunare del settimo anno del periodo di regno di Kang-Xi (2 marzo 1668), una cometa apparve a ovest. Era lungha alcuni zhang. Dopo diverse notti è scomparso ''.
[1 zhang = 10 chi (cubiti)].
2) (QSG) - '' Nel giorno di yi-hai nel secondo mese lunare del settimo anno del periodo di regno di Kang-Xi (18 marzo 1668), la sua coda ha spazzato via Tian-Yuan (Eridanus), Jiu-Zhou ( parte orientale di Eridanus) e Jun-Jing (Lepus). Nel giorno di ding-hai (30 marzo) scomparve ''.

Corea (Cronaca di Hyonjong): '' Nel giorno di yi-chou nel primo mese del nono anno di Hyonjong (8 marzo 1668), un vapore bianco si levava dall'orizzonte occidentale. Nella notte del giorno di wu-chen (11 marzo), un vapore bianco fu visto a ovest. Ha seguito la seconda stella di Tian-Yuan (⁠π Eridani), indicando una stella in Jiu-Zhou-Zhu-Kou. Nel giorno di ren-shen (15 marzo), sconfinò nella regione di Mao (18a dimora lunare) e la quarta stella di Tian-Yuan (⁠ε Eridani). La sua coda ha raggiunto una stella nello Shen (ventunesimo palazzo lunare) ''.

Giappone (Diario di Soko Yamaga): '' la sera del 27° giorno del primo mese lunare dell'ottavo anno del periodo di regno di Kanbun (9 marzo 1668), un vapore bianco apparve da ovest a est ''.

Giovanni Domenico Cassini ha potuto vedere la cometa per la prima volta il 10 marzo a Bologna, e ha visto un "percorso di luce" che presumeva fosse una cometa, che si estendeva da Cetus attraverso Eridanus. La punta della coda si trovava vicino a 14 Eridani, mentre la testa era o nascosta da "nuvole orizzontali" o ancora sotto l'orizzonte. 
Entro la seconda ora della notte, Cassini disse che la cometa era "demersa nelle nebbie dell'orizzonte". L'orizzonte di Cassini era coperto a ovest quando la notte iniziò l'11, ma dopo la prima ora della notte vide "uno splendore nella Balena [Cetus], almeno per mezz'ora, che era molto simile allo splendore di Venere, allo stesso modo velato da nuvole sottili, e due giorni dopo ha riportato una coda lunga 32°.

Le osservazioni di Cassini da Bologna ).

Nel corso dei giorni successivi, la cometa si allontanò nuovamente dal sole e dalla terra e perse la sua luminosità. 
La cometa è entrata in Eridano il 17 marzo e le distanze crescenti dal Sole e dalla Terra hanno avuto un impatto sulla luminosità. I cinesi hanno visto la cometa il 18 e hanno detto che la coda era lunga oltre 40°. La cometa è stata vista debolmente da un osservatore a Goa il 21, il che ha segnato l'ultima volta che è stata ottenuta una posizione. Il chiaro di luna ha iniziato a causare problemi da allora in poi e la cometa è stata rilevata l'ultima volta il 30 marzo dai cinesi. 
Estancel riassunse le sue osservazioni dicendo: "... fu dapprima molto splendido, e si proiettò con la vividezza sul mare, che i suoi raggi si riverberassero sulla riva, dove si trovavano gli Osservatori. Ma questo splendore durò solo per tre giorni, dopo di che decadde considerevolmente. Ma quello che sembrava un po 'strano, era che avendo perso così tanto della sua luce"
La cometa ha raggiunto una magnitudine da 1 a 2 mag l'8 marzo .

Valutazioni scientifiche:
Apparentemente gli astronomi consideravano le posizioni disponibili troppo approssimative per calcoli orbitali affidabili, ma, infine, nel 1843 furono fatti dei tentativi. Thomas Henderson divenne la prima persona a tentare di calcolare un'orbita per questa cometa e documentò i suoi tentativi in ​​due documenti pubblicati su Astronomische Nachrichten durante l'aprile e il luglio 1843. Henderson lavorò con una mappa disegnata da un osservatore a Goa. 
La mappa conteneva 13 posizioni ottenute durante il periodo dal 9 al 21 marzo. Sebbene il suo primo articolo contenesse un'orbita piuttosto non sungrazer con una distanza del perielio di 0,25 UA e un'inclinazione di 27°, il documento terminava con un'altra orbita con una data del perielio del 1668 marzo 1.3, una distanza del perielio di 0,0048 UA e un'inclinazione di 144°, che era molto simile a quella prevista per un sungrazer. 
Henderson ha esplorato la questione nel suo articolo di luglio. Ha preso l'orbita della sun-grazer C/1843 D1 e l'ha applicata alle osservazioni ottenute per la cometa del 1668. Ha detto che ha permesso un buon adattamento alle osservazioni. Ha suggerito: "Questo confronto e la grande somiglianza nell'aspetto delle comete sembrano rendere molto probabile che le comete siano le stesse. Tuttavia l'accordo entro i limiti tollerabili dei luoghi osservati e calcolati nel 1668 non è sufficiente da solo per stabilire l'identità; poiché è possibile che orbite molto diverse rappresentino le osservazioni approssimative fatte in quel periodo ". Quindi, Henderson era sulla strada giusta, ma invece di scoprire una famiglia di comete, era incline alla teoria che le due comete fossero la stessa cosa.

Quando Heinrich Kreutz scrisse le sue ricerche sul sistema delle comete nel 1843 I, 1880 I e 1882 II tra il 1888 e il 1901 , fu in grado di presentare le prove di una famiglia di comete radenti al sole.
Kreutz ebbe un vantaggio quando scrisse il suo articolo, un'altra cometa ben osservata vista nel 1882 aveva un'orbita simile a quella della cometa del 1843, ma si muoveva chiaramente in un'orbita con un periodo di diverse centinaia di anni. In aggiunta, c'erano altre due comete minori osservate nel 1880 e nel 1887 che si muovevano in orbite simili. 
Quindi, queste comete non avrebbero potuto essere la stessa cosa. Kreutz ha suggerito che una famiglia di comete fosse responsabile e ha tentato di cercare ulteriori candidati. 
Dopo aver esaminato la cometa del 1668, disse che un'orbita parabolica calcolata utilizzando le osservazioni ottenute durante il periodo dal 5 al 21 marzo indicava una data del perielio del 28,08 febbraio e una distanza del perielio di 0,067 UA. 
Ha detto che un'orbita radente al sole non si adattava alle osservazioni approssimative.

Immagine odierna di una cometa sun-grazer ).


Orbita:
Per la cometa, a causa del numero limitato di osservazioni, è stato possibile determinare solo un'orbita parabolica con precisione limitata , risulta che è inclinata di circa 144° rispetto all'eclittica. 
Rivoluziona quindi in senso opposto (retrogrado) rispetto ai pianeti attraverso la sua orbita. 
Nel punto dell'orbita più vicino al sole ( perielio ), che la cometa passò il 28 febbraio 1668, si trovava a una distanza di circa 9,96 milioni di km dal sole (circa 14 raggi solari) ben all'interno dell'orbita di Mercurio . 
Epoca:  28 febbraio 1668 
JD 2.330.342,58)
Tipo di orbitaparabolica
Eccentricità orbitale1.0
Distanza del Perielio0,0666 UA
Inclinazione del piano dell'orbita144,4°
Data del Perielio28 febbraio 1668
Velocità orbitale 
nel perielio
163 km / s
Il 14 febbraio si era avvicinata a Venere a circa 38 milioni di km e il 4 marzo si è avvicinata alla Terra a circa 0,80 UA / 120 milioni di km.
È improbabile che la cometa ritorni nel sistema solare interno o se tornerà sarà tra molte decine o centinaia di migliaia di anni .

Come potete vedere la cometa arrivava da una direzione opposta al Sole, in questo grafico della sua orbita tra i pianeti interni, alla data del 28 febbraio 1668 - JPL ).

Grafico dell'orbita - JPL ).
_______________________________________
_______________________________________

LA COMETA del 1672

La C/1672 E1 (Hevelius) è una cometa che è stata osservata anche ad occhio nudo, durante i mesi di marzo ed aprile dell'anno 1672.

Resoconti osservativi:
Dalle memorie dell'Accademia delle scienze di Parigi (tomo X, p.518 e seguenti), è stata estratta la seguente annotazione:
'' I gesuiti di La Flèche, avendo scoperto una cometa il 16 marzo, informarono i loro colleghi di Parigi. Cassini ha seguito questa cometa dal 26 marzo al 7 aprile; ma Hévélius l'aveva già scoperta a Danzica il 2 marzo. Troviamo queste osservazioni, sia nella sua Machina Celeste che in un piccolo Scritto che pubblicò specialmente su questa Cometa; le osservazioni si estendono dal 6 marzo al 21 aprile: è su di esse che Halley ha calcolato la prima orbita della Cometa ''.
[Pingrè vol.2 (1784) p.23].

Cronologia:
SCOPERTA: il 2,8 marzo 1672, da Hevelius, mentre si trovava a 1,11 UA dalla Terra e a 0,70 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 38°.
PASSAGGIO RAVVICINATO: il 14 marzo 1672, mentre era a 1,0169 UA dalla Terra.
ULTIMA OSSERVAZIONE : il 21,9 aprile 1672, di Hevelius, mentre si trovava a 1,61 UA dalla Terra e a 1,21 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 49°.
[Kronk, Cometography vol.1 (1999) p.362].

Parametri orbitali:
Grazie a 34 dati osservativi, di Hevelius e Cassini, nell'arco di 24 giorni, Berberich ha potuto calcolare una preliminare orbita parabolica prograda quasi perpendicolare al piano dei pianeti, difatti risulta inclinata di circa 82,972° rispetto all'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 109,524°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 302,691° (rif. SAO 2008).
Il passaggio al perielio è avvenuto il 1,947 marzo 1672, mentre si trovava ad una distanza di 0,69546 UA dal Sole.

( Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
_______________________________________
_______________________________________

LA GRANDE COMETA del 1673

La X/1673 F1 è stata una cometa osservata ad occhio nudo ad inizio primavera dell'anno 1673.
L'abbiamo annoverata tra le grandi comete per la sua evidente coda di oltre 10°, ed anche per la sua magnitudine visuale massima di -2,5 mag.

Resoconti osservativi:
Nelle cronache imperiali cinesi, si riporta quandi segue:
 1) - '' Nel giorno di Gui-Si (30esimo di 60) del primo mese, del dodicesimo anno del periodo di regno di Kang-Xi (1673, 10 marzo), una strana stella fu vista in Lou (sedicesima dimora lunare). Era grande come una noce, di colore bianco e la lunghezza della coda era di un cubito e mezzo, indicava verso est. Nel giorno di Jia-Wu (31esimo di 60) (1673, 11 marzo), fu vista di nuovo ''.
[QSG, vol. 39, p. 1468; Ho e Ang (1970), p. 82; Osservatorio di Pechino (1988), p. 475].

 2) - '' Nel secondo mese (1673, 18 marzo-16 aprile), una cometa apparve a ovest di Zhuang-Lang. Era lunga uno zhang ed è stata vista per circa un mese (fino a circa il 9 aprile 1673) ''.
[Gansu Xin Tong Zhi, vol. 2, p. 39; Osservatorio di Pechino (1988), p. 475].

Ricostruzione grafica dai resoconti osservativi ).

Valutazione scientifica:
Le posizioni riportate nei resoconti ci fanno ipotizzare che possa trattarsi di una cometa del gruppo delle Sungrazer di Kreutz.
Da questa ipotesi possiamo quindi determinare che abbia effettuato il passaggio al perielio il 26±2 febbraio del 1673 e successivamente un passaggio ravvicinato alla Terra.
Per le sue dimensioni si ricava, sempre dall'assunto di queste ipotesi, una stima per la magnitudine assoluta di circa +3 mag.


Orbita:
La mancanza di osservazioni più precise, ci permette solo di ipotizzare che potesse trattarsi di una cometa radente del gruppo di Kreutz, ma non siamo in grado di determinare un percorso orbitale più preciso.
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1676

La X/1676 C1 (Fontenay) è una cometa vista ad occhio nudo durante l'inizio dell'anno 1676.

Resoconti osservativi:
Nelle Memorie dell'Accademia delle Scienze di Parigi (1731, p.328), Cassini riporta la seguente annotazione dell'evento accaduto 55 anni prima:
'' In quest'anno apparve una Cometa senza coda, pari alle Stelle di terza magnitudine, che fu osservata a Nantes da Padre Fontenay, gesuita, il 14 febbraio 1676, nella costellazione dell'Eridano, cessò di apparire il 9 marzo successivo, nelle stelle della Lepre, avendo avuto un movimento diretto ''.
[Pingrè, vol.2 (1784) p.23-24 - Kronk, vol.1 (1999) p.364].

Orbita:
Non determinabile.
_______________________________________
_______________________________________

LA GRANDE COMETA di HEVELIUS
C/1677 H1

La cometa, oggi classificata con il codice C/1677 H1, venne scoperta da Hevelius il 17/27 aprile 1677 (a seconda se si consideri : Calendario Giuliano/Calendario Gregoriano), quando già era un oggetto di prima magnitudine visuale con una coda estesa per circa 2°.

Le osservazioni di Schmuck:
Un saggio, edito e probabilmente composto da Friderich Wilhelm Schmuck , verte sull’apparizione nei cieli europei della grande cometa dell’aprile e maggio 1677.
F. W. Schmuck descrive giorno per giorno la posizione celeste e le dimensioni dell’astro caudato riportandoci analiticamente, e confrontandole tra loro, le osservazioni effettuate in Europa da altri osservatori ed astronomi. 
Le citazioni, anche nelle diverse lingue originali, sono riportate con cura, spesso utilizzando i dati del catalogo dell’Uranometria del Bayer per posizionare nel cielo la cometa.
L’ultima parte del saggio si sofferma a considerare l’astro dal punto di vista del suo impatto sociale e richiamando quei passi biblici che in qualche modo all'epoca si pensava potessero utilizzare il fenomeno cometario come strumento per esplicitare il messaggio ed il volere di Dio.


Nella prima pagina del saggio, oltre al titolo è riportata l’incisione di circa 37 x 24,5 cm (vedi sopra), che fotografa lo scenario celeste della cometa dal 16(?) al 29 aprile del 1677 (data Giuliana).
La carta posta nella prima pagina è costruita in visione concava ed in proiezione polare eclittica. Il reticolo di riferimento principale è pertanto quello eclittico comprensivo di scale, graduate al passo di un grado di latitudine e longitudine e numerate ogni 10°,  poste sui lati della tavola. Due linee di latitudine tirate a 10° nord e a  10° sud della linea dell’eclittica ( identificata sulla scala da 0° di lat.) limitano la fascia dove possono essere osservati i pianeti. Distanti tra loro 30°  due linee di longitudine completano il reticolo eclittico. Quello equatoriale è composto soltanto dalla porzione di pertinenza dell’Equatore celeste e del Tropico del Cancro.
Le stelle sono disegnate rispettando la loro luminosità in cinque magnitudini. Non sono riportati i loro nomi così come quelli delle costellazioni.
La cometa vi viene riportata per i giorni 16, 17, 18, 21, 25, 29 Aprile. Per le prime 5 posizioni comprensiva della sua coda orientata, per il giorno 29  identificata dalla sola testa.


Altre osservazioni:
Cartiglio con disegno illustrativo di autore anonimo ).

Illustrazioni e grafici di Robert Hooke ).

( Osservazione riportata su mappa celeste da Lerch in Austria ).

ALTRE DOCUMENTAZIONI : 

Orbita:
Per la cometa, a causa del numero limitato di osservazioni (10), è stato possibile determinare solo un'orbita parabolica con precisione limitata , risulta che è inclinata di circa 100,928° rispetto all'eclittica. 
Rivoluziona quindi in senso retrogrado e quasi perpendicolare rispetto ai pianeti attraverso la sua orbita. 
Nel punto dell'orbita più vicino al sole ( perielio ), che la cometa passò il 6 maggio 1677, si trovava a una distanza di circa 0,28059 UA, all'interno dell'orbita di Mercurio e molto vicina al pianeta stesso . 
Ha effettuato il passaggio ravvicinato alla Terra il 17 aprile, trovandosi a circa 0,545 UA.
Mentre è passata a circa 0,2 UA da Venere intorno al 25 maggio, per poi allontanarsi definitivamente dal piano dell'eclittica, dato il suo tipo di orbita si esclude qualsiasi incontro con i pianeti giganti in modo che essi ne possano perturbare l'orbita.
Non sappiano se e quando possa ritornare nel sistema solare interno, ma se lo farà sarà tra moltissimo tempo.


Grafico dell'orbita il 16 maggio 1677 - JPL ).
_______________________________________
_______________________________________

LA COMETA del 1678
6P/1678 R1 (D'ARREST)

La C/1678 R1 (de La Hire) corrisponde alla 6P/1678 R1 (d'Arrest), è una cometa che fu avvistata anche ad occhio nudo all'inizio dell'autunno dell'anno 1678, grazie al suo passaggio strettamente ravvicinato al nostro pianeta, avvenuto pochi giorni prima della sua scoperta, il 26 agosto 1678, ad una distanza minima di 0,1890 UA.

Scoperta:
La cometa è stata scoperta da Philippe de La Hire a Parigi, il 11,9 settembre 1678, che ne ha indicato la posizione con le coordinate eclittiche con Longitudine 318° e Latitudine 0°, che traslate corrispondono a: AR= 21h 21' 48'' - Dec= -15° 26'.
Oggi sappiamo che quando fu scoperta si trovava nella costellazione del Capricorno, a 0,21 UA dalla Terra e a 1,19 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 148°.

Resoconti osservativi:
I dettagli di questa cometa li troviamo nel libro di Nicholaas StruickVervolg van de Beschryving der Staartsterren (1753, p.40) e nell'opera di Alexander Guy PingrèCometographie ou Traité Historique et Théorique des Cometes vol.2 (1784, p.24-25).
De La Hire rimase l'unico osservatore a segnalare questa cometa, in seguito alla scoperta, la vide successivamente il 16, 20, 21 e 22 settembre. 
Il 22 si dice che la cometa sia passata circa 1° a sud di σ Aquarii. 
Ulteriori osservazioni sono state ottenute il 3 e 4 ottobre, con la cometa in congiunzione con le stelle ψ1 e ψ2 Aquarii in quest'ultima data. 
De La Hire ha visto per l'ultima volta la cometa il 7,9 ottobre 1678, mentre era nel 15 grado dei Pesci. 
Questa fu la sua ottava osservazione rilevata, e ha segnato il 27° giorno dall'apparizione della cometa, ed in questo momento essa si trovava ad una distanza di 0,34 UA dalla Terra e a 1,30 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 149°.

Orbita:
Nel 1753, Cornelius Douwes, usando le osservazioni di Philippe de La Hire, calcolò un'orbita parabolica prograda molto incerta, con una data del perielio per il 27,09 agosto 1678, con una distanza di 1,238 UA dal Sole, con un'inclinazione di 3,0° rispetto al piano dell'eclittica.
Mentre i recenti calcoli di Sitarski (1991), pubblicati dal sito del JPL, danno un'orbita ellittica con un'eccentricità di 0,67001 che risulta inclinata di 2,821° rispetto all'eclittica, con un Argomento del perielio di 159,587°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 169,496°.
Il passaggio al perielio quindi sarebbe avvenuto il 23,444 agosto 1678, mentre si trovava alla distanza di 1,16277 UA dal Sole, e questi dati la renderebbero collegabile alla 6P/d'Arrest.
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1679

La X/1679 X1 è una cometa 

Resoconti osservativi:
Nella cronaca imperiale cinese Yang-Chun-Xian Zhi, capitolo 1, troviamo questa nota:
'' Nel 18esimo anno dell'epoca Kang-Xi (1679), del regno dell'imperatore Sheng-Zu della dinastia Qing, durante l'undicesimo mese lunare (dal 3 dicembre 1679 al 1 gennaio 1680), verso occidente è stata vista una stella simile ad una scopa, una piccola stella bianca con un alone scuro e con spruzzi di vapore che sgorgano dall'interno. Ha spazzato fino a Khuei (β Andromedae e dintorni - 15esima dimora lunare) e Lou (α, β Arietis - 16esima dimora lunare). Ha durato circa un mese prima di estinguersi ''.
[Pankenier, Xu, Jiang (2008) p.261].

Orbita:
Non determinabile.
_______________________________________
_______________________________________

LA COMETA DI KIRCH
La grande cometa del 1680


Introduzione:
La C/1680 V1 (Great Comet of 1680) , nota anche come "Kirch's Comet", era una cometa che poteva essere vista ad occhio nudo verso la fine dell'anno 1680 e inizio 1681 .
Per la sua straordinaria luminosità è annoverata tra le " Grandi Comete ".


La cometa gioca un ruolo importante nella storia della ricerca sulle comete, poiché è stata la prima cometa ad essere scoperta da un telescopio e, per la prima volta, dalle sue osservazioni è stata determinata un'orbita esatta .
Essa ha dimostrato di essere una ''sungrazer'' , passando alla minima distanza di solo 1,3 raggi solari e passò relativamente vicino alla Terra per ben due volte.


Scoperta:
La cometa è stata scoperta da Gottfried Kirch a Coburgo la mattina del 14 novembre 1680 del calendario gregoriano.
Mentre stava osservando la falce di Luna e Marte, vide una stella accanto alla Luna che non era nel catalogo delle stelle di Tycho Brahe . Durante il tentativo di determinare la posizione di questa stella, si è imbattuto in quella che in seguito ha descritto come "una specie di macchia nebbiosa dall'aspetto insolito" ed anche come "una stella nebulosa simile a quella nella cintura di Andromeda" pensando poi che fosse una cometa. Infatti, la sua "stella nebulosa" era una nuova cometa, e la scoperta accidentale di Kirch è passata alla storia come la prima scoperta di una cometa fatta con l'aiuto di un telescopio.
Al momento della sua scoperta, la cometa non aveva ancora formato una coda e non poteva ancora essere vista ad occhio nudo. Due giorni dopo la cometa aveva cambiato posizione e nel telescopio era visibile una debole coda lunga ½° .


Osservazioni:
La cometa stava aumentando rapidamente di luminosità e il 20 novembre è stata vista ad occhio nudo dalle Filippine . Un giorno dopo fu vista in Inghilterra e la mattina seguente in Cina con una coda lunga 1,5°. Alla fine di novembre si era già sviluppata una coda notevole.
Secondo JD Ponthio, una coda di 15° è stata osservata a Roma il 27 novembre, e solo due giorni dopo Arthur Storer nel Maryland ha stimato tra 15 e 20°. Entro la fine del mese, sono state segnalate lunghezze della coda sempre più grandi e la cometa è apparsa "più grande" di una stella di prima magnitudine .


All'inizio di dicembre la cometa si stava avvicinando sempre di più al sole e non era più osservabile dal 7 dicembre. Il 18 dicembre, ha attraversato il suo punto più vicino al sole ( perielio ) (visto dalla Terra, dalle 11:30 UT per tre quarti d'ora è passato direttamente dietro il disco solare) e ha sviluppato una tale luminosità da essere vista vicino al sole nel cielo diurno.


Dal 20 dicembre è stata vista come un magnifico spettacolo nel cielo serale . La bellezza della cometa è stata esaltata da una scintillante coda d'oro, è stato riferito.
John Flamsteed riferì il 21 dicembre di un raggio di luce della larghezza della luna piena , che si estende perpendicolarmente dall'orizzonte fino quasi allo zenit .
Ponthio in Italia ha stimato che la lunghezza della coda il 22 dicembre fosse di 70° con una larghezza di 3° alla sua estremità. La testa della cometa era luminosa come una stella di prima magnitudine e la sua coda così lunga da poter essere vista sull'orizzonte occidentale cinque ore dopo che la testa era affondata.

Il 28 dicembre la coda è arrivata, secondo Robert Hooke in Inghilterra, ad una lunghezza di 90° e quindi si estendeva per oltre la metà del firmamento . Ha avuto un enorme impatto sul pubblico. Apparvero una marea di scritti, per lo più stimolati da una dilagante paura delle comete .
Come molte delle sue predecessori, la ''stella dalla coda'' era vista come un segno dell'avvicinarsi della fine del mondo , o almeno come un avvertimento di Dio ; nelle chiese si teneva il servizio di pentimento .

Nel gennaio 1681 la cometa mostrò i primi segni di sbiadimento, ma la coda rimase molto lunga e ben visibile: secondo Flamsteed, la testa era più debole di 3 mag il 5 gennaio, ma la coda era ancora a 55° tre notti dopo. Kirch ha anche riferito il 7 gennaio di una (molto debole) controcoda che punta verso il sole, ma questa osservazione non è stata confermata da nessun altro.
All'inizio di febbraio la cometa stessa non poteva più essere vista senza un telescopio, Flamsteed la stimava 7 mag. Ma la sua coda era ancora visibile e Isaac Newton stimò che fosse lunga 6-7°. Nella seconda metà del mese è stato in grado di distinguere una lunghezza della coda di 2° con il telescopio.
La cometa fu osservata l'ultima volta il 19 marzo 1681.


LINK : http://www.astrobril.nl/oudekomeety.html#1680 

Valutazioni scientifiche:
Georg Samuel Dörffel , un sacerdote di Plauen , ha sollevato per primo la questione se le orbite delle comete non siano parabole il cui punto focale coincide con il centro del sole. Fu spinto dalle sue osservazioni della cometa del 1680, che prima si mosse verso il sole e poi si allontanò da esso. Ha registrato i suoi pensieri in una sceneggiatura in lingua tedesca (contemplazione Astronomica della Grande Cometa ..., Plauen, 1681).
Se avesse scritto i suoi scritti in latino, avrebbe potuto ricevere più attenzione, forse da Isaac Newton, che studiò anche le comete. Newton aveva avuto la stessa idea quando sviluppò la sua legge generale di gravitazione . È giunto alla conclusione che le orbite delle comete, come le orbite dei pianeti, devono essere ellissi di cui uno dei punti focali è il sole: ellissi non quasi circolari, ma estremamente allungate, il che significa che le comete non sono sempre visibili, ma solo quando attraversano la parte della loro orbita vicino al sole. Ma questa parte, aggiunse Newton, potrebbe anche essere approssimata da una parabola, che in prossimità del punto focale differisce poco da un'ellisse eccentrica.

Newton ha cercato di verificare la sua ipotesi attraverso un caso reale. Ha mostrato come calcolare un'orbita parabolica di una cometa da tre posizioni ottenute dall'osservazione. Ad esempio, scelse tre punti dalle osservazioni di Flamsteed della cometa del 1680 e calcolò un'orbita parabolica da questi che corrispondeva a tutte le altre osservazioni così perfettamente che non c'era più alcun dubbio che la vera orbita della cometa era stata scoperta. Newton pubblicò la sua scoperta nella Philosophiae Naturalis Principia Mathematica , pubblicata nel 1687 .
Ciò ha anche smentito la diffusa convinzione contemporanea che la cometa del 1680 fossero due comete diverse, una che si è mossa verso il sole a novembre e un'altra che si è allontanata dal sole a dicembre.

Testimonianze:
Dall'Italia:
'' Affacciatomi dunque ancor'io, la stessa sera delli 24 Dicembre, su' l'imbrunire della notte, cioe' circa tre quarti d'hora doppo il tramontar del Sole, su' la Porta della Corte della mia Casa, che risguarda verso occidente, mi incontrai subito con la vista in un raggio d' inusitata grandezza, che pareva non molto elevato sopra le case del luogo, quale era di colore tra'l bianco, e'l plumbeo, o' vogliam dire cinericio, a' guisa apunto d'un raggio solare, ch'entrato in una camera oscura per un pertugio, o' foro d'una finestra chiusa suole risplendere; onde sapendo essere di gia' tramontato il Sole, ne' potere lume artificiale naturalmente produrre raggio tanto prolisso, e tanto elevato, giudicai essere qualche nuovo parto del Cielo, o di Cometa, o d'altra impressione Meteorologica, e percio' per osservarla meglio, essendo impedita la vista verso il piano dell'Orizonte dalle Case circonvicine del luogo, risolsi portarmi, come feci in luogo aperto; ma' perche' il suo corpo stringeva il nostro orizonte, e la vista ci era occupata dall'interposizione de' Monti della Graffagnana, non fu possibile osservare per all'hora, se non grossamente altro che il sito, e la sua Coda, quale era longa fino a' gr.32 e larga circa il mezzo gr. 2. e mezzo, e sempre piu' s'andava verso il fine proporzionatamente dilattando a' guisa apunto d'una Coda di Cavallo, e tendeva verso il nostro Polo Boreo,e circa alle 3. hore di notte disparve, occultandosi sotto l'orizonte.... ''.
( F.Melega, Sopra la Cometa apparsa la sera delli 24 Decembre 1680 in Bologna . Bologna, 1681 ).

'' [...] Sit enim elypsis EG magis recendes a circulo, quam orbita aliorum planetarum, & multum excentrica, in cujus uno foco existat sol; & sit Cometa C maxime conspicuus: apparebit Terricolis A, suaque ipsos lucestupentes excitabit, tunc cum descendit in Perielium, & quam maxime ad terram accedet. Moveri autem videbitur motu quasi recto; movebitur enim in elypsi, quae quanto magis erit excentrica, tanto magis ad rectam accedet. Ex hoc autem ipso vix incipiet abscondi a mortalium oculis, ut aliquando poterit per plures, & plures annos delitescere, & denuo deinde, nisi ab actione Planetarium turbetur in conspectum redire, ut pluribus contingit Cometis, quos accuratissimi observarunt Astronomi.
CI. Cometa revera anni 1680., quem adeo observavit Newtonus noster, comparatus est a Cassini cum cometa observato a Tychone anno I577., & ita deprehensus cum illo convenire, ut sapientissimus Astronomus non dubitaverit publico scripto ad Ludovicum XlV. Galliarum Regem dato evulgare, fore ut cometa ille a die 28. Decembris per totam hyemem appareret, & talem haberet cursum, qualem exitus comprobavit. Hunc eumdem cometam argumentabatur doctissimus Hallejus in morte Julii Coesaris apparuisse [...] ''
( De Principiis Generalis Physicae Dissertatio, Milano 1758).

Dall'India:
Il famoso diario di viaggio del dottor John Fryer (1650-1733 in foto sotto), A New Account of East India e Persia Being 9 Years Travels 1672-1681, riporta la descrizione dei suoi viaggi compiuti in Oriente negli anni 1672-81 (Fryer 1698/1992). Si era laureato in medicina al Trinity College nel 1671. 
Nel diario di viaggio, Fryer registra le sue osservazioni di avvistamento di un "meraviglioso segno nei cieli" che ha datato "Il 25 gennaio le nostre navi salpano quindi da Swally Hole" ed è una lettura interessante.

Si tratta della celebre cometa del 1680, conosciuta anche come la cometa di Newton. Swally Hole era all'ancoraggio della Compagnia delle Indie Orientali vicino alla rada alla foce del fiume Tapti (antico
nome Tapi), vicino a Surat. Della cometa aveva questa osservazione da fare:
'' .... che all'inizio del ventesimo novembre, scomparve, non fino alla fine del secondo Gennaio, che entra il prossimo anno, che nello spazio della nostra Flotta Europea potrebbe portarvi l'Ascesa e caduta della cometa più prodigiosa a cui abbia mai assistito, anche potessi essere l'Uomo più vecchio vivente. Che cosa mi rende più disponibile che io possa avere il tuo racconto sulla terra, se era visibile in Inghilterra, e quali osservazioni il nostro mondo indiscreto ha fatto al riguardo ".
[racconto in tono poetico, abbiamo cercato di tradurre il più fedelmente possibile].

Fryer aggiunge poi ulteriori note:
1) - '' A undici gradi dalla Terra sud-est, una terribile torcia fiammeggiante è stata vista nei cieli in
Capricorno, vicino alla testa del Sagittario, che saetta i suoi Raggi verso le stelle; all'inizio non più di due rivoli in un piccolo ruscello, ma giorno dopo giorno mentre inclinava verso l'orizzonte, la fiamma si allungava ma con forma più snella; sorse prima alle tre del mattino, e così più tardi e poi finché il sole non lo splendette; e come se avevesse fatto il giro del globo, finalmente sorse e tramontò di notte, dopo che il sole era tramontato, quando lo vedemmo a W.N.W (ovest-nord-ovest) era la sera del dodici dicembre, e circa sette a Notte; dapprima non più grande della mano di un uomo dalla sua venuta fuori dall'orizzonte, che da lì si levò con un potente Fulgor o Luce splendente per più di nove gradi grande come un arcobaleno, verso il punto più alto dell'emisfero; o per parlare più sinceramente, come una Colonna di Fuoco, la cui Base, sia per il suo sorgere tardivo, o le Nuvole raccolte nell'atmosfera, non potevo discernere fino al Diciassettesimo, ambientato intorno al Nove dell'Orologio, ma dopo quel tempo salì sopra l'orizzonte e superò il centro dei Cieli (che prima sembrava illuminarsi dopo il Sette) man mano che cresceva, perdeva la sua luminosità e splendore, ma sembravano più ardenti. 
Il 16 gennaio 1681 aveva raggiunto il suo Zenith, quando verso il mezzogiorno della notte è svanito e così alla fine a poco a poco non è arrivato a nulla ".
2) - " Molti a Swally Hole, attestarono di aver visto due lune; altri dei nostri inglesi fuori a caccia dopo il tramonto, hanno visto un'insolita stella della grandezza del sole, che deve certamente essere questa eiaculazione ardente, che colpisce obliquamente verso l'alto, essendo ugualmente spessa fino alla sua parte più alta che si era allungata in una Colonna. Puntava verso il Nord, e che se fosse Meteor,a Cometa o Esalazione, è certamente inquietante; e dal momento che qui negano la sua influenza, non vorrei che potesse influenzare i nostri regni europei ".
L'apparizione è stata debitamente registrata nel libro di consultazione dell'Agenzia come segue:
Mercoledì, 22 dicembre 1680. La stella cometa che a metà di questo mese (dicembre) è apparsa la sera proprio al tramonto del sole, e ora appare 15 gradi sopra all'orizzonte, mezz'ora dopo le sei di notte, ha la coda che punta a nord-est lunga 65 gradi ''.
Le date registrate da Fryer e dallo scrittore della Madras Records sono Giuliane (Vanno aggiunti 10 giorni per avere la data Gregoriana).

Niccolao Manucci, medico veneziano (1639-1717) è stato un famoso viaggiatore e scrittore italiano, che descrive il suo avvistamento di una cometa nel 1680 in India (Manucci 1907, Vol I). 
La cometa a cui si fa riferimento è la C / 1680 V1 :

'' Il 6 settembre 1679, il trentasettesimo compleanno di Shäh 'Älam, erano ad Aurangäbäd; ma non molto tempo prima (18 dicembre 1678) Jaswant Singh di Jodhpur era morto a Kabul e Aurangzeb, dopo aver fallito nel sequestrare uno dei figli piccoli del rajah, si mise alla conquista dello Stato di Jodhpur. Shäh Älam è stato richiamato a prendere parte alla campagna e il principe (Manucci con lui) passò le piogge del 1680 a Ujjain. Nel gennaio 1681 si unirono al principale esercito ad Ajmer, dopo aver visto una cometa in viaggio (24 dicembre 1680) ''.

Dal Nuovo Mondo:
Mentre la cometa fu scoperta da Gottfried Kirch nel 1680 e prese il suo nome, va ricordato anche il gesuita tirolese Eusebio Francisco Kino (1645-1711), che registrò il percorso apparente della cometa.

Durante la sua partenza tardiva per il Messico , Kino iniziò le sue osservazioni a Cadice verso la fine del 1680.

Al suo arrivo a Città del Messico , pubblicò Exposición astronómica de el cometa (1681) (vedi a lato), in cui presentava le sue osservazioni.
La pubblicazione di Kino è stata una dei primi studi scientifici redatti nel Nuovo Mondo.

Ci fu una disputa con il poliedrico astronomo messicano Carlos de Sigüenza y Góngora , che in un manifesto criticò fortemente la superstizione associata all'apparizione della cometa.

Ci fu anche un altro gesuita che osservò la cometa in Messico e ne parlò fu il Croato Ivan Ratkaj (1647-1683).
LEGGI QUI : http://articles.adsabs.harvard.edu/pdf/1994HvaOB..18...37P 

Superstizioni:
La superstizione non era completamente scomparsa. Anche ai tempi di Newton, William Whiston associò la cometa a una moltitudine di catastrofi mitologiche e storiche, tra le quali ciascuna dovrebbe trovarsi ogni 575 anni: il diluvio nel 2916 a.C. , due periodi dopo l'alluvione degli Ogygos nel 1767 aC. , l'inizio della guerra di Troia nel 1192 a.C. La distruzione di Ninive nel 617 a.C. , l'anno della morte di Giulio Cesare nel 43 a.C. , l'inizio del regno di Giustiniano I nel 531 con molte guerre, terremoti ed epidemie, l'inizio delle Crociate nel 1106 e infine l'apparizione nel 1680. Nel 2255, quindi predisse che la fine della cultura occidentale sarà imminente.

Questa compilation di cavolate è basata su una calcolo inesatto dell'orbita con un presunto periodo orbitale di 575 anni come si diceva D'Alembert nella française Encyclopédie e altri almanacchi nel 19° secolo . Questa sciocchezza terminò solo nel 1816, quando, finalmente, Johann Franz Encke eseguì calcoli precisi degli elementi orbitali della cometa dal 1680, il che mostrò che il suo periodo orbitale non era di 575 ma di quasi 9.356 anni.


Orbita:
La cometa corre in un'orbita ellittica estremamente allungata attorno al sole in 9.356 anni, ed è inclinata di circa 61° rispetto all'eclittica . Nel punto del perielio che la cometa ha raggiunto il 18 dicembre 1680, si trovava a soli 930.000 km dal centro del sole, cioè era solo a circa ⅓ del raggio solare sopra la superficie solare.
Proprietà dell'orbita
Epoca:  29 novembre 1680 ( JD 2.335.000,5)
Tipo di orbitalungo periodo
Eccentricità0.999986
Perielio0,00622 UA
Afelio889 UA
Semiasse maggiore444 UA
Periodo siderale~ 9360 anni
Inclinazione del piano dell'orbita60,7 °
Perielio18 dicembre 1680
Velocità orbitale al perielio534 km / s
Sebbene la cometa fosse innegabilmente una Sungrazer , non è un membro del gruppo Kreutz o di nessuno degli altri gruppi più grandi.
Tuttavia, la cometa C / 2012 S1 (ISON) , che si è dissolta poco prima di raggiungere il suo perielio, aveva elementi orbitali simili alla cometa del 1680 e avrebbe potuto essere un secondo membro del suo gruppo.
Durante il suo passaggio attraverso il sistema solare interno , la cometa si è anche avvicinata relativamente a quasi tutti i pianeti una o più volte:
Data
Gregoriana
Nome
pianeta
Distanza
( UA )
Distanza
(milioni di km)
28 febbraio 1679Saturno1,46218,5
12 ottobre 1680Marte0.3755.3
30 novembre 1680terra0.4263,0
18 dicembre 1680Venere0,72108.1
26 dicembre 1680Mercurio0,2435.2
3 gennaio 1681Marte1.42212.5
4 gennaio 1681terra0.4973,2
3 febbraio 1681Venere1.02152.7
8 settembre 1681Giove1.45217.6
In particolare, gli avvicinamenti a Saturno e Giove hanno causato lievi cambiamenti nella forma dell'orbita della cometa.

Grafico dell'orbita di Newton ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1682
1P/1682 Q1 (HALLEY)

Perielio il 15 settembre - XXVI passaggio noto, osservata dallo stesso astronomo Edmund Halley, che la collega matematicamente ai tre precedenti passaggi.
Evento (1P/1682 Q1).

Fu proprio dall’esame dei dati ricavati durante questa apparizione che l’astronomo inglese formulò la sua teoria sull'orbita e la periodicità dell’astro, teoria che gli permise di predirne il ritorno.
Troviamo riepilogate le sue considerazione nella comunicazione pubblicata nel 1704/1705 sull’annuario scientifico ufficiale della Royal Society di Londra,  Philosophical Transactions: Edmundo Halleio, Astronomiae Cometicae Synopsis, Autore Edmundo Halleio apud Oxonienses. Geometriae Professore Saviliano, & Reg. Soc. S.
Il testo è corredato da una tabella che elenca gli elementi orbitali di 24 comete storiche. Per le orbite di due di queste, quella del 1531  e quella del 1607,  l’astronomo inglese aveva già riconosciuto un’affinità stretta con quella da lui osservata nel 1682 che lo induceva a prevederne il ritorno per il 1758.

 ( 1682 ).

Dall'Italia:
'' Sin hora non so chi l'habbia veduta prima del di' 27 agosto, che fu osservata in Verona dal Sig. Francesco Bianchini, studioso Gentiluomo mio scolare, che me ne avvertì con lettere, e ne diede subito notizia all'Illustriss. & Eccellentiss. Sig. Girolamo Cortaro di presente Capitan Grande di quella Citta', che per sua bonta' & per l'amore che egli ha a queste Nobilissime Scienze, s'e' poi degnato osservarla anch'egli ogni giorno, e mandarmene ogn'ordinario le distanze. Viddela dunque il sig. Bianchini stando in Villa la mattina de' 27 due hore avanti giorno, mentre s'era levato per far tendere alcune Reti da Caccia, e benche' privo d'istromenti, non resto' con ricercar linee rette d'altre stelle con essa, di notar il sito, che poi venuto in Citta', su Globi maggiori del Blevv di S.E. trovo' corrisponder in circa a gr.27 di Granchio con grad. di latit. Boreale 23 era poco lontana dalla Zampa anteriore dell'Orsa Maggiore, onde dal viaggio, ch'ella ha poscia tenuto ella puo' credersi nata in que' contorni meno stellati, che sono tra l'Orsa maggiore, e l'Auriga e forse altri l'havranno veduta ben prima de' 20 agosto, massime ne Paesi piu' Boreali ''.
( G. Montanari, Copia di lettera scritta all'Illustrissimo Antonio Magliabechi intorno alla nuova cometa apparsa quest'anno 1682 sotto i piedi dell'Orsa Maggiore . Bologna, 1682 ).

__________________________________________
__________________________________________

LA COMETA del 1683
C/1683 O1 (FLAMSTEED)

La C/1683 O1 (Flamsteed) è una cometa osservata durante l'estate del 1683.

Scoperta:
La cometa fu osservata per la prima volta da John Flamsteed il 20 luglio 1683. 
La cometa è anche chiamata Cometa Vittoria di Vienna , poiché apparve all'epoca in cui il re Jan Sobieski stava per entrare in guerra con la Turchia.
[Polski Wikipedia].

Osservazioni:
Hevelius osservò la cometa a danzica rilevandone la posizione dal 30 luglio al 4 settembre.
Flamsteed da Greenwich, ne misurò le posizioni dal 23 luglio al 5 di settembre, e fu su questi dati che Edmond Halley potè calcolare i suoi parametri orbitali.
[Pingrè, tomo II (1784) p.28].

Parametri orbitali:
Il primo a calcolare un'orbita preliminare fu Halley, poi successivamente i calcoli di Plummer, basati su 43 giorni di osservazione, ci danno un'orbita parabolica quasi perpendicolare al piano dell'eclittica con un inclinazione di 96,738°, e con un Argomento del perielio di 87,810°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 177,835°.
Il passaggio al perielio avvenne il 13,591 luglio 1683, mentre si trovava a 0,55958 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).

Ha effettuato il passaggio ravvicinato alla Terra il 4 settembre 1683, ad una distanza non particolarmente breve di 0,318 UA, mentre si trovava già tra le orbite del nostro pianeta e di Marte, quindi relativamente lontano dal Sole, mentre si trovava nella costellazione della Balena (Cetus), dopo di che non è più stata vista.

( Passaggio ravvicinato - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA COMETA del 1684
C/1684 N1 (BIANCHINI)

C/1684 N1 è una piccola cometa non periodica la cui orbita è mal conosciuta in quanto è stata calcolata sulla base del breve arco temporale di 16 giorni durante il quale è stata osservata.
Non si tratta di una grande cometa, ma ha una storia particolare.

Scoperta:
E' stata scoperta dall'astronomo italiano Francesco Bianchini il primo luglio 1684.
Bianchini non solo è lo scopritore della cometa ma anche l'unico ad averla osservata, fatto raro nell'Astronomia degli ultimi secoli, ma nel Atlas Coelestis realizzato da Johann Gabriel Doppelmayr nel 1742 la cometa è indicata come osservata dal Bianchini e da Giovanni Giustino Ciampini.

Le Osservazioni di Bianchini:
La tavola qui riportata illustra le due lettere che Bianchini inviò rispettivamente alla rivista Acta Eruditorum e ad Hevelius dove riassumeva le osservazioni effettuate sulla cometa apparsa l’anno precedente e da lui scoperta a Roma.

Nella prima lettera l’autore esamina sinteticamente i dati essenziali dell’astro. Nella seconda, quella inviata ad Hevelius,  viene invece svolto un resoconto dettagliato, giorno per giorno, sia della posizione occupata dalla stella nella volta celeste che delle sue caratteristiche che degli strumenti utilizzati per osservarla: telescopi e sestanti.

La posizione della cometa viene identificata dall’autore tramite l'ausilio di un sestante e quantificata per differenza in latitudine e longitudine eclittica rispetto alle posizioni già conosciuta di stelle presenti nello stesso campo e consultabili nel catalogo dell’Uranometria del 1603 di Bayer. 
Quindi non si hanno posizioni assolute calcolate per l’epoca dell’osservazione, il 1684, ma soltanto posizioni relative a stelle le cui coordinate conosciute sono di quasi un secolo prima. 
L’autore pertanto rimanda al lettore delle sue lettere il compito di calcolare la differenza apportata alle coordinate dal fenomeno della precessione degli equinozi. 
Nella tavola invece, di cui non si conosce il nome dell’incisore, il reticolo eclittico sovrapposto alla zona di cielo osservata tiene conto del fenomeno della precessione e lo si può constatare confrontando la posizione della stella Eta della Vergine sia nella tavola di Bayer che in quella del Bianchini. 
Eta Virginis è infatti una stella particolarmente adatta per verificare lo slittamento dell’Eclittica sull’Equatore essendo posizionata appena sopra il loro punto di incontro, quello dell’equinozio autunnale. Nel resoconto giornaliero Bianchini richiama le stelle del Bayer utilizzando il criterio introdotto da quest’ultimo che identifica, per ogni costellazione, gli astri  con lettere dell’alfabeto greco in progressione abbinando l’alfa alla più luminosa.

La tavola, che rappresenta lo scenario del viaggio della cometa dal giorno della sua scoperta nella Vergine il 30 di giugno 1684 fino al 19 luglio nella Corona Boreale, è costruita in proiezione polare eclittica e riporta un reticolo sul quale è presente un arco di eclittica ampio circa 50° in longitudine sulla quale sono poste linee di latitudine ogni 10°. L’arco della proiezione dell’equatore di pertinenza della zona  è invece soltanto disegnato, è privo di scale graduate e va ad incontrarsi con l’eclittica poco a sud di Eta Virginis  identificando il punto dell’equinozio autunnale.


C/1684 N1 non venne osservata da altri astronomi ma trova posta nel celebre planisfero che  Doppelmayr dedicò alle comete storiche: 
Motus Cometarum in Hemisphaerio Boreali, Tavola 27, Norimberga 1742.

Estratto dalla tavola 27 citata sopra ).

Nel 1737 l’astronomo Eustachio Manfredi raccolse in un unico volume tutti i lavori in campo astronomico del Bianchini, il testo venne edito a Verona e riporta il titolo :  
Francisci Blanchini Veronensis, Astronomicae, ac geographicae observationes selectae Romae, atque alibi per Italiam habitae ex eius autographis excerptae una cum geographica meridiani romani tabula a mari supero ad inferum. Ex iisdem Oberservationibus collecta et concinnata cura et studio Eustachii Manfredi in Bononiensi Scientiarum Instituto Astronomi.



Sciame meteorico:
Sulla base degli elementi orbitali calcolati la cometa potrebbe aver dato origine in passato a uno sciame meteorico centrato tra il 24 e il 25 giugno e con un radiante situato nella parte meridionale della costellazione dell'Eridano, alle coordinate celesti AR 2h 14', Deg -50,1°, nelle immediate vicinanze di Phi Eridani e a circa 8,5° da Alfa Eridani, più nota come Achernar, e la velocità geocentrica delle sue meteore sarebbe stata di 31,8 km/s.

Ipotesi sulle dimensioni:
Al momento della sua scoperta la cometa si trovava a circa 0,2 UA in una favorevole posizione per essere osservata, il fatto che non sia stata particolarmente evidente ci porta a concludere che si tratti di un piccolo corpo celeste di limitate dimensioni che sarebbe passato inosservato se non ci fosse stato il passaggio ravvicinato al nostro pianeta.

Il passaggio ravvicinato alla Terra del 27 giugno, a 0,173 UA , dopo tre giorni è stata poi scoperta da Bianchini mentre era sempre a 0,198 UA appena oltre l'orbita terrestre e quindi facilmente osservabile nel cielo notturno ).

Determinazione dell'orbita:
Il ristretto periodo di osservazione di 16 giorni, e l'incertezza dei dati rilevati, possono fornire solo una preliminare orbita parabolica, il passaggio al perielio è avvenuto il 9 giugno 1684, ad una distanza di 0,95827 UA, quindi la scoperta è avvenuta quando la cometa si stava già allontanando dal Sole.
La cometa il 27 giugno 1684 ha effettuato un passaggio ravvicinato alla Terra, ad una distanza minima di 0,173 UA.
L'orbita della cometa è prograda con un'inclinazione di 65,424° rispetto all'eclittica.
Durante questo passaggio non ha avuto incontri ravvicinati con i pianeti giganti in modo che essi ne possano aver perturbato l'orbita e quello con la Terra a 26 milioni di km circa, non è stato eccezionalmente vicino da causare evidenti modifiche orbitali, ma se dovesse ritornare nel sistema solare interno , la sua orbita passa radente anche a quelle di Urano e Saturno e quindi in un futuro molto lontano potrebbe da essi subire modifiche tali da espellerla definitivamente dal sistema solare, oppure portarla su un'orbita più stretta.

Parametri orbitali
(all'epoca del perielio 2336288,263
9 giugno 1684)
Perielio0,9583 UA
Inclinazione orbitale65,424°
Eccentricità1,0
Longitudine del
nodo ascendente
272,598°
Argomento del perielio330,300°
Ultimo perielio9 giugno 1684
MOID da Terra8.676.676 km
( Il passaggio al perielio del 8 giugno 1684 - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1686

C / 1686 R1 era una cometa che poteva essere vista ad occhio nudo nel 1686 . 
Per la sua straordinaria luminosità, grazie al passaggio ravvicinato alla Terra, è annoverata tra le " Grandi Comete ".

Osservazioni:
La cometa è stata scoperta il 12 agosto da Simon van der Stel e altri al Capo di Buona Speranza in Sud Africa . Fu poi osservata anche un po' più tardi in Brasile , la sua testa appariva come una stella di prima grandezza , la sua coda si estendeva di 18° nel cielo. 
A metà agosto ci sono state diverse osservazioni in Indonesia , Thailandia ed Europa.

Christoph Arnold , un contadino di Sommerfeld vicino a Lipsia , ha osservato la cometa dal 16 settembre, il giorno seguente ha informato l'astronomo Gottfried Kirch , che a sua volta ha determinato la posizione esatta della cometa in due giorni.
La cometa ha raggiunto una magnitudine da 1 a 2 mag il 27 agosto .
La cometa poi raggiungendo il perielio ha continuato il suo moto all'opposto del Sole rispetto alla Terra, impedendo altre osservazioni.

Orbita:
Per la cometa, a causa del numero limitato di osservazioni, è stato possibile determinare solo un'orbita parabolica con precisione limitata , risulta che è inclinata di circa 35° rispetto all'eclittica, quindi si muove in modo progrado .
Periodo:  16 settembre 1686 
JD 2.337.117.825)
Tipo di orbitaparabolica
Eccentricità orbitale1.0
Distanza del Perielio0,336 UA
Inclinazione del piano dell'orbita35,0°
Data del Perielio16 settembre 1686
Velocità orbitale 
nel perielio
72,7 km / s
Il punto dell'orbita più vicino al sole ( perielio ), è stato attraversato dalla cometa il 16 settembre 1686, si trovava a circa 50,3 milioni di km dal sole nell'area dell'orbita di Mercurio . 
Il 16 agosto si era avvicinata alla Terra a circa 0,316 UA / 47,3 milioni di km. 
Intorno al 22 settembre, si è avvicinato a Venere entro 69 milioni di km e intorno al 19 novembre a Marte fino a 103 milioni di km.
Non ha avuto incontri particolarmente ravvicinati con i pianeti giganti in modo che essi possano averne alterato i parametri orbitali.
È improbabile che la cometa ritorni nel sistema solare interno o se ritornerà sarà tra molte decine o centinaia di migliaia di anni .

NOTTE TRA IL 16 E IL 17 AGOSTO, PASSAGGIO RAVVICINATO ALLA TERRA:

16 SETTEMBRE 1686 PASSAGGIO AL PERIELIO:

GIUGNO 1687 IN ALLONTANAMENTO PASSA L'ORBITA DI GIOVE:
Grafici dell'orbita - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1689

La C/1689 X1 è una cometa Sungrazer radente al Sole, osservabile ad occhio nuo nell'anno 1689.
L'abbiamo annoverata tra le ''Grandi Comete'' per l'enorme estensione della sua coda (max 68°).

Scoperta:
La cometa C/1689 X1 fu scoperta da Simon van der Stel il 24 novembre 1689 a Città del Capo ( Sud Africa ).

Osservazioni:
L'8 dicembre, il giorno delle sue prime osservazioni, la cometa giaceva ~ 7° a sud-ovest di τ Scorpii. 
Padre Richaud (1699) ha notato che la cometa si muoveva a grande velocità, di oltre 3° tra il 14 dicembre e il 15 dicembre. Per le sue osservazioni del 19 dicembre, scrive:
'' Il 19, circa alle 4 del mattino, ho visto la testa della cometa vicino alla gamba del Lupo,
faceva con la stella della prima gamba del Centauro una linea parallela a una linea tracciata dalla stella del ventre del primo braccio della Croce, che si estendeva parallela ai due piedi del Centauro ''.

Il 21 dicembre, Richaud ha trovato la cometa a un grado dai piedi del Centauro. 
Nella sua relazione prosegue:

'' Ho visto la coda all'inizio di gennaio per due o tre giorni senza riuscire a distinguere la testa che si era completamente dissipata al nostro sguardo, e ho dimenticato di sottolineare che la coda era la figura di una grande spada, la cui punta era piegata a nord, la più grande rifrazione del gruppo vicino all'orizzonte (com'era, sebbene un po 'obliquamente, dall'orizzonte verso l'alto) poteva causare questa curvatura. La coda a volte occupava quasi 60 gradi di un grande cerchio ''.

Fu durante il corso di queste osservazioni che Richaud scoprì il 19 dicembre che α Centauri è una stella doppia. Questa scoperta trova menzione nei nomi classici delle stelle di R H Allen del 1899 e nel loro significato (p. 153).
Giappone: 1689, 6 dicembre. Una strana stella apparve nel sud-est.
Cina: 1689, 12 dicembre. Un vapore bianco è stato visto nel sud-est.

ALTRI LINK : '' QUI ''.

Orbita:
La cometa ha raggiunto il suo perielio il 30 novembre di quell'anno ed era a 0,064 UA dal Sole. 
A causa dei pochi ed incerti dati disponibili, usando un arco di osservazioni di 31 giorni, si è potuto calcolare solo un'orbita parabolica prograda con un'inclinazione di 63,2° rispetto al piano dell'eclittica, con un argomento del perielio di 78.134° ed una longitudine del nodo ascendente di 283,754°.
Non sappiamo quindi, se e quando ritornerà nel sistema solare interno.

Diagramma dell'orbita - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1690

La X/1690 S1 è una cometa vista ad occhio nudo durante l'autunno del 1690.

Resoconti osservativi:
Dalle cronache dell'impero cinese, nel testo Ch'ing-Shih-Kao (1911), riguardo a questo evento troviamo la seguente nota:
'' il (23 ottobre 1690), fu vista una straordinaria stella in Chi (υ, δ, ε, η Sagittarii), era di colore giallo ed è rimasta visibile per 2 notti ''.
Jon Jansen nel 1991 ha detto che i Gesuiti Francesi avevano visto una cometa nella zona del Gran Carro dell'Orsa Maggiore, dal 28 settembre al 4 ottobre.
[Kronk, vol.1 (1999) p.527].

Orbita:
Non determinabile.
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1695

La C/1695 U1 è una cometa del gruppo di Kreutz radenti al Sole, osservata ad occhio nudo nell'autunno dell'anno 1695.
L'abbiamo annoverata tra le ''Grandi Comete'' per la sua luminosità e per l'estensione della sua coda.

Scoperta:
La cometa del 1695 fu scoperta da P. Jacob, un gesuita francese a Todos-os-Santos, in Brasile che l'ha osservata per la prima volta il 28 ottobre, la mattina presto. La testa della cometa giaceva nella Bilancia mentre la coda raggiungeva la Vergine.

Osservazioni:
India : La cometa è stata scoperta indipendentemente dalla città di Surat il 30,0 ottobre dal gesuita francese Joachim Bouvet (1656-1730), matematico e astronomo (Vsekhsvyatskii 1964, Kronk 1999). 
Le sue osservazioni figurano nell'Histoire. Acad. de Sciences, Parigi come parte degli scritti di Cassini
(1702, p. 126) sulle comete. Cita le osservazioni di Bouvet così:
“ Lo stesso giorno, il 30 ottobre, a Surat, padre Bouvet, che era venuto dal Mar Rosso, si accorse di questa cometa senza testa che era arrivata mezz'ora prima dell'inizio del crepuscolo. La sua lunghezza era di circa 18 gradi di un grande cerchio: l'estremità dove doveva essere la testa, terminava nella coscia del Corvo. Sopra Surat il 31 ottobre appariva un po' più corta, di una luce più debole, che era attribuita all'avvicinamento della Luna: l'estremità maiuscola occulta la parte superiore della gamba destra del Corvo. Il primo di Novembre a Surat, si è vista meglio dei giorni precedenti: era più lunga, occupando lo spazio di 22 gradi, da cui si è ritenuto che una parte fosse stata precedentemente nascosta ai raggi del sole. Eppure la luna si stava ancora avvicinando; ma poiché era nei suoi 25 giorni, la sua luce aveva meno forza; la sua estremità sul lato della testa era declinata verso la regione meridionale sul lato della gamba del Corvo ”.
Entro il 6 novembre, la coda della cometa misurava ~ 40°. Quella mattina era vicino a β Corvi.
Commentando il racconto di Bouvet, Pingré (1784, 2, p. 34-35) scrive:
"Abbiamo continuato a vederlo ogni giorno a Surat, dove il 16 è apparso tra le altre due
Stelle orientali (β, ο) del triangolo dell'Idra, che ha lasciato ad est il 18 e 19 novembre ''.
Bouvet ha osservato l'ultima volta la cometa il 18 e il 19 novembre, quando era diventata debole (Kronk 1999). La cometa giaceva nel Centauro, vicino al confine con Hydra, Antlia e Vela.

Corea (Yi Wangjo Sillok): '' Nel giorno di bing-xu, nel nono mese lunare del 21° anno del regno di Sukchong (3 novembre 1695), una cometa apparve a oriente. Di notte, un vapore bianco si alzava da est. È passato attraverso Xou-Xia (⁠α Corvi) nello Zhen (28° palazzo lunare) e indicava Yi (27° palazzo lunare). Nel giorno di ding-hai del nono mese lunare (4 novembre), di notte, un vapore bianco si alzò da sotto lo Zhen (28a dimora lunare), attraversò la stella di Xou-Xia (Corvus) e la Yi (27a dimora lunare) , e ha sconfitto lo Zhang (ventiseiesimo palazzo lunare). Sembrava una cometa. Nel giorno di ji-chou (6 novembre), il vapore bianco si spostò a sud della stella di Xou-Xia (Corvus) e oltrepassò Zhang (26a dimora lunare). Il giorno di geng-yin, primo giorno del decimo mese lunare (7 novembre), si spostò verso sud e divenne debole. Dopo pochi giorni ha cominciato a scomparire ''.

Cina (Hui Cheng Xian Zhi): '' Dopo il quindicesimo giorno nel nono mese del 34° anno del periodo di regno di Kang-Xi (dopo il 22 ottobre 1695), alla quinta veglia apparve una cometa. Sorgeva da est e si estendeva fino alla Via Lattea. All'inizio dell'ottava notte del decimo mese (14 novembre), si vedeva ancora ''.


Valutazioni scientifiche:
Questa cometa è C/1695 U1 = cometa 1695. Kreutz (1901) e Marsden (1967) dubitavano che questa cometa fosse un membro del gruppo Kreutz; tuttavia, ad oggi riteniamo che questa cometa sia un possibile membro di tale gruppo. 
Il percorso di questa cometa, calcolato con T = 24 ottobre 1695, è presentato in grafico; la sua coda è passata attraverso Xou-Xia (Corvus) come descritto nel documento coreano. 
Le posizioni della cometa calcolate dagli elementi orbitali di Kreutz (⁠T = 1695 - Ottobre 23,768) sono riportate anche in tabella.


Orbita:
I dati osservativi anche se abbastanza precisi, sono in un arco temporale di pochi giorni e permettono solo di calcolare una provvisoria orbita parabolica retrograda, che risulta inclinata di 93,589° rispetto al piano dell'eclittica, in pratica è quasi perpendicolare con un afelio che si trova all'estremità sud.

Il Passaggio al perielio è avvenuto il 23 ottobre alle 18:26, mentre si trovava a soli 0,0423 AU dal Sole (6,33 milioni di km). L'argomento del perielio è di 59,117°, mentre la longitudine del nodo ascendente è di 286,018°. Non sappiamo se e quando questa cometa potrà tornare nel sistema solare interno, ma potrebbe essere tra molte migliaia di anni.

Diagramma dell'orbita - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1698

La C/1698 R1 (Cassini-De La Hire) è una cometa che fu vista anche ad occhio nudo, durante il mese di settembre dell'anno 1698.

Scoperta:
Fu scoperta il 2,91 settembre 1698 da Cassini e De La Hire a Parigi, mentre era a 0,26 UA dalla Terra e a 1,13 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 110°.

Osservazioni:
Edmond Halley nel suo testo, A Synopsis of the Astronomy of Comets (1705), scrive:
'' La cometa di quest'anno (1698), è stata vista solo dai parigini e il suo corso è determinato in modo insolito ''.
Nelle Memoire de l'Academie des sciencies di Parigi (Tomo II, p.341), troviamo questa nota:
'' Cassini la scoprì all'inizio di settembre, nella costellazione di Cassiopea; de La Hire lo osservò dal 2 al 28 settembre ''.
L'ultima osservazione è del 28,81 settembre 1698, mentre si trovava ad una distanza di 0,84 UA dalla Terra e a 0,82 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 52°.
[Pingrè, vol.2 (1784) p.36 - Kronk, Vol.1 (1999) p.383].

Parametri orbitali:
Un'orbita parabolica retrograda fu calcolata da Hind usando 3 osservazioni nell'arco di 26 giorni, ne risulta una traiettoria inclinata di circa 169,094° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 151,384°, ed una Longitudine del nono ascendente di circa 70,282°.
Il 7 di settembre si è trovata nel punto più vicino alla Terra, ad una distanza di 0,2067 UA.
Il passaggio al perielio sarebbe avvenuto il 17,515 ottobre 1698, mentre si trovava ad una distanza di 0,72865 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA PRIMA COMETA del 1699
C/1699 D1 (FONTANEY)

La C/1699 D1 è una cometa che è sta vista anche ad occhio nudo, verso la fine dell'inverno dell'anno 1699, che si stima abbia raggiunto una luminosità di circa +2 mag.

Scoperta:
Fu osservata per la prima volta da Padre J. de Fontaney a Pechino (Impero cinese), il 17 febbraio 1699.

Osservazioni:
La cometa si è resa visibile ad occhio nudo, grazie al passaggio ravvicinato che ha fatto con il nostro pianeta tra il 18 e il 19 febbraio 1699, quando si è trovata a passare a soli 0,176 UA dal nostro pianeta.
Le osservazioni fatte da Fontaney a Pechino, vanno dal 17 al 26 di febbraio, mentre in Francia, Cassini & Maraldi la osservarono dal 20 febbraio al mattino, fino alla sera del 6 marzo.
Il suo percorso è andato dalle gambe della Giraffa, scendendo attraverso l'Auriga e le corna del Toro, fino ad essere vista per l'ultima volta vicina alla spalla di Orione (Betelgeuse).
[Academie Royale des Sciencies (1701) p.47 e successive - Pingrè, vol.2 (1784) p.36].

( Mappa del percorso della cometa ).

Parametri orbitali:
I calcoli fatti da Hind, usando 3 osservazioni nell'arco di 11 giorni, ci forniscono una preliminare orbita parabolica retrograda, quasi perpendicolare al piano dei pianeti, difatti la sua traiettoria risulta inclinata di ben 109,424° rispetto all'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 109,524°, e con una Longitudine del nodo ascendente di circa 325,886°.
Il passaggio al perielio sarebbe avvenuto il 13,9 gennaio 1699, mentre si trovava a 0,74862 UA dal Sole, cioè oltre un mese prima della sua scoperta.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA SECONDA COMETA del 1699
55P/1699 U1 (TEMPEL-TUTTLE)

La cometa è passata a 0,0644 UA dalla Terra nel 1699, fatto che ha segnato il 18° avvicinamento di una cometa alla Terra. 
La luminosità potrebbe quindi aver raggiunto la 4a magnitudine.

T = 1699 Oct. 11.21118 TT Epoch = 1699 Oct. 1.0 TT Peri. = 168.88696 e = 0.9080517 Node = 230.70334 (2000.0) a = 10.4852752 AU Inc. = 162.55013 n'= 0.02902915 q = 0.9641032 AU P = 33.952 years


Da Pingrè (1783), che scrive:
'' Il 26 ottobre dello stesso anno, a Guben nella bassa Lusazia, Gottfried Kirch osservò alle cinque del mattino una cometa a poppa della nave Argo, con una latitudine meridionale di -40° 38' , era una nebulosità percettibile alla semplice vista, senza alcuna apparenza di nucleo. 
Kirch la seguì per mezz'ora; il suo movimento lo portava verso sud, era molto sensibile: l'alba non gli permetteva più di seguirla quel giorno. Il giorno dopo, a quell'ora, Kirch lo cercò invano (il che è molto probabile) perché era andata troppo a sud per essere visto all'orizzonte di Guben, o perché era immerso in vapori, che non gli permettevano nemmeno di vedere le stelle a cui l'aveva paragonata il giorno prima ''.
_____________________________________
_____________________________________

LA PRIMA COMETA del 1701

La X/1701 F1 è una cometa vista ad occhio nudo, all'inizio della primavera del 1701.
Ha raggiunto una luminosità massima intorno a 0 mag, con una coda di +20°.

Resoconti osservativi:
Il racconto di questo evento lo troviamo nel testo coreano Chungbo Munhon Pigo (1770, cap.6), dove viene riportata la seguente annotazione:
'' Nel 27esimo anno di regno di Sukjong (1701), durante il secondo mese lunare, il giorno di Ding-Chou (14° di 60)(28 marzo), una cometa (Hui-Hsing) è state vista in Wei (α Aquarii ε, θ Pegasi - 12esima dimora lunare) e in (Ying-)Shi (α, β Pegasi - 13esima dimora lunare), la sua coda era lunga oltre 2 Zhang (20 cubiti / +20°), il suo corpo era simile alla grande stella di Wu-Chhe (Capella, α Aurigae - mag= +0,08) ma il suo colore era bianco. Si è mossa ed è stata vista in Khuei (β Andromedae e dintorni - 15esima dimora lunare), poi il quarto giorno del terzo mese lunare (10 aprile), non si è più vista ''.
[Sekiguchi (1917) - Kronk, vol.1 (1999) p.386 - Pankenier, Xu, Jiang (2008) p.269-270].


Orbita:
Non determinabile, anche se si muoveva in senso progrado e con bassa inclinazione sull'eclittica.
_____________________________________
_____________________________________

LA SECONDA COMETA del 1701

La C/1701 U1 (Pallu) è una cometa che è stata vista anche ad occhio nudo nell'autunno del 1701.

Cronologia:
PRIMA OSSERVAZIONE: 27,9 ottobre 1701, mentre era a 1,02 UA dalla Terra e a 0,63 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 37°.
ULTIMA OSSERVAZIONE: 10,9 novembre 1071, mentre si trovava a 0,67 UA dalla Terra e a 0,79 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 53°.
[Kronk, vol.1 (1999) p.386].

Resoconti osservativi:
Di questo evento abbiamo riscontri sia dall'Europa, sia dall'estremo oriente.
 - FRANCIA:
'' Il Padre gesuita Pallu, la osservò a Pau, il 28 e 31 ottobre e il primo novembre del 1701, era una piccola cometa, tra la Vergine e il Calice (Cratere). Il suo movimento era di circa 40 minuti al giorno; è leggermente diminuiva di dimensioni; Si vedeva appena la coda: andava da nord a sud ''.
[Pingrè, vol.2 (1784) p.36-37].
Gli altri studiosi e cometografi europei non credevano a questo fatto, tanto da definirlo come ''inventato a piacere'' come si legge in una lettera di Eulero inviata a Struyck, ed anche in una nota pubblicata sull'Almanacco Latino di Berlino nel 1749.
[Academie des sciencies, Paris (1701) p.218 - Struyck (1753) p.50].
 - COREA:
Ma l'avvistamento è stato confermato recentemente da 2 annotazioni trovate nelle cronache coreane.
Nel Chungbo Munhon Pigo (1770, cap.6) si trova la seguente nota:
'' Nel 27° anno di regno di Sukjong della dinastia di Joseon (1701), durante il giorno di Xin-Hai (48° di 60), del nono mese lunare (28 ottobre), una cometa (Hui-Hsing) è stata vista al di fuori del Duanmen di Thai-Wei (tra Chioma di Berenice, Leone, Vergine), è passata da I (Cratere - 27esima dimora lunare), ed ha raggiunto Zhang (26esima dimora lunare). La sua coda era lunga 2 o 3 cubiti (Chi). Il giorno di Ji-Si (6° di 60), del decimo mese lunare (15 novembre), non si vedeva più ''.
Nel Joseon Wangjo Sillok, Sukjong (cap.35), si trova scritto:
'' Nel 27° anno di regno di Sukjong della dinastia di Joseon (1701), durante il giorno di Xin-Hai (48° di 60), del nono mese lunare (28 ottobre), di notte, una stella è stata vista al di fuori del Duanmen di Thai-Wei-Yuan (tra Chioma di Berenice, Leone, Vergine), apparentemente con una coda. Il giorno successivo (29 ottobre), il corpo della stella vista fuori del Duanmen di Thai-Wei-Yuan era simile alla grande stella di Kui (Beta Andromedae - 15esima dimora lunare), la sua coda ora è un po' più lunga e sembra una stella di scopa. Il giorno di Gui-Chou (50° di 60 - 30 ottobre), di notte, la stella di scopa è stata vista al 16esimo du (Gradi) di I (Cratere - 27esima dimora lunare), fuori del Duanmen di Thai-Wei-Yuan, ad una distanza dalla polare di 93 du (Gradi), il suo colore era bianco-verdastro, e la sua coda era 2 o 3 chi (cubiti), il suo corpo era invariato rispetto a ieri. Il giorno di Ren-Zu (59° di 60) del decimo mese lunare (8 novembre), la stella di scopa è stata vista dentro Zhang (26esima dimora lunare), il suo corpo sembra debole rispetto a ieri e la sua coda è quasi scomparsa. Il giorno di Jia-Zi (primo del ciclo di 60)(10 novembre), il suo corpo era molto più debole rispetto a ieri ''.
[Pankenier, Xu, Jiang (2008) p.270].

Parametri orbitali:
Un'orbita molto incerta è stata calcolata da Burckhardt, usando 3 osservazioni nell'arco di 7 giorni, ne risulta una traiettoria parabolica retrograda, inclinata di circa 138,37° rispetto all'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 164,95°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 302,81°.
Il passaggio al perielio sarebbe avvenuto il 17,91 ottobre 1701, quindi prima della scoperta, mentre la cometa si trovava a 0,5926 UA dal Sole.

Diagramma orbitale alla scoperta - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1702

Introduzione:
La X/1702 D1 è una cometa osservata ad occhio nudo nell'emisfero meridionale tra Febbraio e Marzo dell'anno 1702, da non confondere con la C/1702 H1 (Bianchini-Maraldi) osservata circa un mese dopo in Italia, Francia e Germania.
La X/1702 D1 è una cometa radente il Sole del gruppo di Kreutz, e L'abbiamo annoverata tra le ''Grandi Comete'' per la sua luminosità (max -3,0 mag) e per l'estensione della sua coda.


Osservazioni:
INDIA:
Niccolo Manucci nella sua '' Storia do Mogor '' descrive il suo avvistamento di una cometa nel 1702 da Madras. Per il segno nel cielo, Manucci (1907a, p.383-384) ha scritto:
'' Fino a questo momento quest'ultima città (Madras), dove ho fatto la mia dimora, non era stata turbata dalla guerra su una scala considerevole, e aveva goduto di un riposo abbastanza piacevole. Ma ora, nel bel mezzo dei guai che hanno agitato gli altri insediamenti su questa costa, ne abbiamo visto i segni con l'apparizione nei cieli, all'inizio dell'anno 1702, di una lunga coda, che in un primo momento ci ha portato a credere che fosse una cometa, e tuttavia nessuna testa era visibile. Finalmente, dopo alcuni giorni, le due estremità di questa coda si presentavano senza stella. Questo segno celeste era visibile dal 23 febbraio al 6 marzo seguenti. La punta era diretto a sud, ed è uscita da ovest; la testa continuava ad avanzare verso est. Tali segni sono sempre stati i precursori dell'avvicinarsi di calamità o di qualche rivoluzione tra gli uomini. solo Dio sa quello che può accadere, ma abbiamo già cominciato a sentire gli effetti di una guerra, dei cui dettagli vi fornirò. Per essere ancora chiari, è necessario iniziare un po' più indietro e dirti cosa l'ha provocato..... ''.

NAVIGATORI EUROPEI: 
Numerosi navigatori nell'emisfero meridionale riferirono di aver visto una cometa tra il 20 febbraio e il 1 marzo 1702. 
 - È stato avvistato per la prima volta nella sera del 20.8 febbraio dalle navi in ​​navigazione nei pressi del Capo di Buona Speranza .
 - Il 23 febbraio da una nave nel Golfo di Pegu (Myannmar).
 - Il registro della nave Schulp, in navigazione nel Golfo del Bengala al largo della costa della Birmania (ora Myanmar) riportava la descrizione dell'avvistamento della cometa il 28 febbraio, con una coda lunga 42º 46ʹ.
- Alle ore 20:00, alla latitudine 15°10′ N, e alla longitudine 116°45′ E di Tenerife, la cometa puntava verso sud di 20°30′⁠ ovest, altitudine 8°40′⁠. 
(È stata vista sempre la sera dopo il tramonto).
[Pingre (1783), vol. 2, p. 37; Chambers (1889), p. 585; Marsden (1967); Kronk (1999), p. 387].

ITALIA:
Maraldi a Roma ha visto la parte finale della coda per diversi giorni tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo. 
[Struyck 1753, Vervolg van de Beschryving der Staarts Sternen, p. 50, Amsterdam].

CINA: 
 1) - '' Durante le 5 e le 7 di sera, il 29° giorno del primo mese del 41° anno del periodo di regno di Kang-Xi (25 febbraio 1702), è stata vista una cometa ''.
[Wen-Chang Xian Zhi, vol. 9, p. 5].
 2) - '' Nel giorno di jia-yin nel secondo mese del 41° anno del periodo di regno di Kang-Xi (28 febbraio 1702), una linea di una nuvola bianca è stata vista a sud-ovest. La sua lunghezza era di due zhang e mezzo (25 cubiti) e circa un cubito di larghezza. Penetrò in Tian-Cang (Cetus) e poi in Tian-Yuan (Eridanus) ed entrò sotto l'orizzonte. Il giorno di ding-si (3 marzo), era lunga circa tre zhang e mezzo (35 cubiti) ''.
[QSG, vol. 39, p. 1484; Osservatorio di Pechino (1988), p. 485].

COREA: 
'' Nel giorno di jia-yin nel secondo mese del 28° anno del periodo di regno di Sukjong (28 febbraio 1702), fu visto un vapore bianco come una cometa, e in seguito apparve ogni giorno. Nel giorno di bing-chen (2 marzo), un vapore bianco era a ovest e la sua radice era all'estremità del cielo in una zona fangosa. Il giorno di yi-chou (11 marzo), scomparve. A causa della luce lunare molto brillante, le osservazioni dettagliate erano impossibili ''.
[Yi Wangjo Sillok; Sekiguchi (1917), n. 72].

GIAPPONE: 
 1) - '' Dalla sera del 29° giorno del primo mese del 15° anno del periodo di regno di Genroku (25 febbraio 1702), una cometa è apparsa a ovest ''.
[Diario di Arai Hakuseki, vol. 1].
 2) - '' In prima serata, dall'ultimo quarto del primo mese al primo quarto del secondo mese (18 febbraio 1702 - 6 marzo), a sud-ovest è apparso un vapore bianco. La sua radice era al 14° grado di Kei (15° palazzo lunare), nel Tenso (Cetus), e la sua fine raggiungeva il primo grado di Bo (18° palazzo lunare), nel Tenen (Eridanus) ''.
[Jinkiroku di Tani Jinzan, vol. 8; Ohsaki (1994), p. 460].


Orbita:
Le posizioni registrate sono incerte, in quanto nessun osservatore ha riferito di aver visto chiaramente la testa della cometa, quindi la sua orbita no è determinabile con precisione da poter fornire dei parametri orbitali precisi, possiamo solo ipotizzare che faccia parte del gruppo delle comete radenti di Kreutz, mettendola in relazione alle grandi comete C/1843 D1 e C/1882 R1 (vedi relativi paragrafi qui di seguito), suggerendo per la cometa del 1702 un passaggio perielio per il 15.1 febbraio; q = 0,01 UA (Marsden 1967).
__________________________________________
__________________________________________

LA SECONDA COMETA del 1702
C/1702 H1 (BIANCHINI-MARALDI)

La C/1702 H1 (Bianchini-Maraldi) è una cometa osservata per pochi giorni tra aprile e maggio del 1702 mentre effettuava un passaggio particolarmente ravvicinato al nostro pianeta, difatti Il 20 aprile 1702 è transitata a sole 0,0435 UA (circa 6.507.507 km) dalla Terra, ed era a 1,10 UA dal Sole con un'elongazione di circa 90°, dopo aver effettuato un simile passaggio anche con Venere pochi giorni prima.

Scoperta:
Fu scoperta il 20 aprile 1702 a Roma, dagli astronomi italiani Francesco Bianchini Giacomo Filippo Maraldi, che furono anche coloro che effettuarono le più precise rilevazioni delle posizioni sulla volta celeste, per stessa ammissione di Pingrè (vol.2 - 1784, p.38).

Osservazioni:
Oltre agli scopritori, la cometa fu osservata anche a Berlino da Maria M. Kirch e Hoffmann 2 ore dopo, e da De La Hire a Parigi solo dal 24 aprile, che ci fornì di un ampia relazione con una mappa celeste che ne riporta il percorso, anche se erroneamente sosteneva che questo evento fosse un ritorno di comete osservate precedentemente, solo in base alla ''somiglianza''.
De La Hire osserva la nuova cometa dal 24 aprile al 5 maggio del 1702 e consegna le sue osservazioni all'Academie Royale des Sciences con una Mémoire che contiene anche considerazioni generali sulla natura del fenomeno.

La traiettoria della cometa del 1698 è ridisegnata con una linea continua nella prima e nella seconda parte della tavola allegata alla memoria: le posizioni sono identificate  dalle lettera latine maiuscole A-E per i giorni tra il 2 e il 7 e con F-K dal 9 al 13. Nell'ultima sezione in basso della tavola troviamo ancora il percorso della cometa del 1698 dal giorno 13 al 28, lettere L-P, che è possibile confrontare con quello della cometa osservata da De La Hire dal 24 aprile al 5 Maggio, lettere latine minuscole a-g, linea tratteggiata ).

L'ultima osservazione della cometa fu fatta da Bianchini e Maraldi il 5 maggio 1702, mentre si trovava a 0,23 UA dalla Terra e a 1,23 UA dal Sole.
Tutti l'hanno descritta come una "stella nebbiosa" appena sopra l'orizzonte .

Parametri orbitali:
Un'orbita parabolica prograda è stata calcolata da Buckhardt nel 1807, da 5 osservazioni nell'arco di 11 giorni, e risulta che è inclinata di soli 4,375° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 309,637°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 193,294°.
Il passaggio al perielio è avvenuto prima della scoperta, il 14,107 marzo 1702, mentre si trovava ad una distanza di 0,64683 UA.

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1706
C/1706 F1 (CASSINI-MARALDI)

La C/1706 F1 (Cassini-Maraldi) è una cometa che è stata osservata anche ad occhio nudo, tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera dell'anno 1706, si stima che abbia raggiunto una luminosità massima di circa +4 mag.

Scoperta:
Fu scoperta il 18 marzo 1706 a Parigi, da due astronomi italo-francesi, Giovanni Domenico Cassini e Giacomo Filippo Maraldi, mentre poche ore dopo stava passando nel punto più vicino alla Terra ad una distanza di 0,3088 UA, ed in allontanamento dal Sole a 1,16 UA con un'elongazione di circa 115°.

Osservazioni:
Nei volumi delle Memoire de l'Academie des Sciencies (1707), troviamo la relazione redatta da Cassini e Maraldi:
'' Il 18 marzo a mezzanotte dagli allineamenti che abbiamo fatto delle stelle di Bootes e della Corona rispetto alla cometa, ci forniscono la sua posizione con AR= 237° 10' e DEC= +36° 0'. Il giorno 19 il cielo è coperto. Il giorno venti notiamo che la cometa si è spostata nella spalla del Bootes e ne rileviamo la posizione con AR= 228° 19' e DEC= 34° 16'. Il 24 marzo la cometa si era mossa di ben 22,5° in 6 giorni, posizionata in AR= 211° 30' e DEC= 30° 30'. Il 31 marzo rivedemmo la cometa che era assai luminosa, ed era tra la Vergine e la Chioma di Berenice, con la posizione in AR= 192° 29' e DEC= 19° 23'. Il primo d'aprile era nel braccio della Vergine con una posizione di AR= 190° 18' e DEC= 18° 14' ''.
Vi riportiamo schematicamente le altre posizioni rilevate:
06 aprile AR= 182° 00' e DEC= 12° 30'.
07 aprile AR= 181° 26' e DEC= 12° 03'.
08 aprile AR= 180° 20' e DEC= 11° 16'.
09 aprile AR= 179° 21' e DEC= 10° 20'.
10 aprile AR= 178° 26' e DEC= 09° 35'.
11 aprile AR= 177° 37' e DEC= 08° 53'.
12 aprile AR= 176° 49' e DEC= 08° 12'.
13 aprile AR= 176° 06' e DEC= 07° 38'.
'' Il 14 e 16 aprile si vide la cometa ma era troppo debole per poterne rilevare la posizione, il 16 si trovava nella testa della Vergine a circa un mezzo grado a nord dalla stella Beta Virginis. nei giorni successivi non fu possibile vederla, era diventata troppo debole ed eravamo disturbati dalla presenza della Luna ''.
Quando fu vista per l'ultima volta il 16 aprile 1706, si trovava a 0,72 UA dalla Terra e a 1,65 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 146°.
La carta che riproduciamo qua sotto, rappresenta il corso della cometa che Cassini e Maraldi osservarono nel cielo di Parigi dal 18 marzo 1707 al 16 aprile dello stesso anno.
La cometa viene puntualmente seguita giorno per giorno dal suo apparire del 18 marzo tra la costellazione di Ercole e quella della Corona Boreale fino al 16 aprile, ultimo giorno nel quale è possibile vederla presso la testa della Vergine.

La tavola, redatta da Berey, non riporta alcun tipo di reticolo graduato, le stelle sono divise per grandezza ma non è possibile trovare una scala graduata di riferimento. Ad esclusione di Arcturus le altre stelle non vengono denominate, le costellazioni riportano invece il loro nome in francese. La cometa è indicata da un piccolo cerchietto punteggiato e centrato in corrispondenza delle date per le quali, nella relazione, vengono date le coordinate in Ascensione Retta e Declinazione. Queste coordinate vengono calcolate direttamente sulla cometa al momento del suo passaggio al meridiano o in riferimento alle stelle del fondo cielo. Molte di queste, anche di quarta grandezza, non appaiono nei cataloghi e nelle carte in possesso di Cassini. Il percorso della cometa viene tracciato unendo con una curva punteggiata i punti per i quali sono state calcolate le coordinate ).

Parametri orbitali:
L'orbita della cometa passa vicinissima a quella del pianeta Marte, dove è probabile che i quei tempi, abbia originato uno sciame meteorico.
I calcoli che ci forniscono un'orbita parabolica prograda, sono stati fatti da Nicholas Struyck, usando 6 osservazioni nell'arco di 23 giorni, ne risulta una traiettoria fortemente inclinata di ben 55,270° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 59,434°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 17,281°.
Il passaggio al perielio è avvenuto prima della scoperta, cioè il 30,706 gennaio 1706, mentre si trovava ad una distanza di 0,42686 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA COMETA del 1707-1708
C/1707 W1 (MANFREDI-STANCARI)

La C/1707 W1 (Manfredi-Stancari) è una cometa osservata anche ad occhio nudo tra la fine del 1707 e l'inizio del 1708.

Scoperta:
La cometa fu scoperta a Bologna (allora Stato della Chiesa), da Eustachio Manfredi e da Vittorio Francesco Stancari, la sera del 25,77 novembre 1707, descrivendola così:
'' La cometa era visibile ad occhio nudo, bianca, irregolare e con un coda corta e debole. Aveva le stesse dimensioni apparenti di Giove ''.
Al momento della scoperta si trovava a 0,18 UA dalla Terra e a 0,91 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 61°. Solo tre giorni prima era nel punto più vicino alla Terra a solamente 0,1601 UA.

Osservazioni:
Non fu osservata il 26 novembre, ma fu rilevata la sua posizione il 27,75 novembre 1707:
AR = 20h 23' 18'' - Dec = -9° 51'.
Un'altra scoperta indipendente avvenne il 28,81 novembre a Parigi, ad opera di Gian Domenico Cassini e Giacomo Filippo Maraldi, che lasciarono la seguente nota:
'' La cometa appariva ad occhio nudo simile in luminosità ad una stella di seconda magnitudine, e non c'era la coda ''.
Le osservazioni dei 4 astronomi continuarono su base quasi giornaliera con parecchie posizioni ottenute. La luna era tornata nel cielo serale all'inizio di dicembre, ma le osservazioni sono continuate fino al 7. Il 5 dicembre, Cassini e Maraldi, dicono:
'' La cometa era ancora visibile ad occhio nudo, mentre nel rifrattore da 12 piedi di focale rivelava una chioma molto simile in apparenza al disco di Giove visto con il medesimo telescopio ''.
La cometa fu rivista l'11 dicembre da Manfredi e Stancari, ed il 17 da Cassini e Maraldi, che scrissero:
'' La cometa si vedeva ad occhio nudo come una stella di sesta magnitudine ''.
Mentre il 21 si vedeva a malapena ad occhio nudo, ma era un facile oggetto al telescopio.
Cassini e Maraldi l'hanno osservata per l'ultima volta la sera del 25 dicembre.
Le osservazioni di Manfredi e Stancari continuarono anche nell'anno nuovo, anche se non furono fatte osservazioni dal 2 al 12 gennaio 1708 per la presenza della Luna, ma il 13 gennaio 1708 Stancari annotò che la cometa era ancora visibile ad occhio nudo.
La cometa è stata rilevata per l'ultima volta, solo telescopicamente, il 23,8 gennaio 1708, ma scrisse che era troppo debole per rilevarne la posizione con precisione. Al momento si trovava a 1,48 UA dalla Terra e a 1,15 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 51°.

Gian Domenico Cassini ci relaziona sulla cometa, da lui osservata la sera del 28 novembre 1707 nella la zona di cielo tra la costellazione di Antinoo (Costellazione ora non più utilizzata le cui stelle sono state annesse all'Aquila) e quella del Capricorno, e che ha potuto seguire, tempo permettendo, fino al 25 di dicembre dello stesso anno, quando la cometa aveva quasi raggiunto la testa del Cigno. Un intervallo di brutto tempo protrattosi per i dieci giorni successivi gli impedirono di continuare le sue osservazioni ).
Parametri orbitali:
Un'orbita parabolica prograda, quasi perpendicolare al piano dei pianeti, fu calcolata da N. Struyck nel 1753, usando solo 4 osservazioni di Cassini e Maraldi, nell'arco di 26 giorni (dal 29 novembre al 25 dicembre del 1707), ne risultò un'inclinazione di 88,646° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 27,161°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 56,916° (2000.0).
Il passaggio al perielio avvenne il 12,488 dicembre 1707 (UT), mentre si trovava a 0,85904 UA dal Sole, tra le orbite di Venere e Terra.

( Diagramma orbitale al momento del perielio - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1718
C/1718 B1 (KIRCH)

La C/1718 B1 (Kirch) è una cometa osservata anche ad occhio nudo, all'inizio del 1718.
Si stima che abbia raggiunto una luminosità massima di circa +1,5 mag.

Resoconti osservativi:
La cometa del 1718 fu osservata a Berlino da Gottfried Kirch, dal 18 gennaio al 5 febbraio.

Orbita:
All'epoca furono calcolate due orbite, una calcolata da LaCaille, l'altra da Downes su preghiera di Struyck. Entrambi rappresentano le osservazioni di Kirch, ma solo con pochi minuti di differenza; 
E se non si riesce a trovare una teoria più precisa, secondo Struyck, è colpa delle osservazioni stesse:
1° Kirch usava strumenti troppo piccoli. 
2° Kirch ha aggiustato le posizioni della cometa alle posizioni delle stelle, estratte dai Cataloghi di Tycho e Hévélius, ed ha ridotto tutte queste posizioni alle dieci di sera. 
Pingrè nella sua Cometografie Vol.2, si chiede perché i dati non li ha dati per le stesse ore in cui erano state fatte? Il movimento della Cometa è stato dapprima molto rapido, poi ha rallentato, e quindi si poteva facilmente sbagliare nel fare delle riduzioni.
[Struyck (1753) p.57 - Pingrè, vol.2 (1784) p.41].

Parametri orbitali:
Successivamente a quanto detto sopra, Argelander ha calcolato un'orbita parabolica retrograda, utilizzando 13 osservazioni nell'arco di 18 giorni, ne risulta una traiettoria inclinata di 148,838° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 6,309°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 131,903°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 15,406 gennaio 1718, mentre si trovava ad una distanza di 1,02543 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA COMETA del 1723
C/1723 T1 (PRIAMO-KEGLER)

Introduzione:
La cometa C/1723 T1 fu scoperta vicino all'orizzonte da Gian Priamo e Ignatius Kegler, dei missionari francesi a Pechino, la mattina dell'11 ottobre come un oggetto di magnitudine  di circa +3 con una coda lunga circa 4º. 
È stata indipendente scoperta il 16 ottobre a Lisbona, ed anche da William Saunderson il 17 ottobre (Gregoriano) a Bombay. Hind (1852, p. 146) fornisce la data di Saunderson al 12 ottobre. 
Crossat, un gesuita di Cayenne, ha visto la cometa il 15 ottobre come una stella di 3a magnitudine con una coda lunga 7,5º . 
Kronk (1999) però attribuisce ai cinesi la scoperta della cometa il 10,8 ottobre nella costellazione di Columba come registrato nel testo Ch'ing shih kao

Osservazioni:
Edmund Halley aveva visto la cometa ad occhio nudo la sera del 20 ottobre, descrivendola "molto diverso da una stella di terza magnitudine” (Kronk 1999). 
La luna piena si è verificata il 14 Ottobre ed il 12 Novembre.
La cometa fu avvistata da Saunderson a Bombay per la prima volta, molto probabilmente, (date Giuliane) il 5 ottobre la comunicazione di William Saunderson delle sue osservazioni tramite una lettera alla Royal Society datata 12 settembre 1725 così si legge:
Nel mese di ottobre 1723, essendo a cavallo a Bombay, una Luminosità nei Cieli appariva con una piccola linea dritta, verso est) allineata con la costellazione della Lira e distante dalla Stella Luminosa nell'Aquila, a circa 50° dal basso; e il lunedì 7 successivo era avanzata di 10° verso l'Aquila, muovendosi verso di essa nella direzione suddetta, dal quadrante di Sud-Est ''.
Saunderson aveva un telescopio di sei piedi. Nella comunicazione, ha tabulato le sue osservazioni per il periodo 7 - 19 ottobre prese tra le ore 9 e le 10 notturne che mostrano come la posizione della cometa è cambiata rispetto al cuore dell'aquila da 40° 00′ sud il 7 ottobre, a 11° 40′ sud
il 19. Ha poi annotato inoltre :
'' All'inizio sembrava solo una delle Macchie Bianche chiamate Nubi di Magellano, cioè lo Spazio che riempiva il campo di un telescopio di sei piedi. In seguito ho visto la testa al centro dello spazio illuminato, che di fatto non aveva molta luminosità; ma è apparso più grande il 10 ottobre, diminuendo poi gradualmente entrambi nella sua massa e movimento da quel momento fino al 25, momento in cui non ho potuto trovare alcun aspetto con il già citato telescopio. N.B. Dal 20 al 25 ha avuto quasi la fama di piazzarsi in cielo, e sembra muoversi direttamente dalla Terra ... "
Le date nella comunicazione di Saunderson sono da riferirsi al vecchio calendario giuliano. 
La data della prima osservazione registrata 7 ottobre 1723 lunedì, corrisponde al 18 ottobre 1723 lunedì (gregoriano).

In tabella si riportano le posizioni registrate da Saunderson, Nella tabella, r è la distanza eliocentrica e Δ è la distanza geocentrica, in UA.  ).

Analisi dell'osservazione:
Saunderson avrebbe fatto la sua prima osservazione il 16 ottobre (5 ottobre giuliano), e come dice "tra le 9 e le 10 della notte", presumibilmente intorno alle 16:00 UT (tramonto alle 12:46 UT). Quel giorno avrebbe trovato la cometa allineata con la Lira mentre si trova a 50° a sud di Altair. Secondo le posizioni nella tabella sopra, la cometa si sarebbe trovata a circa un grado a nord di γ Crucis e 10º a nord di Alnair (α Gru).
Entro il 18 ottobre (7 ottobre Giuliano), la data della sua prima osservazione registrata, la cometa si era spostata a nord-ovest di circa sedici gradi verso l'Aquila. Entro l'ultimo giorno della sua osservazione (5 Nov, Gregoriano) quando effettivamente non poteva più vederlo, la cometa aveva raggiunto una posizione di circa 10° a sud-est di Altair e ~ 4º a nord-est di θ Aquilae. Un controllo incrociato con il computer per le effemeridi della cometa corrobora l'osservazione di Saunderson che dal "20 al 25"
(giuliani) la cometa era apparentemente immobile e quindi si stava muovendo direttamente dalla Terra.

Uno studio dell'epoca:
LEGGI QUI : '' Exercitatio De Cometa Anni 1723 '' in Latino - (Ingolstad).

Orbita:
Il suo periodo non è conosciuto e la cometa 1723 è molto probabilmente tra quelle che non tornano, difatti visto il breve periodo osservativo, si è potuto calcolare solo un'orbita parabolica retrograda, che risulta inclinata di 130,028° rispetto al piano dell'eclittica, con un argomento del perielio di 331,380°, ed una longitudine del nodo ascendente di 18,102°.
Al momento della scoperta, la cometa era già passata al suo perielio, il 28,128 settembre UT; q = 0,999 UA. È passata nel punto più vicino alla Terra il 14 ottobre a 0,1036 AU. La cometa aveva poi iniziato ad allontanarsi dal Sole dal 14 ottobre (gregoriano) in poi.

Diagramma dell'orbita al momento del perielio il 28/09/1723 - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA COMETA di SARABAT
C/1729 P1

La cometa del 1729 non è stata particolarmente brillante , nota anche come C / 1729 P1 o Cometa Sarabat , è una presunta cometa con orbita parabolica, con una magnitudine assoluta (H) di -3 mag, la più brillante mai osservata per una cometa, è quindi considerata potenzialmente la più grande cometa mai vista, per dimensioni.

Scoperta:
La cometa fu scoperta nella costellazione dell'Equuleo da padre Nicolas Sarabat , professore di matematica, a Nîmes la mattina presto del 1° agosto 1729. 
Al momento della scoperta la cometa passava nel punto più vicino al nostro pianeta, avvicinandosi alla Terra fino a circa 3.1 AU (460.000.000  km) e aveva un'elongazione di 155 gradi dal Sole.

Osservazioni:
Osservando ad occhio nudo, vide un oggetto simile a una debole stella nebulosa: all'inizio non era sicuro se fosse una cometa o parte della Via Lattea . 
Il chiaro di luna ha interferito con le osservazioni di Sarabat fino al 9 agosto, ma dopo aver recuperato l'oggetto e aver tentato di rilevarne il movimento senza l'ausilio di strumenti di misurazione, si è convinto di aver trovato una nuova cometa.

La notizia della scoperta è stata passata a Jacques Cassini a Parigi, che è stato in grado di confermare la posizione della cometa, anche se con estrema sorpresa per quanto poco si fosse spostata dalla prima osservazione quasi un mese prima. 
Cassini poté continuare l'osservazione fino al 18 gennaio 1730, momento in cui la cometa si trovava nella Vulpecula . Questo è stato un periodo straordinariamente lungo per l'osservazione di una cometa, sebbene non sia mai salita al di sopra della magnitudine apparente 3-4, all'incirca la luminosità della Galassia di Andromeda.

Le tre posizioni riportate sulla carta celeste ).

Dimensioni:
Essendo rimasta visibile, anche se debolmente ad occhio nudo, e fu osservata per circa sei mesi in totale, questo suggerisce che la sua magnitudine assoluta o luminosità intrinseca era insolitamente alta, forse fino a -3,0. 
È quindi riteniamo molto probabile che la cometa del 1729 fosse un oggetto eccezionalmente grande, con un nucleo cometario dell'ordine di 100 km di diametro, o forse di più.

Orbita:
L'orbita della cometa, successivamente calcolata da John Russell Hind , mostrava una distanza del perielio di circa 4,05 UA , che è appena all'interno dell'orbita di Giove .
Sono state utilizzate solo 3 osservazioni per determinare l'orbita di questa cometa, e vista l'incertezza ne possiamo dedurre solo un'orbita parabolica che risulta inclinata di circa 77° rispetto all'eclittica, che risulta quindi prograda.
DATI :
Epoca2352731.148
(16 giugno 1729)
Arco di osservazione135 giorni
Numero di
osservazioni
3 ( molto poco determinato )
Distanza Perielio4.05054 UA
Eccentricità1.0 (presunto) 
Inclinazione77,095 °
Dimensioni≈100 km? 
Ultimo perielio16 giugno 1729 
Il passaggio al perielio del 16 giugno 1729 - JPL ).

(Il momento della scoperta quando si trovava nel punto più vicino alla Terra il 1 agosto 1729 - JPL).

Ultima osservazione, 18 gennaio 1730 - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1732

La X/1732 D1 (Hanow-Dove) è una cometa vista ad occhio nudo verso la fine di febbraio del 1732.

Resoconti osservativi:
La prima testimonianza di questo evento è riportata nel testo tedesco Monatliche Correspondenz (1813, vol.XXVIII p.430), dove troviamo scritto:
'' Una cometa è stata vista il 27 febbraio 1732, nei pressi di Spica (Alfa Virginis), da parte di Michael Christoph Hanow a Danzica ''.
[Chambers (1889) n.511 p.585].
La seconda fonte è una lettera scritta da John Dove ad Edmond Halley e pubblicata nel numero di settembre-ottobre del 1732 del Philosophical Transactions of the Royal Society of London (p.393-394), dove si trova scritta la seguente annotazione, redatta da Dove che si trovava a bordo del vascello Monmouth nell'atlantico meridionale, mentre costeggiava la costa africana:
'' Il 29 febbraio 1732 la luce della Luna era molto luminosa e mancavano pochi giorni alla Luna Piena, abbiamo visto sorgere qualcosa di molto luminoso a ovest, che giudico essere una cometa; Si è spostata all'incirca ad oriente, passando da occidente ad oriente in circa cinque minuti, tra la Luna e il nostro zenit, e a sud di Spica (Alfa Virginis), portava dietro di sé un fascio di luce lungo circa 40°, e 1° o 1,5° di larghezza; La luminosità della Luna ha eclissato la cometa quando le si è avvicinata ''.
[Kronk, vol.1 (1999) p.527].

Orbita:
Non determinabile.
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1733

La C/1733 K1 è una cometa osservata ad occhio nudo durante la primavera del 1733.

Osservazioni:
Resoconti da vari vascelli in navigazione:
'' Il 17 maggio 1733, mentre eravamo a 34° 59' di latitudine sud, nei pressi di False-bay, in prossimità del Capo di Buona Speranza, abbiamo visto una Cometa a nord-ovest-1/4 ovest; il cielo era bellissimo, la coda allungata verso l'alto, è stata giudicata lunga ''due piedi''. Abbiamo visto questa cometa per più di un'ora finché non è tramontata. Fu scoperta il giorno successivo, il 18, anche nella stessa Città del Capo. Diversi Navigatori, che sono arrivati ​​lì il 19 e 28 maggio, hanno accettato di riferire di aver visto questa cometa ''.
[Struyck (1753) p.61 - Pingrè, vol.2 (1784) p.44-45 - Chambers (1889) n.512 p.585].
Una registrazione più dettagliata della cometa è venuta alla luce di recente da una nave svedese che si trovava anche nelle vicinanze del Capo di Buona Speranza. 
Il record svedese è notevole in quanto include schizzi della posizione della cometa in quattro sere nel corso di una settimana (dal 19 al 26 maggio 1733), mentre attraversava la costellazione di Orione. Da questi schizzi è possibile stabilire che la cometa si stava muovendo dal perielio all'inizio del mese in un'orbita diretta a bassa inclinazione.
[Koninckx, C. ; Vanouplines, P. ; Marsden, BG - Vistas in Astronomy, Vol.39, Issue 3, p.323-334].

Parametri orbitali:
Dai resoconti svedesi è stato possibile calcolare un'orbita parabolica prograda, che risulta inclinata di circa 23,792° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 187,891°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 271,052°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 6,159 maggio 1733, mentre si trovava ad una distanza di 0,10297 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA FULLER
del 1737

La C/1737 C1 è stata una cometa visibile ad occhio nudo ed in luce diurna nell'anno 1737.
L'abbiamo annoverata tra le ''Grandi Comete'' per la sua notevole luminosità.

Scoperta:
Questa cometa è stata scoperta il 6,99 febbraio da Rose Fuller in Giamaica. La comunicazione di Fuller dice il 26 gennaio, ma presumibilmente è una data del calendario giuliano.  
Il 9 febbraio è stato visto alla luce del Sole a Lisbona e Gibilterra con una coda lunga 7º. La cometa è stato visto ad occhio nudo fino al 18 marzo (Vsekhsvyatskii 1964). 

Osservazioni:
INDIA: 
John Anthony Sartorius, un missionario a Madras (ora Chennai) vide per la prima volta la cometa del 1737 il 13 febbraio con un telescopio avente una lunghezza focale di 10 o 11 piedi (Kronk 1999). Sartorius è stato il primo missionario inviato nel 1730 dall'Inghilterra all'India da una società missionaria inglese. Presto lui divenne esperto nella lingua tamil di cui fece anche un lessico. Circa un anno prima del suo decesso il 27 maggio 1738, Sartorius si era trasferito a Cuddalore con Geister, un missionario tedesco (Westcott 1897). Le osservazioni della cometa sarebbero state fatte quando Sartorius era ancora a Madras. Un estratto della sua lettera con data Giuliana "Feb. 9. 1736-7 V.S. "(Sartorius 1737) al sig. Bayer a Petersburgh riguardo alla cometa apparve nel Phil. Trans. RS London dopo una traduzione dal tedesco, Unitamente ad altre comunicazioni sullo stesso. Si legge così:
'' Negli ultimi sette giorni, circa alla 7a ora della sera, è apparsa una debole Cometa, come noi
ha preso per essere: è debole nella trama, sotto Venere verso il S.W. Vista attraverso un tubo di
10 o 11 piedi di lunghezza, è come un pianeta pallido; la sua coda tende verso l'alto. Cosa fanno gli astronomi in Europa ditelo, se li si è visto ? ".
Con Horizons System e Solar System Live, troviamo le rispettive posizioni apparenti della cometa e del Sole come si dovevano vedere a Madras all'epoca. Le posizioni sono riportate nella tabella sotto, e sono per una prospettiva.


Analisi delle osservazioni: La sera del 13 febbraio, la cometa giaceva in Acquario vicino ai confidi di Pisces-Aquarius-Cetus, con Venere a circa 12º N-E da esso.
La comunicazione di Rose Fuller datata "Spanish-Town, 1 marzo. 1736-57 "appare sulla stessa pagina del Phil. Trans. come estratto della lettera di Sartorius. Menziona prima la cometa scoperta verso il 26 gennaio, ".. in Occidente prima di tutto, alcuni Gradi sotto e direttamente sotto Venere: ogni notte sembrava più vicina a quella stella, ma inclinata verso nord. ... ''.
Le date del 9 febbraio nella lettera di Sartorius e del 26 gennaio nella lettera di Fuller sono giuliane. Per la prospettiva, la luna piena si è verificata il 15 febbraio.

ITALIA:
'' Nell'anno 1737, e non 36, al 22 Febbraio videro nell'Osservatorio di Bologna la Cometa, e al 25 furono certi del luogo in cui apparve, che fu ne' Pesci con latitudine Meridionale in quel giorno di gradi 7°35', e longitudine in Ariete di gradi 20°46'. Nel di ultimo Febraro fu in gradi 26°29'30'', parimenti in Ariete con gradi 8°27' di latitudine Meridionale, e con la coda assai diminuita, e ridotta a un dipresso a mezzo grado di lunghezza.... Al 7 di Marzo fu in gradi 8°9' del Toro con latitudine Meridionale di gradi 9°56' sino al 17 essendo tutto nuvoloso il Cielo s'interruppe l'Osservazione ''.
[D.L. Zucconi , Li prognostici non avverati nelle predizioni e ritorni delle Comete delusi ne' fatti recenti e passati . Venezia, 1778].

( Le lettere indicate in tabella sono riportate nelle posizioni della cometa nella mappa qui sotto ).


LEGGI TUTTO:

Orbita:
La cometa ha superato il suo perielio il 30.847 gennaio (Kronk 1999).
Il breve periodo osservativo e l'incertezza dei dati ha permesso di determinare solamente un'orbita parabolica prograda per questa cometa, quindi non possiamo sapere se e quando potrà tornare nel sistema solare interno.
DATI : Distanza del perielio (q) = 0,22282 UA, Inclinazione del piano orbitale (i) = 18,326°, Eccentricità = 1, Argomento del perielio = 99,461°, Longitudine del nodo ascendente = 230,120° (fonte JPL).

Diagramma dell'orbita al passaggio al perielio del 31/01/1737 - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA SECONDA COMETA del 1737
109P/1737 N1 (SWIFT-TUTTLE)

La C/1737 N1 (Kegler) = 109P/1737 N1 (Swift-Tuttle) è una cometa che è stata osservata ad occhio nudo durante l'estate del 1737.

Osservazioni:
L'unica osservazione per questo ritorno è stata ottenuta dal missionario gesuita Ignatius Kegler a Pechino. 
Il resoconto cinese è contenuto nel capitolo 39 del Ch'ing-Shih-Kao
'' Nel periodo di regno di Ch'ien-Lung, durante il suo 2° anno, nel 6° mese lunare, il giorno di Ting-Mao (7 luglio 1737), una strana stella apparve a est di Yu-Keng. Il suo colore era bianco. Apparteneva a Lou (sedicesima dimora lunare). Si è poi spostata verso sud-ovest, ed era ancora visibile il giorno Ping-Zu (16 luglio) ''.
[Questa cronaca sembra solo una sommaria osservazione ad occhio nudo, simili a quelle del passato, mentre in Europa le tecniche evolvevano, in Cina nulla mutava da oltre 2 millenni].

Il percorso della cometa per il 1737 è mostrato nel grafico qui sotto, gli asterischi rappresentano le posizioni osservate da Kegler della 109P/Swift-Tuttle, durante il ritorno del 1737. 
I quadrati rappresentano le posizioni calcolate in base agli elementi orbitali per il 1737.

Posizioni dal 2 al 16 luglio 1737 ).

Orbita:
PARAMETRI ORBITALI (15,85 giugno 1737 UT):
Distanza del perielio 0,97997 UA
Eccentricità dell'orbita 0,96137
Inclinazione del piano orbitale rispetto all'eclittica 113,68°
Argomento del perielio 152,6931°
Longitudine del nodo ascendente 139,4616°
Periodo di rivoluzione 127,77 anni
__________________________________________
__________________________________________

LA COMETA del 1739
C/1739 K1 (ZANOTTI)

La C/1739 K1 (Zanotti) è una cometa che fu osservata anche ad occhio nudo tra la primavera e l'estate dell'anno 1739, ha raggiunto una luminosità massima di +3,3 mag.

Scoperta:
Fu scoperta il 28 maggio 1739 nella specula dell'Istituto delle scienze di Bologna, dall'astronomo italiano Eustachio Zanotti ad occhio nudo, la descrisse come una stella di terza magnitudine, ma circondate da una nebulosità, mentre al telescopio il nucleo appariva della grandezza di Giove con una coda di circa 2°.
Alcune fonti non certificate riportano che la cometa sarebbe stata scoperta da Petronio Matteucci e da Giuseppe Roversi la sera del 27 maggio 1739.

Osservazioni:
Zanotti ha continuato le sue osservazioni nei mesi successivi, registrò una coda di 1° il 3 luglio, mentre era di 0,5° il 12 luglio, fu vista ad occhio nudo per l'ultima volta il 17 agosto, mentre si stima che fosse di +5,5 mag, Il giorno dopo fu vista nel telescopio, poi la presenza della Luna ha impedito ulteriori osservazioni.


Cronologia:
SCOPERTA: il 27,9 maggio 1739, mentre si trovava a 1,21 UA dalla Terra e a 0,80 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 41°.
ULTIMA OSSERVAZIONE: il 18,1 agosto 1739, dallo stesso Zanotti, mentre era a 1,14 UA dalla Terra e a 1,36 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 78°.
[Kronk, Cometography vol.1 (1999) p.402].

Parametri orbitali:
Eustachio Zanotti e Nicolas Louis de Lacaille calcolarono per la cometa un'orbita parabolica. 
Secondo tale orbita, la cometa era transitata al perielio il 17 giugno dello stesso anno, mentre il 16 aprile aveva toccato il massimo avvicinamento al nostro pianeta, passando a 0,454 UA dalla Terra.
Parametri orbitali
(all'epoca 2356384,416 18 giugno 1739)
Perielio0,67358 UA
Inclinazione orbitale124,260°
Eccentricità1
Longitudine del
nodo ascendente
211,044°
Argomento del perielio104,752°
Ultimo perielio17 giugno 1739
( Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1742
C/1742 C1 (Muhammad Ali)

La C/1742 C1 è una cometa osservabile ad occhio nudo nell'anno 1742.
L'abbiamo annoverata tra le ''Grandi Comete'' per la sua brillantezza.

Da Zurigo ).

Osservazioni:
INDIA:
C'è traccia di una cometa negli scritti di uno storico indiano del XVIII secolo, Sayyid Muhammad 'Alī al-Ḥusaini che egli dice apparve nel 1154 A.H. (1741-42). Non viene fornito nessun dettaglio astronomico dell'osservazione. Sayyid al-Ḥusaini era uno studioso, politico persiano e storico. 
Nel 1759-60 scrisse una storia della dinastia Timur, Tārīkh -i Rāḥat Afzā, coprendo il periodo 1359-1759 (Khan 1948). In esso, menziona una palla di fuoco che esplode nell'anno 1155 A.H. (1742-43) e un terremoto nel 1171 A.H. (1757-58). 
Ancora più importante, registra la presenza di una cometa:
Nell'anno 1154 A.H., una stella con la coda apparve di sera in Occidente, durante i mesi di Shawwāl, Dhu-al-Qa'dah e Dhu-al-Ḥajjah. Successivamente ha fatto la sua comparsa in Oriente, durante la prima mattina, per alcuni giorni nel mese di Muḥarram 1155 A.H. ”.
[le date citate si riferiscono alla datazione Islamica].
Nelle cometografie di Vsekhsvyatskii (1964) e Kronk (1999), non ci sono registrazioni di una cometa nel 1741. L'unica cometa che può corrispondere alla descrizione sopra è quella che è apparsa all'inizio del 1742. La sua esatta scoperta come commenta Kronk (1999, pp. 403-5) "è in qualche modo aperta a
discussione''. 
Le circostanze suggeriscono che Muhammad 'Alī sia uno scopritore indipendente della cometa luminosa del 1742, ora designata C / 1742 C1:
 - Dobbiamo prendere come primo avvistamento della cometa da parte di Muhammad 'Alī in una data nell'anno 1742, è probabile che lo abbia fatto all'epoca in cui fu registrato per la prima volta, cioè il 5 febbraio 1742 contemporaneamente alle osservazioni fatte al Capo di Buona Speranza.
Ciò rende Muḥammad 'Alī uno scopritore indipendente della cometa (Kapoor 2015b). 
Il successivo avvistamento della cometa riportato a febbraio è solo del 27 e 28, da due navigatori olandesi su una nave nell'Oceano Indiano. 
Sarebbe stato più facile se Muhammad 'Alī avesse fatto menzione anche della costellazione o qualsiasi stella luminosa nelle vicinanze.

SUD AFRICA:
Fu notata per primo nei cieli meridionali dal Capo di Buona Speranza (Hind 1852, p. 147) dove le prime registrazioni risalgono al 5 febbraio 1742 che riportano anche che la cometa era stata vista diverse notti prima (Kronk 1999). 

EUROPA:
La cometa si stava muovendo verso nord ed entro marzo è diventata visibile nei cieli settentrionali quando è stata ampiamente osservata.
In Europa, la cometa è stata vista per la prima volta da William Whiston, il successore di Isaac Newton come professore di matematica lucasiano, in Inghilterra l'1 e 2 marzo. Entro l'8 marzo, aveva sviluppato una coda di 8° -9° di lunghezza con la testa a circa 2 mag. 
La cometa è diventata circumpolare entro l'11 marzo quando poteva essere vista per tutta la notte. Nell'aprile 1742 divenne faticoso vedere la cometa senza assistenza. 
La cometa è stata osservata per ultima, telescopicamente, il 7 maggio (Kronk 1999).

Atlante di Mattheu Seutter ).
Orbita:
La cometa C / 1742 C1 era luminosa, ma avendo avuto un breve periodo osservativo abbiamo solo potuto calcolare un'orbita parabolica retrograda con un'inclinazione di 112,948° rispetto al piano dell'eclittica.
Ha superato il suo perielio l'8,696 febbraio 1742 a 0,76577 UA dal Sole, ed ha passato il punto più vicino alla Terra a 0,3334 UA, il 7 marzo.

Parametri orbitali
(all'epoca 2357351,196
8 febbraio 1742)
Perielio0,76577 UA
Inclinazione orbitale112,948°
Eccentricità1,0
Longitudine del
nodo ascendente
189,201°
Argomento del perielio328,043°
Ultimo perielio8 febbraio 1742
Diagramma dell'orbita, al momento del passaggio al perielio del 08/02/1742 - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA PRIMA COMETA del 1743
C/1743 C1 (GRISHOW)

La C/1743 C1 è una cometa che è stata visibile anche ad occhio nudo, durante il mese di febbraio dell'anno 1743, con una luminosità massima di circa +3,5 mag. al momento della scoperta.

Scoperta:
Fu scoperta in Germana da Grishow, il 10,75 febbraio 1743, mentre si trovava a 0,04 UA dalla Terra e a 1,01 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 167°.
Era passata da poco (8 febbraio 1743) alla minima distanza di 0,0391 UA dalla Terra.
[Kronk, vol.1 (1999) p.406].

Osservazioni:
Troviamo nelle Memorie dell'Accademia delle Scienze di Francia (1743, p.161), sette osservazioni di questa cometa, fatte a Bologna dal Sig. Zanotti, dal 12 al 18 febbraio 1743. Il Sig. Zanotti non fornisce queste osservazioni come molto precise, considerando la difficoltà di osservare questa piccola cometa. Aveva fatto altre osservazioni, ma non le mandò, perché non erano d'accordo con le altre sette, però le troviamo nel libro di Struyck (1753), e si estendono fino al 28 febbraio. 
Sempre dalle Memorie dell'Accademia delle Scienze di Francia (1743, p.193-194), troviamo che a Parigi, Maraldi vide la cometa il 12 febbraio 1743, anche se non poté fare altro che prendere allineamenti con le stelle vicine, da cui dedusse la sua longitudine e latitudine, senza dubbio fu il male minore che fosse possibile farlo solo con un tale metodo. Ha fatto un'osservazione molto buona il 13 febbraio, e un'altra abbastanza buona il 17. Il maltempo non gli ha permesso di fare ulteriori osservazioni.
Padre Frantz, un gesuita, a Vienna, Austria, fece sette osservazioni della cometa, l'11, 12, 13, 14, 15, 18 e 21 febbraio, ma con semplici allineamenti; si dice che queste osservazioni siano state fatte la sera; ma le ore non sono segnate, quindi sono poco utili.
Nel libro di Struyck (1753, p.75), si trovano le osservazioni fatte a Berlino da Grischow, dal 10 al 21 febbraio. Molte di queste osservazioni riguardano meno la cometa che l'estensione della sua atmosfera: ecco quelle da cui potremmo trarre vantaggio: 
L'11 febbraio, alle 8h 3', la cometa era sopra l'Orsa Maggiore, era a 2° 9' 36" di distanza; era allo stesso tempo a 30 minuti da una piccola stella che non è sui planisferi. Il 16 febbraio, verso le sette, la cometa eclissava una stella dalla zampa dell'Orsa Maggiore, che Doppelmayer designa con la lettera t (secondo il catalogo britannico, posizionata in 5f 7° 10' 16", con 29° 14' 51" di latitudine boreale). Il 19, alle dieci e un quarto, si trovava esattamente nel mezzo di una linea che congiungeva le Stelle u & w della coda del Leone, secondo la nomenclatura di Doppelmayer, la sua distanza da u essendo duecentodiciassette, & da duecentosedici parti di micrometro (questa osservazione collocherebbe la cometa a 5f 11° 19' 54" di longitudine, e a 20° 20' 20" di latitudine boreale, che concorda solo moderatamente con le osservazioni di M. Zanotti; tuttavia, questa osservazione è data come la migliore di tutte quelle di Grischow). Il 21 febbraio, verso le nove e un quarto, Grischow vide per l'ultima volta la cometa; lo ritrovò in linea retta con le stesse Stelle u & w , ma distante 1° 32' 15" da u , & 3° 10' 16" da w del Leone. C'è sicuramente qualche errore qui; la cometa era allora a più di 20 gradi da w del Leone: si potrebbe forse leggere w per ω, ma ω è incontestabilmente determinato dall'ascensione retta e dalla declinazione che Flamstéed le diede nel 1689.
[Pingrè, vol.2 /1784) p.49-51].

Parametri orbitali:
L'orbita pubblicata sul sito del JPL è stata calcolata da Olbers usando 4 osservazioni nell'arco di 16 giorni, e ne risulta una traiettoria parabolica prograda inclinata di soli 2,280° circa, rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 26,250°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 70,302°.
Il passaggio al perielio sarebbe stato effettuato il 11,347 gennaio 1743, mentre si trovava ad una distanza di circa 0,83818 UA dal Sole.
Si denota una certa somiglianza con quella della cometa D/1819 W1, recentemente ritrovata e classificata come 289P/Blanpain.

Diagramma orbitale - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA SECONDA COMETA del 1743
C/1743 Q1 (KLINKENBERG)

La C/1743 Q1 è una cometa che fu vista anche ad occhio nudo verso la fine dell'estate dell'anno 1743, e nonostante questa cometa fosse molto piccola; tuttavia, poteva essere vista ad occhio nudo.
Si ipotizza che abbia avuto una luminosità massima di circa +3,5 mag.

Scoperta:
Fu scoperta da Klinkenberg ad Haarlem (Olanda) il 18,95 agosto 1743, mentre si trovava ad una distanza di 0,48 UA dalla Terra e a 0,91 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 64°.
Poco dopo il 19 agosto effettuò il passaggio ravvicinato alla Terra arrivando a soli 0,4818 UA.
[Kronk, vol.1 (1999) p.407].

Osservazioni:
Il signor Klinkenberg ha osservato questa cometa da solo ad Harlem dal 18 agosto al 13 settembre. Struyck l'ha vista ad Amsterdam il 18 agosto e i giorni successivi; era alloggiato in modo tale da non poterla facilmente osservare; credeva che gli inglesi, i francesi e altri, informati dalla Gazzetta dell'apparizione di questa cometa, ne avrebbero fatto osservazioni più esatte di quelle che poteva fare, ma si sbagliava, la cometa è stata osservata solo da M. Klinkenberg, con strumenti che, secondo la stessa testimonianza di questo astronomo, difficilmente potrebbero dare meno di dieci minuti di errore nell'indicare la posizione della cometa.
[Struick (1753) p.76-77 - Pingrè, vol.2 (1784) p.51-52].

( Tabella adattata da Pingrè ).

Quindi la cometa fu vista per l'ultima volta il 13,80 settembre del 1743, mentre si trovava ad una distanza di circa 1,08 UA dalla Terra e a circa 0,55 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 31°.
[Kronk, vol.1 (1999) p.407].

Parametri orbitali:
Dopo i tentativi degli stessi Klinkenberg e Struyck, un'orbita parabolica retrograda è stata calcolata da D'Arrest, usando 12 osservazioni nell'arco di 26 giorni, Ne risulta quindi una traiettoria inclinata di circa 134,415° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del Perielio di circa 119,047°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 9,633°.
Il passaggio al perielio sarebbe avvenuto quando ormai non era più osservabile, e cioè il 21,147 settembre 1743, mentre si trovava ad una distanza di 0,52299 UA dal Sole, mentre si trovava sopra il polo nord di Mercurio.

Diagramma orbitale - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

LA GRANDE COMETA del 1743
C/Klinkenberg-Chéseaux


La Grande Cometa del 1744 , la cui designazione ufficiale è C / 1743 X1 , e che è anche conosciuta come Cometa de Chéseaux o Cometa Klinkenberg-Chéseaux , fu una spettacolare cometa che fu osservata durante il 1743 e il 1744.


Scoperta:
Fu scoperta in modo indipendente alla fine di novembre 1743 di Jan de Munck , nella seconda settimana di dicembre da Dirk Klinkenberg e, quattro giorni dopo, da Jean-Philippe de Chéseaux .
La cometa fu scoperta il 29 novembre 1743 da Jan de Munck a Middelburg , e fu avvistata in modo indipendente il 9 dicembre 1743 da Klinkenberg ad Haarlem , e da Chéseaux dall'osservatorio di Losanna il 13 dicembre. Chéseaux disse che mancava una coda e assomigliava a una stella nebulosa di terza magnitudine; misurò il coma in cinque minuti .


Osservazioni:
È diventata visibile ad occhio nudo per diversi mesi nel 1744 e ha mostrato effetti drammatici e insoliti nel cielo. La sua magnitudine assoluta o luminosità intrinseca di +0,5 è stata la sesta più alta nella storia registrata.  La sua magnitudine apparente potrebbe aver raggiunto i -7, portando a essere classificata tra quelle che sono chiamate le " Grandi Comete ". Questa cometa è nota soprattutto per lo sviluppo di un 'fan' di sei code dopo aver raggiunto il suo perielio .
La cometa si illuminò costantemente mentre si avvicinava al perielio. Secondo quanto riferito, il 18 febbraio 1744 era luminosa come il pianeta Venere (con un'apparente magnitudine di -4,6) e in quel momento mostrava una doppia coda.
La cometa raggiunse il perielio circa il 1° marzo 1744, quando erano 0,2 unità astronomiche dal Sole. In questo periodo era abbastanza luminosa da essere osservata alla luce del giorno a occhio nudo.  Allontanandosi dal perielio, si sviluppò una coda spettacolare che si estendeva ben oltre l'orizzonte mentre la chioma della cometa rimase invisibile a causa del crepuscolo mattutino.

All'inizio di marzo del 1744, Chéseaux e molti altri osservatori riportarono un fenomeno estremamente insolito: un "fan" di sei code separate si innalzava sopra l'orizzonte.
La struttura della coda è stata un enigma per gli astronomi per molti anni. Anche se altre comete avevano mostrato più code in alcune occasioni, la cometa del 1743 era unica avendo sei. È stato suggerito che il "ventaglio" di code sia stato generato da ben tre fonti attive sul nucleo cometario , esposto a sua volta alla radiazione solare mentre il nucleo ruotava.
È stato anche proposto che il fenomeno della coda fosse un esempio molto evidente delle " strisce di polvere " viste nelle code di alcune comete, come Comet West e C / 2006 P1 (McNaught).
Chéseaux, il 9 marzo, è stato l'ultimo osservatore noto nell'emisfero nord per aver visto la cometa, ma rimane visibile per gli osservatori nel nell'emisfero meridionale , alcuni dei quali hanno riportato una lunghezza della coda di circa 90 gradi il 18 marzo la cometa non fu più vista dopo il 22 aprile 1744.


Altre osservazioni:
- La cometa è stato anche osservata nelle registrazioni astronomiche giapponesi nel Nihon Odai Ichiran del Kanpo dell'epoca.
- I ricercatori hanno scoperto nei registri astronomici cinesi che alcune osservazioni cinesi descrivono suoni udibili associati alla cometa, che potrebbero, se vero, essere il risultato dell'interazione di particelle con la magnetosfera terrestre , come talvolta descritto per l' aurora .
- Tra quelli che videro la cometa c'era il tredicenne Charles Messier , sul quale ebbe un effetto profondo e ispiratore, che lo ha portato a diventare una figura significativa in astronomia , e successivamente ha scoperto molte comete durante le sue osservazioni.
- Anche Caterina la Grande, osservò la brillante cometa da giovane mentre stava viaggiando in Russia per sposarsi.

Dall'Italia:
'' Molte comete si sono fatte vedere in questi ultimi anni, imperroche' incominciando da quella che fu osservata l'anno 1737 dal Sig. Eustachio Mandredi, altre sono comparse dopo negli anni 1739, 1742, 1743, e finalmente una ne abbiamo veduto in quest'anno 1744, la quale ha di molto superato le altre in grandezza e splendore. In fatti se si considera la estensione del Fenomeno noi l'abbiamo talvolta giudicato occupare uno spazio di 23 gradi, e per quello che riguarda lo splendore del nucleo, esso e' arrivato a tal chiarezza,che per niente essendo inferiore al pianeta Venere, abbiamo potuto piu' volte osservare di giorno il suo passaggio per lo meridiano, ed in particolare l'abbiamo veduto quello stesso giorno, che era congiunto al Sole. Noi ci accorgemmo per la prima volta della comparsa di questa cometa la notte dei 6 Gennajo, allorche' trovandosi tra la costellazione di Pegaso e quella di Andromeda era cosi' risplendente come una stella di seconda grandezza. La lunghezza della coda eguagliava un grado e mezzo incirca essendo diretta alla stella 'zeta' di Andromeda, onde per quella sua posizione avutosi riguardo al luogo della Cometa di quella notte, si rende manifesto, che la direzione della coda, siccome suole ossersi in questi Fenomeni, riguardava la parte opposta al Sole ''.
( E. Zanotti, P. Mateucci, Osservazioni sopra la cometa dell'anno MDCCXLIV. Bologna, 1744 ).

Orbita:
La sua orbita dal JPL viene presunta parabolica con eccentricità pari a 1 , il passaggio al perielio è avvenuto a 0,222209 UA , la sua inclinazione orbitale risulta essere 47,1417° rispetto all'eclittica.
La longitudine del nodo ascendente è 49,2966° , mentre l'argomento del perielio è 151,4855°.
Qui di seguito sono riportati alcuni passaggi importanti, con le relative posizioni dei pianeti interni.

Passa all'interno dell'orbita di Marte ).
Passaggio al perielio tra il Sole e Mercurio ).
Torna oltre l'orbita di Marte ).
( Grafico dell'orbita entro Nettuno - JPL ).
______________________________________
______________________________________

LA COMETA del 1746-47
C/1746 P1 (DE CHESEAUX)

La C/1746 P1 (de Cheseaux) è una cometa che è stata osservata per un lungo intervallo di tempo, a cavallo degli anni 1746 e 1747.

Scoperta e osservazioni:
La cometa fu osservata per la prima volta il 13,99 agosto 1746 da Jean-Philippe de Chéseaux, a Losanna in Svizzera, mentre si trovava a 2,22 UA dalla Terra e a 3,15 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 152°. 

[Pingrè, vol.2 (1784) p.56-57-58].

De Cheseaux la osservò fino all'inizio dell'autunno, poi cadde malato e non potè proseguire, a dicembre mandò le sue ossevazioni a Struyck il 10 dicembre 1746.
Anche Maraldi osservò la cometa dal 31 agosto.
Fu osservata per l'ultima volta il 10,5 maggio 1747, dopo 269 giorni, mentre si trovava a 2,40 UA dalla Terra e a 2,33 UA dal Sole.

Considerazioni:
Si ritiene che si trattasse di un oggetto di notevoli dimensioni, tenendo conto che è sempre stata ad una distanza relativamente grande e con un perielio ben al di la dell'orbita del pianeta Marte.
Il valore per la sua luminosità assoluta è di -0,5 mag (Fonte).

Parametri orbitali:
I calcoli di Maraldi, ottenuti da 30 osservazioni nell'arco di 114 giorni, ci forniscono un'orbita parabolica retrograda quasi perpendicolare al piano dei pianeti, risulta quindi che è inclinata di 100,857° rispetto all'eclittica, con un Argomento del perielio di 230,291°, ed una longitudine del nodo ascendente di 150,849°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 3,915 marzo del 1747, ad una notevole distanza dal Sole di ben 2,19859 UA, cioè al limite interno della fascia principale degli asteroidi.
La distanza minima dalla Terra è stata toccata per due volte, la prima il 10 settembre 1747 a 2,04 UA e la seconda il 16 maggio del 1747 a 2,392 UA (vedi grafici qui sotto).

Diagramma orbitale del primo passaggio ravvicinato - JPL ).

Diagramma orbitale del secondo passaggio ravvicinato - JPL ).
______________________________________
______________________________________

LA PRIMA COMETA di PRIMAVERA
del 1748

La C/1748 H1 (Hallerstein-Gaubil) è la prima cometa osservata anche ad occhio nudo durante la primavera dell'anno 1748, che ha raggiunto una luminosità massima di +3 mag.

Osservazioni:
Per la prima volta è stata osservata a Pechino dai padri gesuiti Hallerstein & Gaubil, che l'hanno seguita dal 26 aprile 1748 fino al 18 giugno.
[Observationes Astronomicae ab anno 1717 ad annum 1752 Pekini factae , vol.2 p.430 e seguenti].
In Europa fu osservata dagli ultimi giorni di aprile, il Re di Francia e tutta la sua corte la osservarono a Choisi il 4 e 5 maggio, mentre si trovava in Cassiopea e Cefeo.
M. Maraldi la osservo per venti volte dal 9 maggio al 30 giugno, rilevandone le posizioni su cui in seguito ne ha calcolato il percorso orbitale.
[Pingrè vol.2 (1784) p.58-59].

Parametri orbitali:
M. Maraldi, da 20 dati osservativi nell'arco di 51 giorni, ha calcolato un'orbita parabolica retrograda quasi perpendicolare al piano dei pianeti, difatti risulta inclinata di 94,535° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 17,828°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 236,381° (2000.0).
Il passaggio al perielio è avvenuto il 29,309 aprile 1748, mentre si trovava ad una distanza di 0,84067 UA dal Sole, mentre era passata alla minima distanza dalla Terra solo 4 giorni prima, il 25 aprile 1748, alla distanza di 0,354 UA.

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
______________________________________
______________________________________

LA SECONDA COMETA di PRIMAVERA
del 1748

La C/1748 K1 (Klinkenberg) è la seconda cometa osservata anche ad occhio nudo durante la primavera dell'anno 1748, che ha raggiunto una luminosità massima di +4 mag.

Osservazioni:
Questa cometa è stata osservata da Dirk Klinkenberg ad Harleem (Olanda) per tre volte nell'arco di 4 giorni, è stata scoperta il 19,95 maggio 1748, mentre si trovava a 0,45 UA dalla Terra e a 0,89 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 62°, Klinkenberg ne riportò la posizione in:
AR = 8h 14' 30'' - Dec = +21° 22'.
La riosservò il 20,94 maggio, e per l'ultima volta il 22,92 maggio, mentre si trovava a 0,47 UA dalla Terra e a 0,85 UA dal Sole, con un'elongazione di circa 57°, quando aveva la posizione di:
AR = 7h 53' 24'' - Dec = +15° 29'.

Parametri orbitali:
Bessel ha prodotto una preliminare orbita parabolica prograda, da 3 dati di osservazione nell'arco di 4 giorni, ne risulta una traiettoria fortemente inclinata di 67,083° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 245,668°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 36,644° (2000.0).
Il passaggio al perielio è stato effettuato il 19,388 giugno 1748, mentre si trovava ad una distanza di 0,62536 UA dal Sole.
Il passaggio ravvicinato al nostro pianeta è avvenuto prima della sua scoperta, il 13 maggio 1748, mentre si trovava ad una distanza di 0,4268 UA.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

L'ALTRA COMETA del 1748

La X/1748 H2 è la terza cometa osservata anche ad occhio nudo durante la primavera del 1748, è catalogata ''H2'' anche se è datata prima della ''H1'' (vedi sopra), in quanto catalogata successivamente e con resoconti più frammentari o dubbi.

Resoconti osservativi:
La cometa è stata vista il 24 aprile 1748, da un navigatore olandese nei pressi del Capo di Buona Speranza affermando che sorta alle ore 4 del mattino, all'inizio dell'Ariete in direzione est-nord-est, è stata vista in movimento verso nord ed è poi stata persa dagli osservatori al Capo.
Eberhard Christian Kindermann ha riferito, in una lettera inviata a Struyck l'8 maggio 1748 da Dresda, che ha visto la cometa il 28 aprile alle ore 2 (tempo locale), ed era a circa 8° sopra l'orizzonte, ed era apparentemente su una linea retta tra δ ed η Trianguli e la stella brillante dell'Ariete (α Arietis). 
La posizione eclittica è riportata con Longitudine 80°, Latitudine +28°.
Il 3 maggio la cometa è stata vista vicina a Perseo, tra le 23:00 e mezzanotte (ora locale), e la sua coda si estendeva fino ai piedi di Andromeda.
[Struyck (1753) p.100-101 - Pingrè, vol.2 (1784) p.60-61 - Chambers (1889) n.514 p.585 - Galle (1894) p.171 - Kronk, vol.1 (1999) p.416].

Orbita:
Molto incerta. Galle nel suo libro Cometenbahnen fornisce dei dati indicativi e molto incerti, riportando un'orbita il cui calcolo è attribuito a Buckhardt.
Il passaggio al perielio sarebbe avvenuto il 22 aprile 1748, mentre si trovava a circa 0,5 UA dal Sole, con un'inclinazione di circa 76° rispetto al piano dell'eclittica, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 294°.
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1750
C/1750 C1 (WARGENTIN)

La C/1750 C1 (Wargentin) è una cometa che è stata osservata anche ad occhio nudo, tra gennaio e febbraio del 1750, e si stima che abbia raggiunto una luminosità massima di +2,5 mag.

Resoconti osservativi:
Nelle Tavole Astronomiche di Berlino (tomo 1, pagina 35), si trova scritto che Pehr Wilhelm Wargentin, famoso astronomo svedese, osservò una cometa dal 21 gennaio al 25 gennaio 1750, sotto le stelle ε e θ Pégasi.
[Pingrè, vol.2 (1784) p.61 - Chambers (1889) n.515 p.585].
La cometa fu vista grazie al suo passaggio ravvicinato alla Terra del 27 gennaio, ad una distanza di circa 0,25 UA. Ulteriori osservazioni furono fatte i primi di febbraio, mentre si avvicinava al Sole.

Parametri orbitali:
Brian Marsden, usando solo 3 osservazioni nell'arco di 4 giorni, ha calcolato una preliminare ed incerta orbita parabolica retrograda, che risulta inclinata di circa 132° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 285°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 303°.
Secondo questi calcoli il passaggio al perielio sarebbe avvenuto il 23 febbraio 1750.

Diagramma orbitale - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1757
C/1757 R1 (GARTNER)

La C/1757 R1 (Gartner) è una cometa osservata anche ad occhio nudo, tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno dell'anno 1757.

Scoperta:
Fu scoperta da Gartner nella prima metà di settembre del 1757, quando si stima avesse una magnitudine di circa +5,5.

Osservazioni:
Si possono vedere nelle Memorie della Academie Royale des Sciencies (1757; p.97 e seguenti), le osservazioni che furono fatte di questa cometa dal mattino del 16 settembre fino al mattino del 16 ottobre 1757. 
A queste vanno necessariamente aggiunte sedici eccellenti osservazioni, fatte a Greenwich da: Mr. Bradley, dal mattino del 13 settembre fino al mattino del 18 ottobre, e riportate nell'opera di Halley Transazioni Filosofiche (tomo L, parte.1, p.408 e seguenti).
[Pingrè, vol.2 (1784) p.61-62].

Parametri orbitali:
Furono calcolate diverse orbite all'epoca, ma il sito del JPL riporta quella Calcolata da Wirtz, che ha usato 16 osservazioni fatte nell'arco di 35 giorni, ne risulta un'orbita parabolica prograda, inclinata di soli 12,828° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 268,690°, ed una Longitudine del nodo ascendente di circa 217,677°.
Il passaggio al perielio è avvenuto successivamente alle osservazioni riportate, in data 21,826 ottobre 1757, mentre la cometa si trovava ad una distanza di 0,33738 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).
______________________________________
______________________________________

LA PRIMA COMETA del 1758

La X/1758 B1 è un'ipotetica cometa vista ad occhio nudo nel gennaio del 1758.

Resoconti osservativi:
Nella Gazzetta di Vienna (8 febbraio 1758), si trova la seguente annotazione riguardo a questo evento:
''Una cometa era stata vista vicina all'orizzonte a Roma il 26, 27 e 28 gennaio 1758 ''.
Pingrè annota che questa notizia non è stata confermata.
[Pingrè, vol.2 (1784) p.62 - Kronk, vol.1 (1999) p.529].

Orbita:
Non determinabile.
______________________________________
______________________________________

LA SECONDA COMETA del 1758
C/1758 K1 (DE LA NUX 1)

La C/1758 K1 (De La Nux) è una cometa osservata anche ad occhio nudo da maggio, poi telescopicamente fino al novembre del 1758.
Ha raggiunto la luminosità massima di +2,5 mag.

Scoperta:
Scoperta il 26 maggio 1758 da De la Nux, che la osservava dall'isola dei Borboni (attuale Isola della Reunion nell'oceano Indiano - Francia), mentre si trovava a sud dell'ultima stella della cintura di Orione, poi fu da lui seguita fino al 7 giugno.

Osservazioni:
Dopo il passaggio al perielio dell'11 giugno, fu osservata in Inghilterra a partire dal 17 dello stesso mese nella costellazione dell'Auriga, e vicino a Dresda il 25 e 27 luglio tra i piedi dell'Auriga e sopra le corna del Toro. 

Osservazioni di Messier dal 14 agosto al 1 ottobre, ha riportato anche il percorso di Venere ed ha annotato la posizione della nebulosa del Granchio M1, da lui scoperta in codesta occasione ).

Charles Messier, la osserva per la prima volta il 14 agosto e la segue fino al 2 novembre.
Il 15 agosto la descrive come simile a Giove in grandezza.
Nel corso delle sue osservazioni la cometa, transitava abbastanza distante dalla Terra da 1,82 UA in allontanamento, quindi fu poco appariscente; il 9 settembre Messier stima la chioma di 3' 40" di diametro angolare e non da alcuna misura della lunghezza della coda (anche nella carta del percorso apparente non viene mostrata alcuna coda). La descrizione delle sue osservazioni, le tabelle delle posizioni della cometa e delle stelle utilizzate per determinarle sono riportate in dettaglio nella "Memoire sur la comète de 1758" a firma di De l'Isle, superiore diretto di Messier all'osservatorio della Marina, comparse in Histoire & Memoire de l'Academie Royale del 1759.
Durante queste osservazioni Messier scopre la Nebulosa del Granchio (M1), ed in 2 occasioni la compara con la cometa (annotazioni tratte dagli scritti di De L'Isle).
 - La mattina del 28 agosto, scoperta della nebulosa:
Quello che vi é stato di rimarchevole questa notte, fu che percorrendo il cielo con un telescopio catadiottrico nei dintorni del corno meridionale del Toro, indicato come zeta dal Bayer, Messier ha scoperto una luce abbastanza simile a quella della cometa, ma che era più viva, più bianca e un po' più allungata della Cometa, che gli era apparsa sempre quasi rotonda nella chioma, senza apparenza nè di coda, nè di barba ".
 - Notte tra l'11 e il 12 settembre, compara la cometa con la nebulosa:
Ho trovato tra le due parecchia differenza, con la luce della nebulosa questa mattina considerevolmente più forte di quella della cometa, mentre i giorni precedenti le due luci erano quasi simili, con la cometa sempre la più debole ".

Parte finale del percorso dal 1 ottobre al 2 novembre ).

Parametri orbitali:
Per questa cometa Alexander Guy Pingrè ha calcolato un'orbita parabolica prograda, utilizzando solo le 31 osservazioni fatte da Messier dal 14 agosto al 2 novembre, ne è risultata una traiettoria fortemente inclinata di 68,300° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 36,771°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 234,213°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 11,637 giugno 1758, mentre si trovava a 0,21535 UA dal Sole.
Il passaggio ravvicinato al nostro pianeta è avvenuto solo 3 giorni prima, l'8 giugno 1758, mentre si trovava a 0,807 UA dalla Terra.

Diagramma orbitale al momento della scoperta - JPL ).

Diagramma orbitale alla prima osservazione di Messier ).
______________________________________
______________________________________

LA GRANDE COMETA del 1759
1P/1758 Y1 (HALLEY)

Perielio il 25 dicembre - XXVII passaggio noto (Halley lo aveva previsto per il 1756), ma alla data era già noto l'effetto gravitazionale dei pianeti Giove e Saturno, che si trovavano in congiunzione, rallentando l'orbita della cometa, ma dal momento che grazie al calcolo integrale (inventato da Isaac Newton) si poteva prevedere scientificamente il passaggio della cometa in quella data. 
(evento 1P/1758 Y1).

La cometa di Halley sopra i cieli di Londra ).

 ( 1759 ).

Edmond Halley non è vissuto abbastanza da vedere la sua previsione dimostrata correttamente, difatti morì nel 1742. Ma il giorno di Natale (o forse il giorno successivo), del 1758, l'agricoltore tedesco e astronomo dilettante Johann Georg Palitzsch fu il primo ad avvistare ufficialmente la cometa di ritorno nei cieli. 
Questa conferma del suo ritorno nel XVIII secolo è generalmente vista non solo come la prima volta che una cometa è stata riconosciuta come periodica ma come la prima volta che è stato mostrato che qualcosa di diverso dai pianeti orbita attorno al Sole. L'anno successivo, l'astronomo francese Nicolas Louis de Lacaille chiamò la cometa in onore di Halley.

disegno fatto in Olanda ).

Disegno fatto alle isole Palau ).

In Francia, Messier, nonostante l'impegno profuso, fu solo un co-scopritore della cometa, il 21 gennaio 1759. Su ordine di De l'Isle tenne segrete le osservazioni fino al 1 aprile successivo. 
La cosa fece molto scalpore nella comunità astronomica Francese e diede luogo a parecchi commenti sfavorevoli su Messier.

Percorso della cometa di Halley nel 1758/59 di Charles Messier mappa 1 ).

Messier riporta le sue osservazioni nelle Mèmoires de l'Academie Royale del 1760 (pubblicate nel 1766). L'articolo non é a suo nome (Messier non é membro dell'Accademia), ma sotto quello di De l'Isle, che riporta integralmente lo scritto di Messier, dandogliene credito.
Messier seguì la cometa, retrograda, dal 21 gennaio al 14 febbraio prima della congiunzione col Sole. Dopo la congiunzione, la segue dal 31 marzo al 16 aprile ( mappa 1 sopra ), quando la cometa si sposta troppo a sud per essere osservata da Parigi, e successivamente dal 2 maggio fino al 15 giugno, quando la cometa tornò ad essere visibile nell'emisfero boreale ( mappa 2 sotto ).

( Percorso della cometa di Halley nel 1758/59 di Charles Messier mappa 2 ).

Dall'India:
Mentre la cometa di Halley si trovava sotto gli orizzonti in Europa, fu osservata da M. De La Nux
dall'isola di Bourbon nell'Oceano Indiano e dall'India il 28 marzo, da un gesuita francese Gaston-Laurent Coeur-doux (1691-1779) che mentre era a Pondicherry trovò indipendentemente la cometa alle 04:00 del mattino (ora locale). Coeur-doux era un missionario gesuita, un naturalista e linguista e il primo a dimostrare somiglianza tra sanscrito, latino e greco, come anche Tedesco e russo. La sua lettera del 29 settembre 1759 all'Academie Royale des Sciences, Parigi (Coeur-doux 1760), tradotto così si legge:
'' Non è stato fino al 28 marzo che abbiamo notato, per la prima volta alle quattro del mattino, una cometa che sembrava essere presente da molto tempo, data la sua larghezza e la lunghezza della coda che si estendeva di diversi gradi; la cometa sembrava essere ad est della costellazione dell'Acquario, rispetto a Pondicherry, all'incirca alla stessa verticale della stella più luminosa della spalla meridionale dell'Acquario, ma un po' a nord di questa verticale ".
Le osservazioni sono state effettuate con l'ausilio di un semicerchio di 10 pollici di diametro posto
perpendicolarmente su un cerchio della stessa dimensione e utilizzando un telescopio da 18 pollici. Coeur-doux ha annotato che:
Poiché la cometa era allora visibile in Europa, non pensavamo di poterla osservare da vicino,
tanto più perché per diversi giorni il suo movimento è stato quasi indistinguibile. Verso il 9 aprile,
sembrava come se avesse notevolmente accelerato ... ".
Dopo la metà di aprile, la cometa si è spostata abbastanza velocemente nei cieli meridionali, a vantaggio degli osservatori meridionali. Il 25 aprile, alle 4 del mattino, la cometa si trovava a 12° 40'
sopra l'orizzonte, Coer-doux scrive:
'' Una linea retta con l'occhio di pavone e la parte libera del triangolo meridionale, cioè la più vicina all'uccello del Paradiso, e sembrano essere equidistanti l'uno dall'altro… I due giorni seguenti fu
straordinariamente impegnata, e abbiamo pensato, vista la grande velocità con cui la cometa stava viaggiando verso il sud, che scomparisse completamente dalla nostra vista. Il 28, poco dopo il tramonto, abbiamo individuato la cometa ad est del nostro meridiano ... ".
Alle 21:52, Coeur-doux ha trovato la sua elevazione dall'orizzonte di 30° 3'. Secondo lui, la linea dalle due stelle ad ovest del Corvo intersecherebbe quasi la cometa. 
Il 30 alle 19:28:30, la cometa è apparsa ad un'altitudine di 44° 9' dall'orizzonte. La coda del
La cometa si estendeva fino a oltre 10° e il suo diametro apparente sembrava diminuire proporzionalmente alla sua elevazione verso nord. 
Coeur-doux osservò l'ultima volta la cometa il 4 maggio 1759 quando alle 19:29, si è presentata ad un'altitudine di 59° 54'. Ha interrotto le osservazioni dicendo che l'elevazione della cometa era diventata molto alta e così gli astronomi in Europa sarebbero stati in grado di effettuare osservazioni più accurate.
(Mentre descrive le sue osservazioni, Coeur-doux fa riferimento anche all'orologio che apparteneva a padre Boudier, che risultava in ritardo di 45 secondi in 24 ore, il 30 aprile, ritardato di 2 minuti e 30 secondi il 2 maggio, e perché non era stato rimesso il giorno precedente e quindi rimanendo indietro di 1 minuto e 30 secondi il 5 maggio).
______________________________________
______________________________________

LA GRANDE COMETA CHEVALIER
del 1760

La Grande Cometa del 1760 (C / 1760 A1) fu vista per la prima volta il 7 gennaio 1760 dall'abate Chevalier a Lisbona . Anche Charles Messier individuò la cometa l'8 gennaio 1760 a Parigi , nella spada di Orione.

Osservazioni:
La cometa è stata la 51a ad avere un'orbita calcolata. 
Messier ha osservato la cometa per un totale di 6 giorni.
Questa cometa si è avvicinata alla Terra entro circa 0,0682 unità astronomiche (UA) l'8 gennaio 1760. Questo è il 17° avvicinamento più vicino di una cometa di tutti i tempi, e riteniamo che sia la causa della sua eccezionale visibilità. 

Messier ha dato alla cometa una valutazione di magnitudo di 2.0, rendendola facilmente visibile ad occhio nudo, ed ha anche dato alla cometa un angolo di elongazione di 140 gradi.
Messier verso sera dell'8 gennaio, con il cielo finalmente sereno, osservando ad occhio nudo la bella costellazione di Orione, da una finestra del Collegio reale di Francia, dove allora dimorava, si accorge della cometa. Si reca di corsa all'Osservatorio della Marina ed entra subito in azione, determinandone posizione e dimensioni (36" il nucleo, 15' la chioma e 4° la coda). Si accorge anche lui che la cometa si nuove rapidamente, e stima la velocità in più di un grado all'ora.

La cometa ha comunque passato il momento della massima luminisità; é passata da parecchio al perielio e la sua luminosità e velocità di spostamento in cielo diminuiscono progressivamente e rapidamente. Inoltre nei giorni successivi spesso il tempo non é favorevole all'osservazione. Il 25 gennaio non riesce a vederla perchè in congiunzione con la Luna .

La sera del successivo 26 gennaio scopre un'altra cometa, e il suo interesse si concentra su questa. Messier osserverà ancora la cometa in questione ancora il 30 gennaio. Ulteriori osservazioni sono opera di Lacaille il 3 febbraio e di Chape d'Auteroche l'11 febbraio (vedi Histoire & Memoire de l'Academie Royal de Paris, anno 1760).


Orbita:
Per questa cometa visto il limitato numero di osservazioni su un arco di 31 giorni, è stato possibile determinare, dai calcoli di Hind, solo un'orbita parabolica che risulta inclinata di 175,126° rispetto all'eclittica, quindi corre in modo retrogrado quasi sullo stesso piano dei pianeti che durante questo passaggio l'ha vista avere un incontro ravvicinato con Giove il 9 novembre 1758, oltre al successivo già citato con la Terra, questo particolare tipo di orbita non è stabile su lunghi periodi di tempo.
Il passaggio al perielio è stato effettuato il 17 dicembre 1759 quando la cometa si trovava a 0,96576 UA dal Sole.
Caratteristiche orbitali
Epoca08h11'02'',
17 dicembre 1759

Arco di osservazione31 giorni
Perielio0.96576 AU
Eccentricità1.0 (presunto)
Inclinazione175,126 °

( Il passaggio ravvicinato a Giove del 09/11/1758 - JPL ).

Il passaggio al perielio del 17/12/1759 - JPL ).

Il passaggio ravvicinato alla Terra del 08/01/1760 - JPL ).

Meteore:
Il passaggio della cometa, grazie al fatto che per ben 2 volte incrocia l'orbita di Marte, può aver provocato due piogge di stelle cadenti sul pianeta rosso.
______________________________________
______________________________________

LA COMETA del 1762
C/1762 K1 (KLINKENBERG)

La C/1762 K1 (Klinkenberg) è una cometa osservata anche ad occhio nudo dal 17 maggio al 3 luglio del 1762.

Scoperta:
La cometa viene scoperta durante l'undicesima ora della sera, del 17 maggio 1762 in Olanda, da Dirk Klinkenberg nella coda della Giraffa.

Osservazioni:
Oltre alle prime osservazioni di Klinkenberg, Jerome De Lalande ha lavorato invece sulle proprie osservazioni effettuate tra il 29 maggio e il 3 luglio, nelle quali la cometa era rispettivamente stata avvistata nella testa della Lince e scomparsa poi in quella del Leone, e le completa con i dati  ricavati dalle osservazioni di Messier.
De Lalande, con l'aiuto del méthode graphique di sua ideazione, che facilita notevolmente i calcoli, determina i parametri orbitali della cometa , la cui orbita risulta quasi perpendicolare al piano dell'eclittica.


E' la quarantanovesima cometa per la quale viene calcolata con precisione un'orbita utile a predirne il suo movimento e quindi a ritrovarla nel cielo con l'uso del calcolo.
Interessante notare come nella prima pagina della Mémoire l'astronomo dimostri una certa difficoltà a identificare le stelle che Klinkenberg ha utilizzato per definire la posizione della cometa al momento del suo avvistamento, difatti De Lalande pensa che la prima stella citata da Klinkenberg dovrebbe essere la T del catalogo di Doppelmaier la cui posizione presuppone sia stata però determinata utilizzando il catalogo di Hevelius, perchè di questa stella non c'è traccia nel Catalogue Britannique di Flamsteed. Conclude dicendo: '' Ainsi je pense qu'il sera nècessaire d'en vérifier la position ''.
Bisognerà aspettare il lavoro di Delporte del 1930 per avere una completa uniformazione dei cataloghi stellari e facilitare al massimo la comparazione di ricerche effettuate da astronomi diversi.
La Mémoire di Jerome De Lalande viene pubblicata nel 1764 in Histoire de l'Académie Royale des Sciences - Mémoires de Mathématique et de Physique.

Charles Messier la recupera subito dopo aver avuto la comunicazione della scoperta da parte di Klinkenberg, ne rileva le posizioni e ne disegna una mappa con la traiettoria della cometa che è tracciata unendo le singole osservazioni a partire dalla testa della Lince il 28 maggio, fino a quella del Leone il 5 luglio del 1762. 
Le stelle di riferimento, che Messier elenca in una tabella allegata alla sua relazione, vanno dalla prima, ed è il caso di Capella, fino a quelle dell'ottava magnitudine.


Parametri orbitali:
Burckhardt ha calcolato un'orbita parabolica prograda da 3 osservazioni nell'arco di 29 giorni, e ne è risultato un percorso quasi perpendicolare con un'inclinazione di 85,668° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 115,480°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 351,868°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 28,835 maggio 1762, ad una distanza di 1,00905 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1763
C/1763 S1 (MESSIER 2)

La C/1763 S1 (Messier 2) è una cometa che è stata osservata anche ad occhio nudo, durante il periodo autunnale dell'anno 1763.

Scoperta:
Cometa scoperta da Charles Messier la sera del 28 settembre 1763 presso L'Observatoire de la Marine a Parigi, nella costellazione del Serpente (oggi parte dell'Ofiuco), mentre era all'incirca di quinta magnitudine.

Osservazioni:
Le osservazioni di Messier si trovamo nelle Memoire de l'Academie Royale des Sciencies (1764, p.587 & 1774, p.36), da cui è stata riassunta la seguente relazione:
'' Cominciò ad apparire nel Serpente presso la mano di Ercole, si spostò a nord e discese alla gamba destra della Vergine. Il giorno successivo alla scoperta, il 29 settembre e poi il 2 ottobre, non poté far altro che stimare la sua posizione nel cielo; il 30 settembre, il 3 ottobre e vari altri giorni fino al 25 ottobre, ha stabilito il suo posto con osservazioni formali. La cometa era al perielio la mattina del 2 novembre, ma le nuvole non permisero a Messier di osservarla dalla sera del 25 ottobre fino al mattino del 12 novembre, mentre ne determinò ancora diverse posizioni, dal 12 fino al 25 novembre, giorno in cui la osservò per l'ultima volta ''.
[Pingrè, vol.2 (1784) p.73-74 - Note di Messier].

Parametri orbitali:
Usando le migliori 4 osservazioni di quelle fatte nell'arco di 46 giorni, Burckhardt ha calcolato un'orbita parabolica prograda che risulta fortemente inclinata di circa 72,497° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di circa 88,571°, con una Longitudine del nodo ascendente di circa 359,747°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 2,374 novembre 1763, mentre si trovava ad una distanza di 0,49818 UA dal Sole.

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
_____________________________________
_____________________________________

LA COMETA del 1764
C/1764 A1 (MESSIER 3)

La C/1764 A1 (Messier) è una cometa osservata anche ad occhio nudo, visibile nei primi 2 mesi dell'anno 1764, che raggiunse una luminosità massima di circa +3 mag.

Scoperta:
Alle 8 di sera del 3 gennaio 1764, dopo qualche giorno di brutto tempo, Messier osserva a occhio nudo una Cometa molto brillante nei pressi della testa del Drago, a fianco di Theta Draconis, essa eguagliava in brillantezza una stella che Flamsteed aveva catalogato di terza magnitudine, ed aveva un diametro angolare tra 13' e 14' , con una coda di 2 gradi e mezzo di lunghezza.

Osservazioni:
Nelle Note redatte da Charles Messier, troviamo questa nota:
'' Cometa scoperta con una semplice vista [ad occhio nudo] il 3 gennaio 1764; osservata fino all'11 febbraio, iniziò la sua apparizione tra Drago ed Ercole, e cessò di essere visibile presso la testa di Pegaso; 16 giorni di osservazioni; il memoriale e lo schema della sua traccia, [sono] nel volume dell'Academie des sciencies per l'anno 1771 ''.
Raggiunse il limite di visibilità ad occhio nudo l'11 gennaio 1764, quando Messier la paragonò alla stella 56 Cygni, catalogata di sesta magnitudine.


Charles Messier (16 febbraio 1771).

Tabella delle osservazioni di Messier adattata ai metodi di misurazione moderni ).

Parametri orbitali:
Un'orbita parabolica retrograda è stata calcolate da Pingrè usando le osservazioni di Messier rilevate nell'arco di 39 giorni, ne risulta una traiettoria inclinata di 127,089° rispetto al piano dell'eclittica, con un Argomento del perielio di 104,859°, ed una Longitudine del nodo ascendente di 123,388°.
Il passaggio al perielio è avvenuto il 13,071 febbraio 1764, mentre si trovava ad una distanza di 0,55522 UA dal Sole.
E' passata alla minima distanza dalla Terra il 4 gennaio 1764, mentre era a 0,286 UA

Diagramma orbitale al perielio - JPL ).
______________________________________
______________________________________

LA COMETA del 1766
D/1766 G1 (HELFENZRIEDER)

La D/1766 G1 (Helfenzrieder) era una cometa di breve periodo che fu vista ad occhio nudo durante la primavera del 1766, ed oggi considerata perduta.

Scoperta:
J. E. Helfenzrieder (Dillingen - Germania) scoprì questa cometa il 1,85 aprile 1766. 
Scoperte indipendenti sono state fatte da C. Messier (Francia) l'8,85 aprile e da CF Cassini de Thury (Francia) l'8,86 aprile. 
Messier ha detto che la cometa era quindi visibile ad occhio nudo, come una stella di terza grandezza, vicino all'orizzonte, non distante dalle pleiadi, e mostrava una coda lunga 4°. 
Cassini descrisse la cometa come brillante, con una coda lunga da 3° a 4°.


Osservazioni:
La cometa ha continuato ad essere visibile ad occhio nudo fino a quando non è stata persa dagli osservatori dell'emisfero settentrionale. A. Brice (Kirknewton) ha visto facilmente la cometa ad occhio nudo il 9 aprile e ha detto che la coda era lunga circa 4°. Notò che un telescopio rivelava un nucleo molto distinto che aveva l'aspetto di una stella di magnitudine 4 o 5. 
Cassini de Thury vide la cometa la sera del 9 e notò pochi cambiamenti nell'aspetto rispetto alla sera precedente; tuttavia, il 10 disse che la cometa era sbiadita e la coda era diventata meno distinta, sebbene lo attribuisse in parte alla vicina luna.

La cometa nell'emisfero nord, è stata vista l'ultima volta il 12 aprile. 
Cassini de Thury l'ha vista il 12,82 aprile ed ha notato che era ancora appena visibile ad occhio nudo. Messier ha visto la cometa il 12,83 aprile ed ha detto che era molto vicino all'orizzonte e sembrava "molto debole". Aggiunse che il nucleo era mal definito, mentre la coda si estendeva di 1,5°. Messier ha detto che il cielo era altrettanto limpido il 13 aprile, ma le sue ricerche intorno ad Alpha Arietis vicino all'orizzonte non hanno rivelato alcuna traccia della cometa. 
Cassini de Thury ha detto che le nuvole hanno coperto la regione vicino all'orizzonte durante i primi giorni successivi al 12 aprile e, da allora in poi, la cometa è stata mal posizionata per le osservazioni. Cassini de Thury ha cercato quando possibile, ma non ha trovato nulla.
Poco dopo la fine delle osservazioni dell'emisfero settentrionale, AG Pingré calcolò un'orbita che indicava una data del perielio del 17,51 aprile 1766. Ha suggerito di cercare la cometa nel cielo mattutino di giugno.
La cometa fu stata finalmente ritrovata nel cielo mattutino da De La Nux (Isola Borbonica, oggi Reunion) il 29 aprile. Si trovava allora a 20° dal Sole, non distante da Zeta Piscis, si è poi spostata nel cielo dapprima in direzione Sud, poi ha piegato ad est per poi piegare un po' verso nord. Il movimento è piuttosto lento, meno di 1/2 grado al giorno.
De la Nux aveva continuato ad osservare la cometa nelle mattine dal 1 maggio al 9 maggio, mancando solo il 4 (Pingrè dubita della precisione di queste osservazioni, mentre Buckhardt le ritene valide e con esse riesce a determinarne l'orbita con maggiore precisione).
La cometa fu avvistata anche al Capo di Buona Speranza in Sud Africa la mattina dell'8 maggio. 
La cometa è stata rilevata l'ultima volta il 13 maggio da De La Nux, e si trovava allora a circa 8° sopra l'orizzonte, ma nei giorni successivi risultava bloccato dalle montagne. 
De la Nux disse che era visibile solo in un telescopio.
[Pingrè - Cométographie ou Traité historique et theorique des Comètes, II°, p.76-80, Parigi 1784].

Parametri orbitali:
Nel 1784 Pingré ha rivisto la sua orbita parabolica con una data del perielio del 23,37 aprile e questo ha soddisfatto gli astronomi per un po', tuttavia, nel 1821 JK Burckhardt iniziò a studiare questa orbita e notò che la cometa si muoveva in un'orbita di breve periodo. 
Ha determinato la data del perielio come 27 aprile e il periodo orbitale come 5,02 anni. 
Le orbite ellittiche successive furono calcolate da CW Wirtz (1915) e DK Yeomans (1985). 
Wirtz determinò il periodo in 4,51 anni, mentre Yeomans lo determinò in 4,35 anni. Wirtz ha anche notato che la sua orbita indicava che la cometa aveva superato 0,03 UA da Giove l'11 novembre 1763. Prima di questo incontro, la cometa avrebbe passato il perielio l'ultima volta il 15,56 novembre 1760 e avrebbe avuto un periodo orbitale di 4,85 anni.

PARAMETRI ORBITALI CALCOLATI DA YEOMANS

Passaggio al perielio

27 aprile 1766

Distanza dal Sole al perielio

0,40603 UA

Eccentricità

0,84763

Argomento del Perielio

178,699

Inclinazione sull'Eclittica

7,865

Longitudine nodo ascendente

73,276

Magnitudine Assoluta (H10)

4,5

Distanza minima dalla Terra

0,4969 UA

Periodo di rivoluzione

4,35 anni


Diagramma orbitale al Perielio - JPL ).

Correlazioni:
David Seargent ha notato che questa cometa ha l'orbita molto simile ad un asteroide recentemente scoperto denominato 2017 DW108 e scoperto il 22 febbraio 2017, esso ha ancora un'orbita molto incerta (U=6), data dal breve periodo di osservazione di soli 8 giorni.
Quindi potrebbe trattarsi di una cometa che non è più attiva, oppure questo asteroide nel 1766 ha mostrato una qualche attività dovuta ad un impatto che ha espulso del materiale ed ha scoperto sostanze volatili sottostanti, oppure un forte effetto di spin che ha disperso la parte esterna dell'oggetto.

Orbite a confronto - A sinistra D/1766 G1 - A destra 2017 DW108 ).
______________________________________
______________________________________

LA GRANDE COMETA MESSIER
del 1769

La cometa Messier sopra Amsterdam ).

C / 1769 P1 (Messier) è una cometa che poteva essere vista ad occhio nudo nel 1769 . 
Per la sua straordinaria luminosità è annoverata tra le " Grandi Comete ".

Scoperta:
All'Osservatorio Navale di Parigi , Charles Messier stava regolarmente analizzando il cielo alla ricerca di comete con un telescopio quando, la sera tardi dell'8 agosto 1769, trovò una piccola nebulosa appena sopra l'orizzonte nella costellazione dell'Ariete . 
Il giorno dopo poteva già vederla ad occhio nudo e confermare l'oggetto come una cometa per il suo movimento nel cielo stellato.
Leggiamo assieme l'Inizio dell'articolo comparso su Historie & Memories de l'Académie Royale des Sciences anno 1775:
L' 8 agosto 1769, il cielo fu sereno il pomeriggio e la sera, io approfittai di questo bel tempo per percorrere il cielo con un rifrattore di due piedi di fuoco; differiva dagli altri rifrattori ordinari della stessa lunghezza per il fatto che aveva oculari larghi e serviva a far scoprire nel cielo uno spazio di 5 o 6 gradi di estensione; era inoltre fortemente luminoso, il che lo rendeva ottimo non soltanto per riconoscere nel cielo se fosse apparsa qualche luce differente da quella delle stelle fisse, come sono ordinariamente le comete, le stelle nebulose, ecc. , ma anche per fissare prontamente la situazione di un nuovo fenomeno, che si percepisca a riguardo delle più piccole stelle vicine che si trovano nello stesso tempo nel grande campo di questo rifrattore..
Senza lasciarci intimorire dalla prosa di Messier (molto spesso prolissa) abbiamo qui una splendida esemplificazione del metodo di ricerca delle comete: 
- Percorrere il cielo con un telescopio a grande campo e armarsi di pazienza.
Diamo subito uno sguardo ai telescopi utilizzati da Messier nell'osservazione di questa cometa. 
Sono due:
 1) - Rifrattore di grande campo di 65cm di focale (2 piedi) , con un apertura di campo di circa 5°-6°.
 2) - Rifrattore acromatico Dollond di 113cm (3 1/2 piedi), 9 cm (40 linee) di apertura utilizzato a 27 ingrandimenti (e quindi di 42mm di lunghezza focale dell'obiettivo).
Torniamo a leggere le memorie. Messier prosegue dicendo:
E' con questo strumento che ho scoperto l' 8 agosto verso le 11 di sera, a qualche grado sopra l'orizzonte dalla parte di levante, una nebulosità che si estendeva per qualche minuto quasi parallelamente all'eclittica; ho riconosciuto che era una cometa che cominciava ad apparire, sotto il ventre dell'Ariete, tra le stelle 24, 29 e 31 dell'Ariete secondo l'ordine che hanno queste stelle nel Catalogo di Flamsteed, seconda edizione.
Ho fatto un disegno della posizione della cometa, a riguardo di queste stelle e di altre due di cui non era ancora stata determinata la posizione, entrambe di 9a grandezza, considerando la nebulosità che circonda il Nucleo.

Posizione della cometa al momento della scoperta, 08 agosto 1769 ).

Osservazioni:
Nella seconda metà di agosto la cometa è diventata sempre più visibile man mano che si avvicinava sempre di più al sole e alla terra . Il 15 agosto Messier ha potuto vedere una coda lunga 6° . 
Giovanni Domenico Maraldi e César François Cassini de Thury hanno osservato la cometa dal 22 agosto, inizialmente con un telescopio, poi ad occhio nudo. 
Gli astronomi di corte cinesi hanno riferito per la prima volta il 24 agosto di una "stella di scopa" nel sud-est; Jean François Marie de Surville lo ha notato la mattina del 26 agosto da una nave al largo delle Filippine e lo ha descritto come "riccio ... [ma] non brillante".

Tuttavia, la luminosità della cometa è aumentata sempre di più. Mentre Eustachio Zanotti lo osservava il 28 agosto a Bologna , Messier notò quella stessa notte una coda lunga 15°. 
James Cook , che ha navigato nel Pacifico meridionale sull'Endeavour , ha visto per la prima volta la cometa la mattina del 30 agosto. Nel cielo scuro è riuscito a seguire la coda oltre i 42°, mentre Maraldi e Cassini hanno determinato solo 18° di longitudine il giorno dopo. 
La differenza era apparentemente causata dalle condizioni visive locali.

La cometa fu vista da molte navi alla fine di agosto 1769, ma questi rapporti contengono poche informazioni aggiuntive. Il 3 settembre Messier vide la coda della cometa con una lunghezza di 36°, due giorni dopo già con 43°. La coda era ora curva, mentre la testa della cometa appariva leggermente rossastra. Nei giorni seguenti si potevano vedere luminosi raggi paralleli nella coda della cometa. La coda divenne sempre più lunga e il 9 settembre Messier la misurava in 55°.

La cometa Messier vista da Norimberga ).

Quando la cometa si è avvicinata alla Terra il 10 settembre, la coda si era già sviluppata fino a una lunghezza di 60°, secondo l'osservazione di Messier. 
L'11 settembre Alexandre Guy Pingré ha osservato una lunga coda di 90° su una nave tra Tenerife e Cadice, tuttavia, solo i primi 40° erano molto luminosi, mentre l'estremità della coda era estremamente debole e rarefatta.

Massimo avvicinamento alla Terra, 0,323 UA, il 10 settembre 1769 - JPL ).

Nel corso di settembre, la cometa è diventata sempre più difficile da osservare al crepuscolo e la coda visibile si è ridotta. Messier la vide per l'ultima volta prima che si avvicinasse al sole il 16 settembre, Maraldi addirittura il 18 settembre all'imbrunire.
A settembre, Jérôme Lalande ha calcolato gli elementi orbitali preliminari in base ai quali il perielio della cometa dovrebbe avvenire il 7 ottobre. Di conseguenza, molti scienziati hanno iniziato a cercare di nuovo la cometa a metà ottobre . 

Fu ritrovata all'Osservatorio Reale di Greenwich il 23 ottobre con una coda corta, larga e debole, e Messier lo vide di nuovo il giorno dopo nel cielo serale, ancora chiaramente visibile, ma difficile da vedere. Nel telescopio ha osservato un nucleo luminoso e una coda corta di soli 2°. 
Joseph-Louis Lagrange ha visto una coda pallida a Milano il 25 ottobre , ma un nucleo più leggero rispetto a settembre.

Disegni della chioma e della coda della cometa ).

A novembre la cometa era ancora seguita da molti osservatori, ma solo Messier scrisse descrizioni precise. Il 17 novembre la cometa era diventata ancora più debole e la sua coda era lunga 1,5°, ma dopo il 18 novembre Messier non poteva più vederla ad occhio nudo, ulteriori osservazioni erano possibili solo telescopicamente. 
I cinesi hanno riferito che la cometa "è completamente scomparsa" il 25 novembre. Messier e Maraldi hanno visto l'ultima volta la cometa il 1 dicembre, solo Pehr Wilhelm Wargentin è stato in grado di seguirla fino alla sera del 3 dicembre.
La cometa ha raggiunto la sua massima luminosità di 0 mag il 22 settembre.

Dall'Italia:
'' De cometa, qui hoc labente anno omnium oculis conspiciendum se praebuit nonnulla vobiscum disseram, ea praesertim referens, quae mensibus Augusto & Septembri proxime elapsis observando deprehendimus, ceteras non persequar observationes novissime habitas, postquam cometa e solaribus radiis egressus iterum se proditit, de quibus alias fermo erit ''.
( E. Zanotti, De cometa anni MDCCLXIX . Bologna, 1769 ).

Mappe celesti:




DOCUMENTAZIONI : 

Pioggia di meteore su Marte:
L'orbita della cometa si avvicina all'orbita di Marte entro 3,4 milioni di km. Le particelle di polvere della cometa che si muovono lungo la sua orbita dovrebbero quindi causare regolarmente sciami meteorici su Marte, ogni volta che passa attraverso un certo punto della sua orbita circa ogni 687 giorni. Le meteore penetrano quindi nell'emisfero settentrionale del pianeta intorno a mezzanotte a 41 km / s nell'atmosfera del pianeta, all'incirca 39 giorni dopo il perielio di Marte, tra il 6 e il 7 del mese di Nirgal, secondo il Calendario Aresiano .

Determinazione dell'orbita:
Bessel fu in grado di determinare un'orbita ellittica per la cometa nel 1810 dai dati di osservazione per un periodo di 101 giorni, e risulta che è inclinata di circa 41° rispetto all'eclittica, quindi segue un'orbita prograda . 
Nel punto dell'orbita più vicino al sole ( perielio ), che è stato passato dalla cometa l'8 ottobre 1769, si trovava a circa 18,4 milioni di  km dal sole, ben all'interno dell'orbita di Mercurio . 
Il 5 settembre ha avvicinato Venere a 97 milioni di km, mentre è passata il 10 settembre in soli 48,3 milioni (0,323 UA) dalla Terra. 
Il 3 ottobre, si avvicinò di nuovo a Venere entro 89 milioni di km. 
La grande vicinanza al sole e alla terra era anche la ragione della sua luminosità osservata.
Periodo:  8 ottobre 1769 
JD 2.367.454.6204)
Tipo di orbitalungo periodo
Eccentricità orbitale0.99925
Perielio0,1228 UA
Afelio326,8 UA
Semiasse maggiore163,5 UA
Periodo siderale~ 2090 anni
Inclinazione del piano dell'orbita40,7°
Data dell'ultimo Perielio8 ottobre 1769
Velocità orbitale 
nel perielio
120,2 km / s
La cometa si muove su un'orbita ellittica estremamente allungata attorno al sole. 
Secondo gli elementi orbitali , che sono afflitti da una certa incertezza, potrebbe essere apparsa nell'antichità intorno all'anno -330. 
Durante l'ultimo passaggio attraverso il sistema solare interno nel 1769, la sua eccentricità orbitale fu ridotta leggermente di 0,00014 e il suo semiasse maggiore da circa 164 UA a circa 140 UA, così che il suo periodo orbitale fu significativamente ridotto. Pertanto, quando raggiungerà il punto della sua orbita più lontano dal sole ( afelio ), sarà intorno all'anno 2590 , a circa 41,7 miliardi di km dal sole, quasi 279 volte più lontano dalla Terra e più di nove volte di Nettuno. 
La sua velocità orbitale nell'afelio è solo di circa 0,06 km/s. 
Il prossimo passaggio perielio della cometa potrebbe avvenire intorno all'anno 3420.

( Posizioni di cometa e pianeti interni al passaggio del perielio, 08 ottobre 1769 - JPL ).

Posizione attuale della cometa Messier - JPL ).
__________________________________________
__________________________________________

A cura di Andreotti Roberto & Giovanni Donati.


Nessun commento:

Posta un commento