ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

lunedì 29 maggio 2017

LUCCA: CON TAMBELLINI SI CORRE IL RISCHIO DI VEDER ARRIVARE OLTRE 6.000 MIGRANTI !!!


 Fratelli d'Italia: "Con Tambellini rischio concreto di arrivo di 6.000 profughi nei prossimi anni"

"Con il trend degli sbarchi e degli arrivi dei finti profughi dall'Africa, Lucca vedrà aumentare il numero di richiedenti asilo e clandestini sul proprio territorio, sino a 6.000 unità nel giro di 2 anni. Crediamo fermamente che con Tambellini e il PD al governo della città per altri 5 anni, questa possibilità sarà più che concreta, in quanto Tambellini ha più volte detto e dimostrato che è a favore all'accoglienza indiscriminata dei clandestini" lo afferma il Circolo di Lucca di Fratelli d'Italia.

"La cifra di 6.000 profughi sul territorio del Comune di Lucca è realistica, in quanto allo stato ci sono 1.000 richiedenti asilo, ma l'aumento degli sbarchi del 50% in 4 mesi a livello nazionale, fa presagire fondatamente che nel giro di 2 anni, con questi ritmi, si arriverà ad un aumento del 300% in via esponenziale – prosegue FdI – Sappiamo bene che il PD non avrà alcuna remora a impiantare stabilmente 6.000 profughi nel Comune di Lucca, sia per motivi ideologici (in quanto per il PD "nessuno è clandestino" e non esistono confini) sia per il lucroso business che le cooperative vicine alla sinistra, oramai da un decennio, si accaparrano. È noto anche dalle cronache nazionali di questi ultimissimi giorni, l'esistenza della connessione tra scafisti, ONG e cooperative rosse locali collegati dal business economico".

"Con FDI e il centrodestra al governo di Lucca, questo intreccio affaristico verrà spezzato in maniera definitiva, con l'abbandono dello SPRAR e dell'accoglienza indiscriminata dei clandestini.
I lucchesi hanno davanti a sé una scelta importante sul proprio futuro: avere migliaia di clandestini a Lucca, con relativi bivacchi, crimini e insicurezza, oppure voltare pagina e tornare a vivere liberi e sicuri" chiude il partito.