ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

mercoledì 17 maggio 2017

FDI LUCCA , CONTRARIA ALLA COSTRUZIONE DELLE MOSCHEE CHE IL PD VUOL FAR SORGERE OVUNQUE


 "No alle moschee. Fratelli d'Italia si oppone da sempre all'infiltrazione islamista nelle città perpetrata dalle maliziose politiche del PD. Dove governa il Partito Democratico prima o poi le stesse amministrazioni finanziano e/o agevolano la costruzione di moschee, citiamo i casi di Colle Val d'Elsa, Vicenza, Firenze, Torino e ricordiamo che la Regione Emilia Romagna ha trovato 600 mila euro per la costruzione della nuova moschea di Mirandola, inaugurata proprio un anno fa" lo scrive il Circolo Fratelli d'Italia Lucca.

"Il pericolo islamizzazione non riguarda solo gli altri territori: a Capannori stiamo già raccogliendo le firme per bloccare la costruzione di una moschea che il sindaco (e presidente della Provincia di Lucca) PD Menesini vorrebbe far sorgere nella frazione di Lunata. – prosegue Fratelli d'Italia – Non è un segreto che Menesini e Tambellini se la intendano da sempre come il gatto e la volpe (vedi anche il prestito dell'assessore capannorese Bove per la lista di Lucca) e non c'è nessun segno che lasci pensare a una contrarietà di quest'ultimo verso le questioni inerenti i luoghi di culto".

"Quello che sta accadendo in Europa e nel mondo, le numerose infiltrazioni di cellule terroristiche anche in Italia e il mistero su ciò che succede dentro le moschee site in Paesi non islamici – chiude Fratelli d'Italia – sono elementi non trascurabili e pericoli concreti per i nostri cittadini e le nostre città, mentre il PD fa sorgere moschee come funghi noi ribadiamo la nostra contrarietà e proponiamo, anche come segnale socio-culturale di intitolare una via di Lucca ad Oriana Fallaci che ci ha raccontato cosa può portare la deriva islamista. Siamo sicuri che con la riconferma di Tambellini si avvererà il nostro incubo e si andrà verso il sorgere di una moschea a Lucca, mentre Remo Santini certamente farà avverare il nostro sogno di dare un segno tangibile di riconoscenza alla compianta giornalista toscana".