ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

domenica 19 febbraio 2017

ASTRONEWS 19/02: Cerere protagonista della newsletter di Media INAF





Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture
CHIP VULNERABILI ALLO SPACE WEATHER
Presentata oggi a Boston, al meeting dell'American Association for the Advancement of Science, una ricerca della Vanderbilt University sul rischio di danni causati ai circuiti elettronici da particelle energetiche come, per esempio, quelle prodotte dall'impatto dei raggi cosmici con l'atmosfera
picture
UN'IDEA DI SCIENZA PARTECIPATA
Un coppia di ricercatori impegnati nella caccia agli enigmatici fast radio burst propone di usare gli smartphone per rilevarne uno che eventualmente si accenda nella nostra galassia. «Idea interessante ma ancora prematura», è il commento di Marcello Giroletti, radioastronomo dell'Inaf
picture
DALLA MISSIONE DAWN
Sulla superficie del pianeta nano Cerere sono state individuate per la prima volta in modo inequivocabile tracce di materiale organico, in gran parte costituito da composti alifatici. La scoperta è stata realizzata da un team di ricercatori coordinati da Maria Cristina De Sanctis dell'Inaf grazie alle osservazioni dello spettrometro italiano VIR a bordo della missione spaziale Dawn della Nasa
picture
CERCASI VOLONTARI CON VISTA AGUZZA
I computer e i relativi software fanno certamente miracoli, ma la capacità umana di distinguere le forme è ancora impareggiabile. Il progetto "Backyard Worlds: Planet 9" su Zooniverse sta cercando volontari per scovare nelle immagini della sonda Wise l'ipotetico nono pianeta, ben oltre l'orbita di Plutone
picture
AVVISTAMENTI RADAR DA ARECIBO
Il radiotelescopio gigante di Arecibo ha osservato la sfuggente cometa 45P/Honda-Mrkos-Pajdusakova. Si tratta della settima ripresa utilizzando il radar, perché le comete si trovano molto raramente abbastanza vicine alla Terra da poterle studiare dettagliatamente con questi strumenti
picture
JWST POTRÀ DARE UNA RISPOSTA DEFINITVA
Grazie a una nuova analisi di dati ottici recenti, un gruppo di ricercatori italiani sembra essere riuscito a fornire un contributo importante nell'individuazione della natura di una delle galassie più particolari: CR7. L'ipotesi più probabile è quella del collasso diretto di un buco nero, ma rimangono aperti altri scenari. Ne parliamo con Fabio Pacucci dell'Università di Yale, che ha guidato lo studio
picture
COME SUPERARE ERRORI SISTEMATICI IN GEOFISICA
Un gruppo di ricercatori statunitensi ha trovato un metodo per superare gli errori sistematici che si verificano durante le analisi paleomagnetiche di rocce vulcaniche, che permettono di studiare le variazioni del campo magnetico terrestre all'epoca in cui si sono formate le rocce. Il metodo prevede la demagnetizzazione a basse temperature con azoto liquido
picture
TUTTI I QUESITI CON LE SOLUZIONI
Si è conclusa martedì, in 14 città italiane, la gara interregionale. Per accedere alla finale nazionale, in calendario per aprile, gli studenti in gara, d'età compresa fra i 14 e i 17 anni, si sono dovuti persino calare nei panni di Han Solo, alla guida del Millennium Falcon
picture
GIÀ INDIVIDUATI PIÙ DI 100 PROBABILI ESOPIANETI
A chi non piacerebbe scoprire un pianeta? Ora tutti possono setacciare l'archivio ventennale di velocità radiali misurate su oltre 1600 stelle dallo spettrometro Hires al telescopio Keck, grazie a un articolo apparso su Astronomical Journal con cui si rendono totalmente pubbliche tali misure e il software per analizzarle. Nello stesso studio, i ricercatori elencano oltre 100 candidati esopianeti identificati con tale tecnica
picture
DAL CINEMA MUTO ALL'ASTRONOMIA DI OGGI
Dall'origine della Luna alle colonie lunari, lo sguardo della scienza e del cinema sul nostro satellite. Venerdì 17 febbraio, ore 21, al cinema La Compagnia di Firenze, uno spettacolo di cinema, teatro e scienza di Lapo Casetti, Antonella Gasperini e Paolo Tozzi

Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

17.02.2017
16.02.2017
16.02.2017
15.02.2017
14.02.2017
15.02.2017

Inoltre, sempre su Media Inaf puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e iTunes.
E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.
È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!


La redazione di Media Inaf invia la propria newsletter a CAPITAN FUTURO BLOG.