BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

martedì 22 marzo 2016

FIOM (LU) Polo Nautico, "esodo incentivato" per concorrenti scomodi. Persa altra opportunità


Per condividere, PIGIA qui:
Share/Book mark


COMUNICATO STAMPA
NECESSARIO REGOLARE L'UTILIZZO DELLE AREE DEMANIALI
MA PRIMA DI TUTTO  IL LAVORO
________________________________________________________________
·
Al Polo Nautico continuano i problemi, I soci discutono e creano le condizioni per la fine delle attività di costruzione nell'area di maggior pregio della Darsena.
·
Stiamo assistendo con molta preoccupazione ad un esodo incentivato dalle aree della Polo Nautico da parte di imprenditori che dovevano e potevano, a giudizio del sindacato, delineare il futuro della nautica viareggina.
·
Si poteva creare seriamente una situazione tale da garantire il lavoro per molti anni, ma invece  si è voluto - e si insiste su questo terreno! - creare le condizioni per cui un concorrente scomodo se ne dovesse andare.
·
Ci riferiamo alla condizione per cui il cantiere San Lorenzo sarà nei fatti costretto a lasciare Viareggio; grazie a chi non gli ha concesso gli spazi per poter lavorare e produrre.
·
Grazie quindi ai soci del Polo, che bramano esclusivamente di poter frazionare le aree e le concessioni demaniali, si è bruciata la più grande opportunità che fosse capitata da diversi anni a questa parte.
·
Il risultato? Si sono svuotati I cantieri (capannoni) in attesa del frazionamento e di una successiva rivendita con speculazione annessa, con l'amministrazione comunale schierata in favore della spartizione dell'area demaniale.
·
Può essere questo il futuro?
·
Secondo il nostro punto di vista no!
·
Bisogna ripartire da un piano di politica industriale per l'area del Polo Nautico, potendo offrire a quegli imprenditori interessati - e sappiamo che ce ne sono - un pacchetto che comprende una filiera qualificata per ciò che riguarda la produzione e un nucleo consistente di lavoratori professionalmente validi in grado di strutturare qualsiasi attività di costruzione con tempi di avviamento brevissimi.
·
Chi nel Mediterraneo è in grado di proporsi con un'offerta praticamente chiavi in mano per produrre imbarcazioni di lusso e di qualità come potrebbe fare il Polo Nautico?
·
Ma un'area frazionata a chi interesserebbe? A qualche imprenditore bottegaio?
·
Si rischierebbe il declino dell'area e del lavoro per l'intera Darsena e noi crediamo che Viareggio non se lo possa permettere.
·
Per questo ci rivolgiamo anche al sindaco, perchè vengano assunte nella responsabilità e attraverso un confronto serio tra tutti gli attori sociali ed isituzionali, le scelte migliori per lo sviluppo delle aree demaniali, del futuro di Viareggio e della sua cantieristica senza ricatti e senza veti. Viceversa il rischio è molto grande e non sia mai che qualcuno voglia attribuire le probabili conseguenze a chi aveva denunciato il problema
·
Fiom Versilia
--
Daniela Francesconi
giornalista professionista
ufficio stampa e comunicazione
Tw @danyfrancesc
LinkedIn Daniela Francesconi
·
Federazione Impiegati Operai Metallurgici della provincia di Lucca
Camera del Lavoro Lucca e Versilia
V.le Luporini 1115\F – 55100 Lucca
tel.+39 0583 441540- 0584 325321
P.za Manzoni 5 – 55049 Viareggio
fax+39 0583 441555- 0584 325351
·
www.fiom.cgil.it
- mail:fiom@lucca.tosc.cgil.it
-fiomvg@lucca.tosc.cgil.it
Pec:fiom.lucca@pecgil.it