BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

sabato 26 marzo 2016

ASTRONEWS 26/3: La newsletter di Media INAF, con l’augurio d’una serena Pasqua




Share/Book mark


Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture
IL NUOVO CATALOGO DI SORGENTI X
2RXS, appena rilasciato dagli scienziati dell'Istituto Max Planck per la
 Fisica Extraterrestre (MPE), è la più profonda e dettagliata visione del
 cielo X nella sua interezza oggi disponibile, e contiene osservazioni di 
potenti buchi neri in fase di accrescimento, ammassi giganti di galassie,
 stelle attive e resti di supernova. Il commento di Patrizia Caraveo (INAF)
picture
DA LUNEDÌ 28 A GIOVEDÌ 31 MARZO
Il programma "Memex – La scienza raccontata dai protagonisti", trasmesso 
da Rai Scuola, dedica un focus alla radioastronomia e spiega i traguardi
 raggiunti da questa branca della ricerca astrofisica. Le quattro puntate 
vedranno come conduttore in studio Nicolò D'Amico, presidente dell'INAF
picture
TUTTA COLPA DELL'EFFETTO MAREALE
Alcuni dei satelliti principali potrebbero essersi formati circa 100 milioni
 di anni fa. Dunque successivamente al regno dei dinosauri, che risale al
 Triassico superiore, quindi circa 230 milioni di anni fa. Lo studio su 
The Astrophysical Journal
picture
COLPA DEI QUASAR
Circa 11 milardi di anni fa il ritmo a cui le stelle nascevano nell'universo 
è rallentato, ma perché? Lo studio di un team di ricerca della Johns Hopkins 
sembra aver trovato la soluzione al mistero: il colpevole è il vento di materia, 
anzi, i quasar che lo emettono
picture
TRE MILIARDI DI ANNI FA IL CAMBIO DI ROTAZIONE
La Luna ci mostra sempre la stessa faccia, grazie alla rotazione sincrona
 con la Terra. Ma uno studio appena uscito su Nature dimostra che
 3.5 miliardi di anni fa lo scenario era molto diverso. La scoperta potrà 
aiutarci a indagare il passato del nostro satellite e del nostro pianeta, 
e forse anche a svelare l'origine dell'acqua che si trova sulle loro superfici
picture
SUPERFLARES DAL SOLE? NON SI PUÒ ESCLUDERE
Pubblicato su Nature Communications uno studio sui superflares:
 intense tempeste stellari che, se investissero la Terra, darebbero origine
 a distruzioni apocalittiche. Nel gruppo di ricerca internazionale anche 
due ricercatori dell'INAF di Catania, Antonio Frasca e Alfio Bonanno
picture
LA ROADMAP EUROPEA
John Brucato (OA-Arcetri) illustra i punti attorno ai quali coordinare la 
ricerca europea: studiare l'origine ed evoluzione dei sistemi planetari,
 capire come si sono formati i composti organici nello spazio, comprendere
 le interazioni tra rocce e materia organica, definire quali ambienti nel
 nostro Sistema solare o in altri sistemi planetari sia abitabile e trovare
 tracce di vita nei corpi del Sistema Solare
picture
ECCO LE GALASSIE PIÙ LUMINOSE MAI VISTE
Le ha scoperte, spigolando fra dati di Planck, un laureando della University 
of Massachusetts Amherst. Hanno circa dieci miliardi di anni e, commenta
 Carlo Burigana dell'INAF, «appaiono davvero come dei "mostri astrofisici": si 
tratta probabilmente di galassie con una straordinaria attività di formazione stellare»
picture
SI TROVA SUL FONDO DEL CRATERE OXO
Scoperta dal team della missione Dawn della Nasa. Fondamentali per individuarla 
sono state le osservazioni condotte dallo spettrometro italiano VIR, fornito
 dall'agenzia Spaziale Italiana (ASI) sotto la guida scientifica di Maria Cristina De Sanctis
 dell'INAF-IAPS di Roma
picture
LO SUGGERISCE UN ECCESSO DI LUCE BLU SOSPETTO
Un team internazionale di ricercatori, monitorando la supernova di tipo 
Ia SN 2012cg per diverse settimane, potrebbe aver catturato per la prima volta 
l'emissione proveniente dalla stella compagna. «Un risultato importante, 
ma forse è ancora presto per cantare vittoria», commenta Filippo Mannucci 
dell'INAF di Arcetri
picture
NUOVO MODELLO PER STELLE SIMILI AL SOLE
Raggiunta una certa età, tutte le stelle simili al Sole tendono ad assomigliarsi, 
assumendo comportamenti assai prevedibili. Su questa considerazione si basa 
un nuovo modello teorico che prende la stella a noi più vicina come riferimento 
per determinare l'età di tutte quelle simili presenti nella galassia
picture
AL VIA I PROGETTI PER SPETTROGRAFI HI-TECH
E' stato firmato nella sede dell'Osservatorio Astrofisico di Arcetri 
dell'INAF l'accordo tra ESO e il consorzio HIRES guidato dall'Istituto 
Nazionale di Astrofisica, con il quale prende ufficialmente il via lo studio 
di progettazione dello spettrografo ad alta risoluzione che equipaggerà il 
futuro telescopio europeo E-ELT. Il 18 marzo invece è stato siglato il contratto 
per lo studio di progettazione dello spettrografo MOS, sempre per E-ELT
picture
NON HA MAI INTERAGITO CON ALTRE GALASSIE
La galassia nana irregolare Wolf-Lundmark-Melotte si è sviluppata da sola,
 lontana dall'influsso delle altre galassie e delle loro popolazioni stellari. 
Il commento di Enrico V. Held (INAF-OAPd): «Il confronto delle proprietà 
delle galassie nane isolate, come WLM, con altri satelliti della nostra Via Lattea, 
aiuterà gli astronomi a capire l'evoluzione di questi affascinanti oggetti»


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

25.03.2016
24.03.2016
25.03.2016
22.03.2016
22.03.2016

Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Flickr e iTunes.
E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.
È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!

PER CAPITAN FUTURO BLOG™