BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

domenica 13 marzo 2016

VOLTERRA,ORGOGLIO A TESTA ALTA



ORGOGLIO COMUNE



Giornata indimenticabile A Volterra.........

Una piccola cittadina ha abbracciato un'intera Nazione, erano presenti alla chiamata a raccolta 106 sindaci rappresentanti tutte le regioni d'Italia, ad esclusione del Trentino. Purtroppo abbiamo notato l'assenza dei sindaci di Abetone e Cutigliano.
Vista l'importanza dell'avvenimento, è stato ancora un successo sperato da Marco Buselli sindaco di Volterra, l'infermiere sindaco come ama definirsi lui stesso.

Due i temi cari ad amministratori e cittadini uniti per lo stesso scopo:Sanità e Fusione dei comuni.
Chi meglio di lui a parte dei cittadini interessati può sottolineare la distruzione totale da parte di questo governo e delle Regioni complici di tanto sfacelo nella sanità pubblica e dell'entità orgogliosa dei piccoli comuni d'Italia.
Oltre ai sindaci e loro collaboratori, erano presenti le organizzazioni e le associazioni delle varie località toscane presenti sul territorio.
A dire il vero, per dare la giusta risonanza all'evento, alcune televisioni locali tra cui Rai 3 e Canale 50, avevano dato la disponibilità ad effettuare delle riprese ma evidentemente, caso ha voluto che forse per motivi di traffico o per veti del padrone di turno, non erano presenti per documentare una giornata dove cittadini e sindaci si erano uniti ed avevano fatto sentire democraticamente la loro voce per dire no, alla scempiaggine delle piccole realtà italiane.
Non è stato il solo obiettivo della sanità a mantenere vivo l'interesse dei partecipanti, ma anche la fusione dei piccoli comuni, fino ad oggi non sappiamo quantificare il numero del piccolo, medio e grande comune.
Si è parlato della fusione passata ormai alla storia dei comuni toscani di Abetone 697 abitanti e Cutigliano 1580 abitanti.. Dopo referendum consultivo, il comune di Abetone si è espresso per il NO! Alla fusione mentre al comune di Cutigliano è emerso il SI!
La regione Toscana con un intervento antidemocratico, ha deciso per la fusione a prescindere, non rispettando la volontà popolare. Insomma una partita giocata da sola a tavolino. I cittadini sono decisi a far rispettare le loro volontà senza decisioni arbitrarie calate dall'alto, e senza imbrogli e false ideologie.
Esistono comuni con 36.000 abitanti che sono stati indicati come bottino di fusione dei comuni limitrofi, con un evidente falsità sui numeri tanto sbandierati. Non esiste ad oggi un'idea di quali comuni fondere e quali restano in piedi; sono sicuro che il lettore ci arriva da solo quali sono i comuni da eliminare, ovvero quelli scomodi alla compagine governativa.
Il vero risparmio attraverso la fusione è di valore irrisorio visto che per i comuni montani ed i piccoli comuni ogni consigliere viene saldato con un gettone di presenza di un valore simbolico di circa 9/10 euro; il corpo di Polizia Urbana composta da 2/3 unità, eppure i servizi vengono svolti con diligenza e puntualità al contrario dei grandi centri.
Tutto ciò ci porta a sospettare quale vera ragione si sia insinuata nella mente di chi ha ideato la fusione di alcuni piccoli comuni, d'Italia.
Tutti conosciamo quali sono gli enti e quali carrozzoni sono la ragione dello sperpero di risorse degli italiani; Province e le Regioni? In alcune regioni si annida covo di malaffare e malcostume come evidenziato in alcune regioni dagli ultimi sviluppi e le ultime indagini portati alla luce. Mentre i piccoli comuni lasciati volutamente nel dimenticatoio, con tanti oneri e senza onori. Si sa, la presenza di attori governativi latita là dove poche risorse impegnate nella gestione di pubblica utilità sono già destinate al funzionamento della cosa pubblica e difficilmente restano quantitativi di facile distrazione.
La manifestazione è stata ben supportata dalla presenza di piccole ma importanti associazioni dei comuni montani quali: C.r.e.s.t- Zeno Colò-Montagna Pistoiese è qui che voglio vivere.





I cittadini insorgono uniti...... Dignità e orgoglio dei comuni.

- “ARRENDETEVI SIETE CIRCONDATI”-