ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

LETTORI SINGOLI

domenica 26 maggio 2019

29P/SCHWASSMANN-WACHMANN una particolare cometa che orbita appena oltre Giove. by INSA.

_____________________________________________________
_____________________________________________________
Aggiornato il 26/05/2019

29P / Schwassmann-
Wachmann 1
 
___________________________________________________
___________________________________________________

Questa immagine (in copertina), è stata ottenuta dal telescopio spaziale Spitzer, che è un telescopio a infrarossi lanciato nell'agosto del 2003. L'immagine è stata ottenuta nella gamma di 24 micron dal fotometro a immagini a banda multipla. "Mostra l'emissione di infrarossi termici dal coma polveroso e dalla coda della cometa". L'immagine misura 24,3 minuti di arco e 15,9 minuti di arco . Gli osservatori erano Dale Cruikshank, Principal Investigator (NASA Ames Research Center), John Stansberry, Principal Investigator (Università dell'Arizona), William Reach (SSC / Caltech), Yanga Fernandez (Università delle Hawaii), Michael Werner (JPL / Caltech), George Rieke (Università dell'Arizona), Vikki Meadows (JPL & SSC / Caltech).
____________________________________________________
____________________________________________________

Scoperta e dati fisici:
     
 Arnold Schwassmann e Arno Arthur Wachmann (Osservatorio di Amburgo, Bergedorf, Germania) hanno scoperto questa cometa su fotografie esposte il 15 novembre 1927, con una luminosità vicino alla magnitudine +13.5, la cometa iniziò a svanire molto rapidamente nei giorni seguenti, con stime di +15mag. il 28 novembre,  e +16mag. già il 1° dicembre. 
     Nel 1931 le immagini di pre-scoperta furono trovate da Karl Reinmuth su lastre fotografiche esposte il 4 marzo 1902. La cometa era allora vicina alla magnitudine +12.
Per le sue dimensione si ipotizza un diametro di circa 30,8 km.
Si ritiene che la cometa sia un centauro.


In evidenza storica:


  • Attività: La cometa è unica in quanto sperimenta uno o più scoppi di luminosità quasi ogni anno. La normale luminosità della cometa è vicina alla magnitudine visuale +17 al perielio e +19 all'afelio, ma queste esplosioni possono portarlo a raggiungere mag. +13. In rare occasioni ha persino raggiunto la magnitudine +10.


  • Orbita: L'orbita della cometa è quasi circolare e si trova appena fuori dall'orbita di Giove. Si è stabilizzato dalla sua scoperta, con l'eccentricità iniziale di 0.15 e l'attuale 0.04. Nello stesso periodo il periodo orbitale è diminuito da circa 16,0 anni a circa 14,9 anni, odierni. Attualmente ha un semiasse maggiore di 5,9118162 UA, con un orbita che spazia da un perielio di 5,7080983 UA, fino ad un afelio di 6,116 UA, e che percorre in 14,37 anni, con un'eccentricità molto bassa di 0,0344595 ed un inclinazione di 9,30703° rispetto all'eclittica, questi valori cambieranno dopo l'incontro ravvicinato con Giove del 11 ottobre 2037.
  •  
    ( Grafico dell'orbita del JPL ).


  • Osservazione: La cometa è stata al perielio il 26 ottobre 1989 (5.7718 AU), quando subì uno sfogo di luminosità più forte del normale durante il 1996 nel febbraio, ci fu un momento in cui raggiunse la magnitudine +11,5. Gli osservatori hanno continuato a fornire stime di magnitudo da +11 a +12 in aprile, ma la cometa ha finalmente iniziato a sbiadirsi durante l'ultima parte di quel mese. La luminosità "normale" della cometa per questa parte della sua orbita è attorno ai +19. E' arrivata al perielio il 7 marzo 2019 e sarà all'opposizione il 9 ottobre 2019.



  • Approcci ravvicinati ai pianeti: la cometa ha sperimentato due approcci minori a Giove durante il XX secolo. Ci sarà un approccio a Giove durante il 21 ° secolo. (Dal lavoro orbitale di Kazuo Kinoshita)

    • 1,95 UA da Giove l'11 luglio 1930.
      • aumento della distanza del perielio da 5,47 UA a 5,52 UA.
      • diminuzione del periodo orbitale da 16,44 a 16,14 anni.
    • 1,00 UA da Giove l'8 maggio 1974.
      • aumento della distanza del perielio da 5,45 UA a 5,77 UA.
      • diminuzione del periodo orbitale da 14,96 a 14,85 anni.
    • 0,90 UA da Giove l'11 ottobre 2037.
      • aumento della distanza del perielio da 5.71 UA a 5.87 UA.
      • aumento del periodo orbitale da 14,37 a 15,87 anni.
    ___________________

    Immagini aggiuntive

    Copyright © 1996 di Toru Yusa (Kogota, Giappone)
    Questa immagine è stata scattata il 28 marzo 1996, utilizzando un Meade LX200 Schmidt-Cassegrain da 0.20 m3 / 5.9 e una camera CCD SBIG ST-6.



    Copyright © 1997 di Herman Mikuz (Osservatorio Crni Vrh, Slovenia)
    Questa serie di immagini è stata ottenuta all'inizio del 1996 utilizzando un telescopio SC e un CCD da 36 cm, f / 6.8. Ogni immagine era un'esposizione di 300 secondi. Le immagini di sinistra e centro, ottenute rispettivamente il 18 gennaio e il 24 febbraio, mostrano uno sfogo in corso. L'immagine della mano destra è stata ottenuta il 10 marzo e mostra la deflagrazione dello sfogo.



    Copyright © 1997 di Akimasa Nakamura (Kuma Kogen Astronomical Observatory, Giappone)
    Queste tre immagini furono scattate da A. Nakamura durante un'esplosione nell'aprile del 1997. L'immagine del 12 aprile mostra l'esplosione in corso. Quello del 28 aprile mostra la cometa vicino alla massima luminosità. L'immagine del 9 maggio mostra lo sfogo dell'esplosione. Le immagini sono state ottenute con un telescopio Ritchey-Chretien da 0,60 mf / 6 e una camera CCD.


    Copyright © 2003 di Gerald Rhemann e Michael Jäger (Austria)
    Questa immagine è stata ottenuta da G. Rhemann e M. Jäger nel Luglio 2003. Mostra la cometa che subisce uno dei suoi scoppi di luminosità abbastanza frequenti. È interessante notare che l'immagine mostra anche una coda, che è una caratteristica vista raramente per questa cometa. Rhemann e Jäger hanno stimato la magnitudine della cometa di +12 e il diametro della coma di 4 minuti d'arco . La coda si estende per 12 minuti d'arco verso PA 215°. L'immagine è stata ottenuta con un riflettore da 14 pollici e una camera CCD Starlight SXV-H9. Sono state combinate tre esposizioni di 210 secondi.


    Copyright © 2003 di R. Ligustri (Talmassons, Italia)
    Questa immagine è stata ottenuta nel settembre 2003 con il riflettore 350/1750 e una camera CCD SBIG ST9E. Dieci esposizioni di 240 secondi sono state combinate. L'immagine copre un campo che misura 16 'per 16'. Il nord è verso l'alto, mentre est è a sinistra.


    Copyright © 2004 di Gianluca Masi e Franco Mallia (Italia)
    Questa immagine è stata ottenuta il 23 giugno 2004 con il telescopio SoTIe da 14 pollici (Las Campanas, Cile). Hanno sovrapposto tre immagini da 60 secondi, che hanno rivelato un coma da 50 "e un getto che si estende per 20" verso PA 45 °. Il campo visivo è 6.5 'per 6.5'.

    Cometa 29P dopo lo sfogo, questa è una sovrapposizione di 20 immagini centrate sul movimento della cometa, fotogrammi presi con un telescopio F10 + CCD da 0,40m all'Osservatorio La Cañada (MPC-J87) 04-Oct-2008 02:24 UT le immagini sovrapposte sono state filtrate per migliorare i dettagli, a sinistra un processo radiale con delta = -1 px per mostrare meglio i gusci di gas e polvere in espansione, a destra un gradiente di rotazione con alfa = 15 gradi che mostra vari getti.
    ____________________________________________________

    INTEGRATO ED AMPLIATO by Giovanni Donati - INSA.
    Leggi anche dal blog di ALBINO CARBOGNANI:
    https://asteroidiedintorni.blog/2018/06/18/29p-schwassmann-wachmann-una-cometa-esplosiva/
    Dal GAMP : QUI
    ____________________________________________________


    Catalogato in:

    Nessun commento:

    Posta un commento