BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

martedì 1 dicembre 2015

RASSEGNA ASTRONOMICA 02/12: Newsletter Media INAF

TUTTI GLI ARTICOLI SU:
http://capfuturo73.blogspot.it/search/label/astrofisica



Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture

PRIME FASI DI VITA DI UN SISTEMA PLANETARIO

HD 106906b: il pianeta esiliato

Un team internazionale di ricercatori ha analizzato i dati raccolti dal Gemini Planet Imager e dal telescopio spaziale Hubble, scoprendo che il giovane esopianeta chiamato HD 106906b potrebbe essere stato allontanato dalla sua orbita originaria da una perturbazione gravitazionale. I risultati sono apparsi sulla rivista The Astrophysical Journal

picture

DA 21 PAESI NEL MONDO. NE SARANNO SELEZIONATI 9

Centodue astronomi in corsa per l'Italia

Oltre cento candidature per venire a fare ricerca nelle strutture dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Questo il bilancio della prima chiamata internazionale del progetto AstroFIt2, la cui eccellenza è stata riconosciuta con un confinanziamento della Commissione Europea nell'ambito di H2020

picture

IL CIELO DI DICEMBRE

L'Albero di Natale dell'Unicorno

La curiosa forma di un ammasso stellare aperto visibile nei cieli serali di questo mese ci ricorda uno dei classici simboli delle feste natalizie, ormai alle porte. Ma a dicembre, meteo permettendo, ci attende anche lo sciame meteorico delle Geminidi. I consigli per osservarlo, insieme alle costellazioni, ai pianeti e ai principali fenomeni celesti previsti in questa fine d'anno

picture

QUALE LA RELAZIONE TRA QUESTI DUE FENOMENI?

Espulsione di massa con brillamento

Grazie ai dati e alle immagini fornite dalla strumentazione di bordo delle molte sonde che studiano il Sole è possibile ipotizzare una relazione tra le espulsioni di massa coronale e i getti solari. Lo studio, pubblicato su The Astrophysical Journal è stato realizzato da un'equipe di ricercatori cinesi

picture

PRODOTTI DALLA SUBLIMAZIONE

Pozzi profondi su 67P

composti chimici con un basso punto di ebollizione, che vengono "esplosi" via dalla cometa quando questa si avvicina al Sole, creando i pozzi. Le simulazioni hanno infatti dimostrato come questi elementi volatili siano intrappolati sotto la superficie o dentro strutture di ghiaccio amorfo, per essere poi violentemente "eiettati" quando la cometa si riscalda

picture

NUOVE SIMULAZIONI AL COMPUTER

Il vortice su Giove all'incontrario va

Un nuovo studio si occupa dei fenomeno atmosferici del quinto pianeta del Sistema solare. La rotazione è particolare: per esempio in senso orario a nord e in senso antiorario nell'emisfero sud. Il modello sviluppato recentemente (e di cui si parla su uno studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience) spiega anche perché le tempeste di Giove ruotano in direzione opposta rispetto a quelle osservate sulla Terra e in direzione opposta rispetto alla rotazione del pianeta stesso

picture

LE SIMULAZIONI SVELANO L'ANELLO MANCANTE

Turbolenze, ipernovae e lampi gamma

Quando una stella ruotante collassa, essa inizia a ruotare ancora più velocemente e si trascina il suo campo magnetico formando una dinamo stellare. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Nature in cui viene descritta una simulazione delle fasi finali di una stella massiccia dove la generazione di potenti campi magnetici può portare all'esplosione della stella e all'emissione di lampi gamma

picture

EDIZIONE RECORD PER PARTECIPAZIONE

Solar System Tour: settima edizione

Il Solar System Tour è un'iniziativa, organizzata congiuntamente dall'INAF-Osservatorio Astrofisico di Catania e dal CUS Catania e patrocinata da Società Astronomica Italiana, Agenzia Spaziale Italiana e FIDAL-Catania, che si propone di unire la passione degli studenti per lo sport a quella per le discipline scientifiche

picture

IL TEST DI LANCIO MINUTO PER MINUTO

Orion+SLS: c'è un piano di volo

70mila chilometri oltre la Luna: questo l'obiettivo del primo test di volo in combinata per lo Space Launch System NASA e la capsula Orion Deep Space. All'agenzia spaziale statunitense si guardan bene dall'indicare una qualsiasi data o finestra di lancio buona per il primo e ambizioso test, ma ecco spunta un dettagliato piano di volo della futura Exploration Mission-1

picture

IL PATHFINDER DI ESA/ASI/INFN

Alla fine arriva LISA!

Il lancio era previsto perr mercoledì 2 dicembre 2015 alle ore 4:15 GMT (ore 5:15 di mattina in Italia), dalla base di lancio di Kourou in Guyana francese, rinviato si attende conferma per il 3 dicembre. La sonda viaggerà fino al punto di Lagrange L1, una posizione virtuale di equilibrio gravitazionale nello spazio a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra in direzione del Sole. L'obiettivo è studiare le onde gravitazionali

 


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

01.12.2015

Il cielo di dicembre 2015

30.11.2015

Solar System Tour: tra sport e astronomia

27.11.2015

Turismo spaziale: arriva il razzo di Amazon

27.11.2015

Andrea Possenti sull'FRB (Fast Radio Burst) più strano mai rilevato

26.11.2015

Phobos, un destino anulare

Gli approfondimenti di INAF-TV

Astrochannel, la TV via rete a loop continuo


Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Flickr e iTunes.

E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.

È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!



PER CAPITAN FUTURO BLOG ™

newsletter