BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

sabato 26 dicembre 2015

LA STORIA DI CARDOSO DI GALLICANO, by Andreotti Roberto.

 
Foto tratte dai locali gruppi facebook ''paese di Cardoso'' e ''sei di Cardoso se...''
 
Panoramica di Andreotti Roberto dal paese di Motrone.
Chiave di volta di un antico portale, di Marovelli Giancarlo.

LA STORIA:
Cardoso, ( una volta chiamato " Castello di Cardoso" per la presenza di un castello nel luogo dove ora sorge il paese) si trova alla base meridionale del monte Penna ad un altezza di 371 mt, ed è facilmente raggiungibile dalla strada di fondovalle ( sp2  Lodovica), da Lucca, si seguono le indicazioni per Gallicano, ma prima di arrivarci, a Colle Acinaia, si svolta a destra proseguendo per Cardoso, dove si arriva dopo aver percorso 4 km di strada.
Cardoso, viene citato per la prima volta in un documento nel 996 all'interno del quale il vescovo Lucchese Gherardo allivellò dei beni a Sisemundo del fu Sisemundo dei Rolandinghi di Loppia.
Nel XIII secolo il castello dopo aver lottato a lungo finì come altri borghi della valle sotto il dominio dei lucchesi , venendo inserito nella "Vicaria di Barga", ma nei primi decenni del XIV secolo quando Barga riusci a sottrarsi ai lucchesi dandosi ai fiorentini, esso rimase a Lucca, Cardoso in primis faceva comune a se, ma nel 1499 fu esposto al commissario di Gallicano, il quale elesse quattro persone per trattare, fino ad arrivare all'unione con il paese di Cardoso nel 1502, e con altri comuni limitrofi rimasti ai lucchesi andò a formare la Vicaria di Gallicano venendo ristrutturato completamente.
Nel 1376 in una bolla d'oro Cardoso è indicato come "castrum Cardosi". Il toponimo rivela la sua origine latina di tipo agricolo:" Vicus Cardusius " ( dal vegetale "cardus") evolutosi nell'alto medioevo a " Cardusium ". 

IL CASTELLO:
Il castello, ricordato fin dal Ix secolo, sorgeva ai piedi del monte Penna ne restano attualmente visibili scarse vestigia, fu' danneggiato durante le lunghe e rovinose guerre fra il comune di Lucca ed i feudatari della Garfagnana, il castello fu restaurato ne XIV secolo e nel 1430 si dette volontariamente agli estensi, che dovettero in seguito restituirlo ai Lucchesi. Fu poi teatro di aspri combattimenti tra Lucca e Ferrara, all'inizio del XVII secolo, e nel 1617 venne barbaramente raso al suolo dai soldati Estensi. 

LA CHIESA:
La chiesa del paese è sotto il titolo di S.Genesio (XIII sec.), filiale della Pieve di Gallicano che riuscì ad ottenere il fonte battesimale il 4 settembre 1387 grazie a una concessione fattali da Papa Urbano VI venuto a soggiornare a Lucca dal natale del 1386 al settembre del 1388.