BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

giovedì 6 ottobre 2016

SIMONE SIMONINI, TORNA SUL LAGO DI PRÀ DI LAMA A PIEVE FOSCIANA

Simonini rilancia su il bagno.

Il consigliere comunale di Molazzana Simone Simonini e responsabile per la lega nord Mediavalle e Garfagnana, precisa e rilancia su il bagno.
Come già evidenziato nei precedenti articoli "Su segnalazione di cittadini mi sono recato per un controllo a Pieve Fosciana al laghetto pra' di lama, - esordisce Simonini- è evidente che il lago si sta ingrandendo in maniera esponenziale, (in soli 4 mesi di qualche decina di metri).
Evidentemente, come già dichiarato esplicitamente  "pur non essendo un tecnico specializzato" , qualcosa non deve aver funzionato. Mi è sembrato evidente e saggio ascoltare la parola di chi più esperto del luogo, che sottolineava la scarsità di giusta manutenzione .
Ho ritenuto opportuno, a maggior ragione sentite le dichiarazioni del sindaco: "che il terreno è in costate movimento". Chiedere un maggior impegno, nel fare dei monitoraggi seri ed efficaci per dare risposte certe, soprattutto all'abitato circostante.
Come dichiarato dal primo cittadino: il lago si è originato circa 200 anni fa', da due piccole buche, "dove originariamente la strada comunale per il Sillico vi passava nel mezzo", e oggi succede quello che è sempre successo, in tutta normalità, dove l'argilla si liquefa e poi si ricompatta. Il tutto -aggiunge Simonini-  imparagonabile e preoccupante con le proporzioni e l'ingrandimento attuale del lago. Non sembra a mio avviso un evento normale, da cui sottovalutare il potenziale rischio. Il tutto nella speranza del sindaco che poi il lago ritorni allo stato di piccole dimensioni "con il ricompattamento volontario dell'argilla".
È evidente che, storia alla mano, il lago non si sta spostando "come dichiarato sempre dal primo cittadino", bensì a mio avviso ingrandendo.
Prosegue Simonini- non è sufficiente un monitoraggio quotidiano basato "su discorsi" è evidente giungere in fretta a una diagnosi del terreno ben più accurata, e dettagliata.
Intanto, come partito ci siamo mossi a livello regionale, la lega nord si sta adoperando con i consiglieri regionali Elisa Montemagni e Roberto Salvini.
È stata presentata un interrogazione datata 29 settembre n° protocollo 22792, all'assessore all'ambiente dott.ssa Federica Fratoni, e per conoscenza al responsabile dipartimento ARPAT di Lucca dott. Gaetano Licitra. Da capire con esattezza le cause, lo stato attuale del laghetto, ed il pericolo derivante dalla situazione, al fine di provvedere, insieme agli organismi competenti, una pronta normalizzazione.
Intanto -prosegue Simonini- sembra inverosimile il dichiarato di alcuni mesi fa dall'amministrazione attuale "in campagna elettorale": recupereremo la struttura, stiamo valutando l'ipotesi di ricavarvi un centro di ricerca per la produzione di energie alternative, e un museo con l'esposizione, delle auto elettriche dedicate alla figura del conte Carli. Intanto come priorità, abbiamo da risolvere una pratica assicurativa -causa il forte vento che ha danneggiato la copertura dell'edificio-.
Conclude Simonini- oggi il contenzioso "dovrebbe essere stato risolto", e si dice ci sia pure stato un cambio d'uso, per il dovuto dalla compagnia assicurativa.
Il sindaco magari può informare meglio la popolazione e tutti noi, che pur non essendo cittadini di Pieve Fosciana, ci occupiamo del territorio, e soprattutto dove veniamo chiamati ad intervenire.