ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

domenica 30 ottobre 2016

Si è svolta sabato 29 ottobre 2016 a Firenze la prima Giornata nazionale di studio sugli effetti sanitari e ambientali del trasporto aereo

Si è svolta sabato 29 ottobre 2016 a Firenze  la prima Giornata nazionale di studio sugli effetti sanitari e ambientali del trasporto aereo.

Il convegno promosso dall'Associazione italiana medici per l'ambiente - Isde (International Society of Doctors for the Environment)  ha  voluto  illustrare e proporre alla attenzione nazionale quanto dimostrato  ormai da decenni  di ricerca scientifica ovvero che il trasporto aereo contribuisce in modo rilevante ai cambiamenti climatici e che le strutture aeroportuali  con le connesse attività sono fonti consistenti di inquinamento ambientale e un rischio concreto per le popolazioni residenti in prossimità degli aeroporti e per gli stessi lavoratori di questo settore.

Il convegno è stato aperto dal  saluto del dottor Michele Guida in sostituzione del  dottor Roberto Romizi, presidente dell'Associazione medici per l'ambiente Isde-Italia, si sono poi susseguiti gli interventi del professor Gianni Tamino  dell'Università di Padova sul tema : "Inquinamento ambientale, attività umane e cambiamento  climatico: le responsabilità anche del settore aereo", del  dottor Massimo Generoso, pediatra e presidente della sezione Isde di Firenze sul tema " Inquinamento ambientale e salute in età prenatale e pediatrica", della dottoressa Antonella Litta,  responsabile scientifico del convegno,  con la relazione "Danno a salute e ambiente da trasporto aereo, le evidenze scientifiche a sostegno delle istanze dei cittadini e dei comitati in Italia e in  Europa",  dell'ing. Giuseppina Ranalli su  " Le emissioni degli aeromobili: composizione, quantitativi e misurazione degli inquinanti prodotti", del prof. ing. Sergio Luzzi sul problema dell'inquinamento acustico "Città sempre più rumorose: misurazioni dell'inquinamento acustico e normativa vigente".

L'intervento conclusivo è stato quello del prof. Paolo Maddalena, vicepresidente emerito della Corte Costituzionale che ha tenuto una splendida lezione magistrale su" Strumenti legali  ed azioni nelle vertenze di opposizione alla costruzione di nuove  strutture aeroportuali e all'ampliamento di quelle già esistenti nel quadro generale dello strapotere della finanza internazionale".

Una sessione del convegno è stata  poi dedicata  al confronto e allo scambio di esperienze  tra i  rappresentanti dei vari comitati che in Italia si impegnano per la riduzione dell'impatto ambientale delle strutture aeroportuali  e per evitare la realizzazione di nuovi aeroporti  e l'ampliamento di quelli già esistenti;  da questa sessione è nata la proposta di costituire una rete nazionale  di coordinamento tra i comitati di Ciampino, Treviso,  Orio al Serio, Napoli,  Bologna, Malpensa, Linate, Napoli, Prato, Firenze, Ampugnano  Viterbo e Carpenedolo.

L'approvazione  da parte dei partecipanti di una mozione che  sarà inviata a breve a tutte le istituzioni competenti ha suggellato il comune  impegno affinché:

l'intero sistema dei trasporti sia riconsiderato e rivisto quanto prima per tentare di ridurre il surriscaldamento del pianeta, tutelare la salute, gli ecosistemi, l'ambiente e garantire così un futuro di vita dignitoso e sufficientemente adeguato alle esigenze umane alle attuali e alle prossime generazioni;

·         il diritto alla salute, la tutela del territorio e quindi del patrimonio storico, artistico e paesaggistico, il rispetto delle leggi in materia ambientale e l'applicazione del principio di precauzione facciano da orientamento, vincolo e barriera ad ogni scelta di tipo economico-politico e infrastrutturale, ad ogni interesse di impresa che possa compromettere e contaminare beni comuni e fondamentali per la vita stessa come l'aria, l'acqua, il suolo e la salute delle popolazioni;

·         in Italia come nel mondo il trasporto aereo sia ridotto e razionalizzato;

·         non si consenta la realizzazione di nuovi aeroporti nel territorio italiano e si respingano i progetti di ampliamento di quelli già esistenti;

·         sia redatto un piano nazionale della mobilità che riduca il traffico su gomma, che incentivi l'elettromobilità, il telelavoro, il trasporto su rotaia, sempre nel rispetto delle peculiarità dei territori e dei diritti delle popolazioni interessate e che abbia la tutela dell'ambiente e della salute come elementi cardine.

L'Associazione italiana medici per l'ambiente - Isde ringrazia i relatori, gli organizzatori, i partecipanti  e quanti si sono impegnati  con generosità per l'ottima riuscita di questo convegno.

Nota per la stampa a cura dell'Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia
 Isde - Italia sede nazionale : via della Fioraia 17/19 - 52100 Arezzo
Tel. 0575-22256, Fax 0575-28676
Web www.isde.it, e-mail mailto:isde@ats.it
Facebook https://www.facebook.com/isdeitalia
Twitter @ISDEItalia