ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

sabato 1 ottobre 2016

ASTRONEWS 1/10: Speciale Rosetta e altre meraviglie nella newsletter di Media INAF


Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture

SU MEDIA INAF IL COMMENTO DI PATRIZIA CARAVEO

Binaria da record: è gamma, ed è extragalattica

Individuato dal telescopio spaziale Fermi della NASA un raro sistema binario 

che emette radiazione gamma. Formato da una stella massiccia e da una stella 

di neutroni, è il primo mai scoperto al di fuori della Via Lattea: si trova nella 

Grande Nube di Magellano, a 163 mila anni luce dalla Terra

picture

A 450 ANNI LUCE DA NOI

Galassia? No, giovane stella

Un nucleo brillante, un disco di materia tutt'attorno ed evidenti bracci a spirale. 

Sembra una galassia ma in realtà è la stella Elias 2-27, immortalata dal telescopio 

ALMA che per primo è riuscito a individuare questo tipo di struttura, prodotta dalle

 onde di densità attorno a una stella di recente formazione. Nel team che ha 

effettuato la scoperta anche Leonardo Testi (ESO e INAF)

picture

TOUCHDOWN. LA MISSIONE È FINITA

Rosetta, l'orbiter che divenne lander

Rosetta ha toccato il suolo della cometa 67P come previsto, attorno alle 13:20 ora italiana. 

Media INAF ha chiesto un bilancio a caldo della missione a Fabrizio Capaccioni, responsabile 

dello strumento VIRTIS, in queste ore al centro di controllo dell'ESA a Darmstadt

picture

LE ULTIME IMMAGINI DA ROSETTA

La versione di Osiris

Osiris è lo strumento che ha realizzato tanti dei magnifici scatti che abbiamo potuto ammirare 

della cometa 67P, è la camera in dotazione alla sonda Rosetta alla cui progettazione ha contribuito

 l'Università di Padova attraverso il CISAS. Si poserà fra pochi istanti sul suolo della sua 'modella' 

preferita, lo stesso suolo sul quale ha scattato le immagini della discesa di Philae e del quale ci ha 

mandato ogni giorno immagini incredibili, immagini che contribuiranno come poche altre alla

 nostra comprensione dell'Universo

picture

REPORTAGE DAL CENTRO DI CONTROLLO A ESOC

Rosetta, le emozioni degli ultimi minuti

Tristezza e al tempo eccitazione, al centro di controllo di Darmstadt, nelle parole raccolte dall'inviata

 di Media INAF, quando mancano pochi minuti all'approdo sulla cometa, da due protagonisti della 

missione: Matt Taylor e Paolo Ferri

picture

ALLA RICERCA DELLE PRIME GALASSIE DELL'UNIVERSO

Astrodeep: nel cuore dei territori di frontiera

Continuano i passi avanti nell'osservazione e nella comprensione delle prime galassie dell'universo.

 L'ambizioso progetto Frontier Fields ha messo insieme le forze dei tre più grandi osservatori di cui 

la NASA può disporre – Spitzer, Hubble e l'Osservatorio a raggi X Chandra – per addentrarsi tanto 

indietro nello spazio e nel tempo quanto può permettere la tecnologia più raffinata ad oggi disponibile. 

E l'INAF c'è

picture

IL PUNTO DI ALESSANDRA ROTUNDI

La cometa in 6650 particelle

Tutto quello che sappiamo di migliaia di granelli di polvere raccolti da GIADA. Alla vigilia della discesa 

della sonda ESA Rosetta sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è tempo di fare un primo 

bilancio della missione

picture

NELLA GRANDE NUBE DI MAGELLANO

Quell'insolito bozzolo stellare

Grazie alle osservazioni del telescopio ALMA dell'ESO, un team di astronomi giapponesi ha scoperto

 una massa calda e densa di molecole complesse che avvolge una stella appena nata. 

Questo eccezionale nucleo molecolare caldo è il primo a essere stato rilevato fuori dalla Via Lattea

picture

L'ARTICOLO SU SCIENCE ADVANCES

La Via Lattea: più grande e dinamica che mai

La Via Lattea, la nostra Galassia, è più estesa e massiccia di quanto finora ritenevamo. Non solo: 

la sua velocità di rotazione è più alta del 10 per cento rispetto al valore oggi accettato. Questi sono 

alcuni dei risultati dello studio guidato da Ye Xu, dell'Accademia cinese delle Scienze e a cui ha 

partecipato Luca Moscadelli, ricercatore dell'INAF

picture

ROSETTA VERSO IL GRAN FINALE

VIRTIS dietro le quinte

La missione Rosetta è prossima al termine. Il pubblico si è appassionato e l'ha seguita alla stregua

 di una serie, grazie anche ai blog di ESA, dove, per saziare la curiosità e dare un volto a chi c'è dietro

 le clamorose scoperta fatte grazie alla missione, vengono ora svelati anche i tanti "dietro le quinte" 

di quanto è andato in scena. Come per il team di VIRTIS, protagonista di alcune delle rivelazioni più 

importanti sulla natura della 67P, che ha avuto anche momenti difficili. Parola di 

Fabrizio Capaccioni (INAF), PI dello strumento

picture

LA PROPOSTA DI DUE RICERCATORI SPAGNOLI

Come ti semplifico le fusioni dei buchi neri

La coalescenza di due buchi neri è un processo assai difficile da modellare, che richiede potenti 

supercomputer. Ma possono esserci situazioni in cui i calcoli si semplificano notevolmente, 

secondo lo studio di Marina Martínez e Roberto Emparan pubblicato sulla rivista Classical and 

Quantum Gravity

picture

LE PARTICELLE A TEMPERATURE ELEVATE

MASI va a caccia di polvere cosmica

Si tratta del primo esperimento in grado di simulare massa, velocità, temperatura e angolazione

 d'ingresso delle particelle nell'atmosfera. Nello stesso tempo simula il processo di evaporazione 

dei principali elementi che costituiscono la polvere cosmica, cioè silicio, ferro, magnesio, sodio e  


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

30.09.2016

Rock'n'roll, Rosetta! Con Matt Taylor, Fabrizio Capaccioni e Amalia Ercoli-Finzi

30.09.2016

La preziosa polvere di GIADA: intervista ad Alessandra Rotundi

29.09.2016

Rosetta: conto alla rovescia. Andrea Accomazzo a INAF-TV

30.09.2016

Da ESOC, Fabrizio Capaccioni, responsabile di VIRTIS

30.09.2016

Missione Rosetta: il gran finale. Federico Tosi a Radio3 Scienza

30.09.2016

A Wikiradio la missione Pathfinder raccontata da Patrizia Caraveo

29.09.2016

Come ti semplifico le fusioni dei buchi neri

Astrochannel, la TV via rete a loop continuo


Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e iTunes.

E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.

È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!



La redazione di Media Inaf invia la propria newsletter a CAPITAN FUTURO BLOG™