ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

sabato 25 giugno 2016

ASTRONEWS 25/06: La newsletter di Media INAF, (astrofisica ed astronomia).



Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture
L'APPUNTAMENTO IN TUTTO IL MONDO IL 30 GIUGNO
Partita come l'iniziativa di una manciata di persone accomunate da una
passione per l'esplorazione dello spazio e lo studio dei corpi minori l'Asteroid
Day è diventato un movimento globale che coinvolge migliaia di persone in
tutto il mondo per diffondere conoscenza e consapevolezza sul tema degli
asteroidi. L'appuntamento di quest'anno a giovedì 30 giugno, con moltissimi
eventi in giro per il modo, e, ovviamente, anche qui su Media INAF
picture
UN PO' GAS, UN PO' CONDUTTORE
Non riflette né trasmette la luce visibile, ma conduce calore. Per osservare e
studiare queste proprietà tutt'altro che usuali dell'idrogeno, un gruppo di
ricercatori ha compresso e riscaldato alcuni campioni di questo elemento
chimico a valori estremi, simulando le condizioni che si verificano nelle
zone interne dei pianeti gassosi giganti
picture
UN CAMPIONE RICCO DI TRIDIMITE
L'analisi di un carotaggio operato dal rover NASA Curiosity in località
Buckskin, nel cratere Gale, rivela la presenza di un derivato del silicio,
prodotto da fenomeni di vulcanismo prima d'ora non contemplati nel
recente passato di Marte. Una scoperta che può cambiare le ipotesi
attuali sull'origine del Pianeta
picture
EFFETTO SERRA GRAZIE AGLI ASTEROIDI VAGANTI
Si chiama "paradosso del Sole giovane debole": in pratica 4 miliardi di
anni fa la nostra stella era il 30% meno calda rispetto ad oggi e ciò avrebbe
potuto osteggiare la formazione della vita sulla Terra. La situazione si è
ribaltata quando sul nostro pianeta sono cominciati i bombardamenti degli
asteroidi dallo spazio, che hanno innescato una sorta di effetto serra
primordiale, contribuendo così al riscaldamento della superficie
picture
TORNIAMO AD AMMIRARE IL CIELO NOTTURNO
L'inquinamento luminoso è sempre di più fonte di problemi di salute,
non solo per gli esseri umani ma anche per gli animali che popolano le
nostre città. In piena fase di sviluppo dell'illuminazione pubblica basata
sui LED, sale ora sul banco degli imputati anche la luce blu prodotta da
questi dispositivi elettronici
picture
NATI DA ANTICHE STELLE GIGANTI
Le coppie di buchi neri massicci, come quelli dalla cui fusione sono state
rivelate per la prima volta le onde gravitazionali pochi mesi fa, sono tutt'altro
che rare nell'universo. Lo sostiene uno studio su Nature che individua le loro
progenitrici in coppie di antichissime stelle giganti
picture
GRAZIE A OSSERVAZIONI NEI RAGGI X
Il buco nero Swift J1644+57, colto cinque anni fa nell'atto di fagocitare una
stella avvicinatasi troppo, torna a far parlare di sé. Un nuovo articolo pubblicato
sulla rivista Nature fornisce nuove informazioni sulla struttura del suo disco di
accrescimento
picture
AL LAVORO CON I QUATTRO TELESCOPI DEL VLT
Un'equipe di astronomi europei ha usato il nuovo strumento GRAVITY installato
al VLT (Very Large Telescope) dell'ESO per ottenere osservazioni eccezionali
del centro della Via Lattea combinando per la prima volta la luce di tutti e
quattro i telescopi UT da 8,2 metri
picture
E FORSE ANCHE SU ALTRI CORPI DELLA FASCIA DI KUIPER
I dati di New Horizon aprono le porte a una possibilità che rasenta l'incredibile:
non solo Plutone potrebbe aver ospitato un oceano sotterraneo, ma questo
potrebbe essere ancora lì, con acqua almeno parzialmente allo stato liquido.
Intanto, un altro studio mostra che l'oceano sotterraneo di Encelado è meno
in profondità del previsto: appena 5 km sotto la superficie della luna di Saturno
picture
SCOPERTA GRAZIE AI TELESCOPI XMM-NEWTON E SWIFT
Un team internazionale di ricercatori, sfruttando i telescopi spaziali XMM-Newton
e Swift che operano nel campo della luce ad alta energia, ha scoperto una
magnetar circondata da una nebulosa. Se nel caso delle pulsar classiche
questo è abbastanza comune, per le magneter è la prima volta che succede,
e questa scoperta potrebbe aiutarci a comprendere come funzionino queste
stelle con i campi magnetici più intensi in assoluto
picture
INTERVISTA A MARIA GIOVANNA DAINOTTI
Una correlazione "3D", fra tre dei parametri che caratterizzano i lampi di
raggi gamma, ha consentito a un team di astrofisici d'individuare un
campione di sorgenti candidate a svolgere il ruolo di "candele standard".
Media INAF ha raggiunto la prima autrice dello studio


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

24.06.2016
23.06.2016
22.06.2016
21.06.2016
21.06.2016

Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

È tempo di dichiarazione dei redditi. Se vuoi destinare il tuo 5x1000 all'INAF,
il numero di codice fiscale da indicare è: 972 2021 0583. Grazie!
Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su
Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e iTunes.
E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.
È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!


per CAPITAN FUTURO BLOG.