ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

venerdì 20 novembre 2015

Sovranità parteciperà alla Manifestazione "Prima gli Italiani"


LUCCA
 
Sovranità parteciperà alla manifestazione “Prima gli italiani” a Fornaci di Barga.
Lucca, 20 novembre – Ci sarà anche Sovranità alla manifestazione “Prima gli italiani, Basta clandestini” organizzata dal comitato “Un futuro per la Valserchio”, che si svolgerà domani 21 novembre a Fornaci di Barga, in piazza IV Novembre.
“Abbiamo aderito immediatamente al tema della manifestazione – dichiara Fabio Barsanti, coordinatore regionale di Sovranità che domani salirà sul palco tra gli interventi – perchè riteniamo che in tutta la provincia di Lucca ci sia bisogno di coinvolgere chi ha a cuore le sorti della nazione, minacciata da una gestione dell'immigrazione che definire scellerata è poco. Per questo è importante manifestare, perchè questa finta accoglienza, fatta di interessi economici e politici, di veri e propri business e di buonismo suicida, si sta rivelando disastrosa dal punto di vista sociale e da quello della sicurezza.”
“La Mediavalle è un territorio che sconta già alcuni problemi di una certa importanza – continua la nota – primi tra tutti quello economico-lavorativo e quello legato alla gestione della sanità; negli ultimi mesi il business dell'accoglienza ha messo le proprie mani anche li, dove in alcuni comuni la presenza di sedicenti profughi ha giustamente suscitato dubbi e timori nella popolazione. Una presenza tra l'altro superiore in proporzione a quella di altre zone. Da qui nasce questa manifestazione: per opporsi ad una politica fatta contro gli interessi degli italiani.”
“L'invito alla partecipazione è rivolto soprattutto agli abitanti della Mediavalle – conclude Barsanti – ma quello della finta accoglienza e dell'immigrazione selvaggia è un problema che riguarda tutta la nostra provincia. Scendere in piazza è molto importante, per ribadire agli autori di questo criminale disegno che ci sono italiani non disposti a subire dall'alto decisioni disastrose per il territorio e il futuro dei suoi abitanti.”