BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

lunedì 21 novembre 2016

MASSIMILIANO BALDINI: SENTENZA ELEZIONI VIAREGGIO

Sinceramente, mai mi sarei aspettato di leggere la sentenza che oggi è stata emessa dal Consiglio di Stato. Una sentenza totalmente antitetica a quella del Tar Toscana pressochè su tutti i punti fondamentali in discussione ed oggetto del processo. Nessuna delle motivazioni espresse - su nessun punto del contendere -dalla Sezione 3 per riformare la sentenza di primo grado è a mio avviso condivisibile ed anzi, molto spesso, se non sempre, ictu oculi palesemente contraddittoria ed infondata, a cominciare dall'ammissibilità della costituzione in giudizio del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, fatto davvero discutibile, come da più parti ed a più riprese sottolineato, non solo giuridicamente ma anche e specialmente politicamente. Ma, quello che mi meraviglia di più, è come il Consiglio di Stato possa aver ritenuto ininfluente sulla regolarità del voto la mancanza di 675 schede elettorali vidimate e non utilizzate. Un fatto gravissimo che il Tar Toscana aveva giustamente posto a fondamento dell'annullamento dell'intero procedimento elettorale. Se alle elezioni - come parrebbe affermare il Consiglio di Stato - quando si verificano i voti si può anche non rinvenire 675 schede e va tutto bene lo stesso malgrado la differenza fra coloro che avevano diritto ad andare al ballottaggio è di soli 27 voti, allora viene da pensare che la certezza del diritto nei procedimenti elettorali sia lasciata alla mercè dell'opinione di ognuno e non al rigido rispetto delle regole. Questa sentenza vanifica, con superficialità, la nostra battaglia di legalità. Una battaglia di cui Viareggio aveva bisogno, ha bisogno e continua ad avere bisogno perchè senza il rispetto della legalità non vi può essere alcuna rinascita della città nè, tantomeno, uscita dal grave dissesto in cui versa il Comune. Tuttavia, malgrado l'amarezza di ognuno di noi circa l'esito di questa vicenda che non passerà certamente inosservata, la nostra volontà di portare avanti i nostri principi in cui fermamente crediamo non si indebolisce ma, anzi, al contrario si rafforza perchè quella di oggi è solo una tappa di una storia più grande ed importante. Viareggio e Torre del Lago hanno bisogno di legalità ma questo bisogno è di tutto il Paese ed i cittadini, gli italiani che ho visto in Piazza Santa Croce a Firenze solo qualche giorno fa, chiedono a gran voce un cambiamento, un cambiamento radicale che possa ridare loro quella fiducia che da tempo hanno perduto. Per questi motivi, nel ringraziare tutti coloro che mi sono stati vicino, a cominciare dalle liste civiche e dai partiti del centrodestra che mi hanno sostenuto e che mi sostengono, dai tanti cittadini che mi hanno manifestato vicinanza e solidarietà a prescindere dalla loro ideologia politica e dal quel leone indomito che si è dimostrato l'Avv. Carlo Andrea Gemignani senza il quale non saremmo giunti fin qua, già da domani al Gran Caffè Margherita, già in vista dell'ormai prossimo referendum costituzionale, riprenderemo la nostra battaglia politica nel nome delle nostre idee e delle nostre convinzioni. Infine, tornando al piano amministrativo locale, come è ben noto e come ho espresso più volte nel corso di questo anno e mezzo, nutro seri, serissimi, dubbi sulla capacità della reinsediata Amministrazione di poter far fronte ai problemi in cui versa Viareggio e Torre del Lago Puccini, tanto più in un quadro elettorale dove la legittimazione è oggetto di valutazioni e sentenze così radicalmente diverse e difformi. Questo però non significa che non mi auguri che la nostra città possa, al contrario, rapidamente riprendersi. Noi faremo sicuramente la nostra parte, a cominciare dal rispetto della legalità che ovviamente, malgrado tutto, oggi impone il rispetto della sentenza ed un augurio istituzionale di buon lavoro al Sindaco Giorgio del Ghingaro. Vi aspetto tutti oggi al Gran Caffè Margherita per discutere le ragioni del NO al referendum !

Avv. Massimiliano Baldini Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini