ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

mercoledì 6 aprile 2016

VIAREGGIO, NUOVI CLANDESTINI IN ARRIVO, IL BUSINESS CRESCE, IL CITTADINO PAGA.

LEGA NORD VIAREGGIO

Il Sindaco Del Ghingaro si è reso indisponibile al "Centro di smistamento profughi", perchè a suo dire - "Non siamo nelle condizioni economiche e sociali per ospitare una struttura del genere"- ma, chiaramente non ha preclusioni per l'arrivo di nuovi clandestini sul territorio comunale da far gestire alle Cooperative sociali: la solita Cooperativa Odissea di Capannori o la Misericordia di Torre Del Lago, che sono già al lavoro per reperire dai "privati" alloggi da affittare all'uopo. Bene, allora vediamo quanti sono questi privati consenzienti che mettono a disposizione i propri immobili per puro scopo di lucro. -Si perchè alla favola dell'accoglienza umanitaria ormai non ci crede più nessuno-. Questi "privati", che possono anche essere strutture alberghiere in crisi, che non devono necessariamente partecipare a bandi pubblici trovando la strada spianata da una semplice "dichiarazione d'intenti" ad accogliere, quanto andranno a incassare quotidianamente pro-capite? E quanto "utile" ne traggono le Cooperative? inoltre, -ci chiediamo- quale tipo di selezione operano nel reperimento degli immobili, quali requisiti precisi devono sussistere per concedere l'agibilità a ospitere "inquilini" di questo tipo che nella stragrande maggioranza dei casi esulano dal tradizionale nucleo familiare? E soprattutto, nonostante le organizzazioni e gli operatori sociali, questi nuovi "profughi" sono quello che dicono di essere? Fuggono tutti da scenari di guerra? Nessuno di loro andrà mai ad alimentare la filiera dei venditori di paccottiglia o del parcheggio abusivo, nonostante possano essere -richiedenti asilo-come ultimamente ci documenta la cronaca? Queste e altre richieste di informazioni, sono all'oggetto della nuova interrogazione sull'accoglienza, rivolte dal nostro Gruppo Consiliare all'Amministrazione di Viareggio.

Maria D. Pacchini - Capogruppo Lega Nord