BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

sabato 3 settembre 2016

ASTRONEWS 3/9: La newsletter di Media INAF

in foto ANDREOTTI ROBERTO, dalla ISS in orbita terrestre


Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture

IMMAGINI E VIDEO DAL FLYBY DEL 27 AGOSTO

Sotto la pelle del gigante

Le prime immagini di Giove riprese dalla strumentazione scientifica italiana a 

bordo della sonda NASA Juno. «Nessun altro strumento, sia da terra che dallo

 spazio, è mai stato in grado prima d'ora di osservare l'aurora australe del pianeta in

 questo modo», spiega Alberto Adriani dell'INAF, responsabile dello strumento JIRAM

picture

SABATO 3 SETTEMBRE IL VIA AGLI EVENTI DI APERTURA

Il Parco astronomico delle Madonie è realtà

«Saranno i bambini delle scuole dei paesi del Parco a inaugurare il polo didattico», 

dice il sindaco di Isnello (PA), Pino Mogavero. Un polo dedicato alla ricerca, alla 

divulgazione e alla didattica delle scienze astronomiche. L'INAF sarà presente 

con una mostra su "Passato, presente e futuro dell'astrofisica in Italia"

picture

LO STUDIO SU DATI DELLA MISSIONE STEREO

Là dove nasce il vento solare

La regione di spazio in cui il vento solare si separa dalla corona e inizia a muoversi

 in maniera turbolenta lungo il Sistema solare è stata osservata per la prima volta 

grazie alla missione spaziale STEREO della NASA. I risultati sono presentati nell'ultimo 

numero della rivista The Astrophysical Journal

picture

I RISULTATI DELLA SONDA DAWN OGGI SU SCIENCE

Le sei facce di Cerere

Dalla presenza di ghiaccio d'acqua al criovulcanesimo, sono tutti dedicati ai recenti

 risultati della missione spaziale Dawn i sei articoli sul pianeta nano pubblicati oggi

 su Science. Due in particolare si basano sui dati raccolti dallo spettrometro italiano 

VIR, e vedono fra i coautori numerosi ricercatori dell'INAF IAPS di Roma

picture

LA CATTIVA STELLA DI SPACEX

Esplode un razzo al KSC

Incidente sulla piattaforma di lancio del Kennedy Space Center in Florida: esplode il 

Falcon 9 della SpaceX che sarebbe dovuto decollare nel weekend con il carico di un 

satellite. Nessun ferito, ma il payload è andato perduto

picture

LO STUDIO SU NATURE

Il senso di MIDAS per la polvere

Si chiama MIDAS ed è lo strumento in dotazione alla missione Rosetta grazie al quale 

gli scienziati sono riusciti ad analizzare microscopiche particelle di polvere della 

cometa 67P, con l'obiettivo di saperne di più sulle modalità con cui si siano aggregate

 e darci così informazioni sui primi momenti della formazione del Sistema solare

picture

SUL LAGO TRASIMENO, DAL 2 AL 4 SETTEMBRE

L'utopia e l'Isola di Einstein

Sei curioso? Ti piace la natura? Hai ironia? C'è una piccola isola che fa per te: l'Isola 

Polvese, sul lago Trasimeno. Da venerdì a domenica prossima, 85 spettacoli e 50 ospiti 

da 8 paesi per divertirsi insieme con esperimenti e scienza. C'è anche l'INAF

picture

IL CIELO DI SETTEMBRE

Un'aquila tutta da ammirare

La nebulosa M16, nota come nebulosa Aquila, è uno tra i più suggestivi oggetti celesti

 che adornano il cielo di questo mese. I consigli per individuarlo, insieme agli altri

 principali fenomeni celesti previsti a settembre

picture

REIONIZZAZIONE A METÀ A 700 MILIONI DI ANNI

L'era oscura di Planck

Le prime stelle dell'universo si formarono molti anni più tardi di quanto indicassero le

 precedenti osservazioni della radiazione di fondo cosmico. Dalla nuova analisi emerge 

anche che queste stelle primordiali sono sufficienti a rendere conto del processo

 noto come "reionizzazione"

picture

SI TROVA A 11,1 MILIARDI DI ANNI LUCE DA NOI

CL J1001, l'ammasso di galassie più distante

Grazie all'ausilio dei grandi telescopi spaziali e terrestri, gli astronomi hanno identificato

 un antico ammasso di galassie che potrebbe essere stato colto appena subito dopo la 

sua formazione. Si tratta di un nuovo record di distanza ma soprattutto di un'importante

 scoperta, riportata su Astrophysical Journal, perché l'oggetto si trova in una fase evolutiva 

che non è stata mai osservata prima. Il commento di Emanuele Daddi (CEA), uno dei sette

 ricercatori italiani che hanno partecipato allo studio

picture

PROVOCHERÀ UN DISASTRO NEL SISTEMA SOLARE?

Pianeta Nove, ecco chi deve temerlo

Se davvero dovesse esistere, andrebbe riscritto il destino dei pianeti, soprattutto quelli più

 esterni. Per la Terra non ci sarebbero drastici cambiamenti, visto che in ogni caso fra 7 miliardi

 di anni verremo inglobati nel Sole morente, ma per Urano e Nettuno la fine potrebbe essere violenta

picture

FENOMENO FORSE UNICO NEL SISTEMA SOLARE

Solchi anomali sulla superficie di Phobos

La formazione di alcune scanalature peculiari visibili sulla luna di Marte, e rimaste fino 

a qualche tempo fa senza spiegazione, sarebbe il risultato degli impatti di detriti espulsi 

dalla superficie. È quanto emerge da uno studio, pubblicato su Nature Communications, 

in cui vengono mostrati i risultati di una serie di simulazioni che descrivono molto bene

 la vera sequenza di crateri osservata su Phobos

picture

SCOPERTI NUOVI CORPI MINORI TRANSNETTUNIANI

Mondi alla fine del mondo

Sono piccoli mondi antichi i nuovi oggetti "estremi" ora rintracciati dallo stesso gruppo

 di ricerca che dedusse, nel 2014, la possibile esistenza di un nono pianeta ai confini del 

Sistema solare. Tra i nuovi arrivati, anche uno la cui orbita si spinge talmente lontano 

dal Sole da potere teoricamente sentire l'effetto gravitazionale di altre stelle

picture

IL CASO DI IRAS 19312+1950

Una misteriosa giovane stella con le rughe

È un oggetto particolare che fino a oggi ha eluso i ricercatori. Per determinare la sua

 vera natura sono stati necessari spettri infrarossi raccolti da Spitzer e Herschel. 

Stranamente, ha diverse caratteristiche in comune sia con protostelle che con 

oggetti in via di estinzione. Che si tratti di un nuovo tipo di stella?

picture

INTERVISTA AL RICERCATORE

Materia oscura: a qualcuno piace calda

Galassie di piccola taglia e lontanissime sono state osservate nell'ultravioletto

 dagli strumenti a bordo del telescopio spaziale Hubble. Alla guida della ricerca, 

Nicola Menci dell'INAF di Roma: «Abbiamo ottenuto un nuovo limite, indipendente 

dai processi di formazione stellare, per la massa delle particelle di materia oscura»

picture

SCOPERTO E MISURATO ANCHE DA ASTROFILI ITALIANI

All'improvviso passò l'asteroide 2016 QA2

Osservato poche ore prima da un osservatorio amatoriale in Brasile, domenica

 mattina presto l'asteroide 2016 QA2 ha "sfiorato" la Terra. Tra i primi a catturarne

 l'orbita gli appassionati del Gruppo Astrofili Montelupo. Media INAF ha

 intervistato la presidentessa, Maura Tombelli

picture

PUÒ SPIEGARE L'ENIGMA DELLA MATERIA MANCANTE

Tsunami dal centro galattico

La scoperta di gas a un milione di gradi emesso sei milioni di anni fa dal buco nero 

supermassiccio al centro della Via Lattea potrebbe spiegare il mistero della 

"massa mancante". Lo studio, guidato da Fabrizio Nicastro dell'INAF - Osservatorio 

astronomico di Roma, è in uscita su The Astrophysical Journal

picture

L'ESOPIANETA PIÙ VICINO ALLA TERRA

Destinazione Proxima b

La scoperta, avvenuta la settimana scorsa, del pianeta extrasolare meno 

distante che si conosca sarà da stimolo per realizzare un sogno. Ne parla in

 quest'articolo, uscito domenica sul Sole24Ore e qui riproposto con il

 consenso dell'autrice, Patrizia Caraveo dell'INAF IASF di Milano

 


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

02.09.2016

Cerere conquista Science. Gli ultimi risultati della missione Dawn

02.09.2016

Così appare Giove all'infrarosso: le prime immagini di JIRAM

02.09.2016

La Sarabanda di Bach alla Specola dell'Università di Bologna

02.09.2016

Il cielo del mese di settembre. A cura di Marco Galliani

31.08.2016

L'ammasso galattico più distante al punto giusto di maturazione

30.08.2016

Ivette Fuentes e la cosmologia a qubit (sub ita)

Astrochannel, la TV via rete a loop continuo


Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e iTunes.

E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.

È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!



La redazione di Media Inaf per CAPITAN FUTURO BLOG™