ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

venerdì 23 settembre 2016

ASTRONEWS 24/9: La newsletter di Media INAF


Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture

LA PARTENZA DOMANI DAL PORTO DI LARNACA

Salpa "Astrofisica su Mediterranea"

E due. Ci è piaciuto talmente tanto che lo abbiamo rifatto. Domani dal porto di 

Larnaca, nell'isola di Cipro, partirà l'equipaggio di "Astrofisica su Mediterranea" 

per la seconda edizione di questo progetto, che l'INAF finanzia e realizza con la 

collaborazione del CIFS e del Progetto Mediterranea. Per i 5 studenti universitari 

selezionati quest'anno, sarà un'opportunità per coniugare l'avventura della

 scoperta del cosmo con quella dell'esplorazione dei mari

picture

MACRONOVE ASSOCIATE A LAMPI GAMMA CORTI

La coppia che scoppia produce oro

Due interessanti implicazioni di un nuovo studio su Nature Communication: le 

fusioni di oggetti compatti, come stelle di neutroni o buchi neri, producono la 

maggior parte dell'oro e di altri metalli pesanti rari; oltre alle onde gravitazionali, i

 "merger" di stelle di neutroni danno origine a esplosioni di macronova, visibili 

con i telescopi ottici. Tra gli autori, Stefano Covino e Paolo D'Avanzo dell'INAF

picture

IL 23 E 24 SETTEMBRE, INGRESSO LIBERO

Catone Film Festival all'Osservatorio di Roma

Tra gli oltre 200 cortometraggi pervenuti da tutto il mondo, 40 sono i lavori 

selezionati e ammessi alla fase finale del concorso cinematografico, ospitato 

quest'anno dalla struttura dell'Istituto Nazionale di Astrofisica

picture

PASSATI AL SETACCIO M44 E M67

A caccia di esopianeti negli ammassi stellari

Due lavori condotti da un team tutto italiano, composto da ricercatori dell'INAF

 e dell'Università di Padova dimostrano che, con il giusto metodo, cercare pianeti

 anche in zone molto affollate di stelle, come negli ammassi aperti, non solo è 

possibile, ma può restituire risultati scientifici rilevanti

picture

MAPPATURA DELLE ESPLOSIONI VISTE DA ROSETTA

Gli starnuti estivi di 67P

In un studio appena pubblicato sulle Monthly Notices della Astronomical Society 

la mappatura della serie di esplosioni verificatesi sulla superficie della cometa

 67/P Churyumov-Gerasimenko nel corso dei tre mesi di massimo avvicinamento al Sole

picture

IL LABORATORIO SPAZIALE CINESE È FUORI CONTROLLO

Tiangong 1: non c'è Gravity che tenga

Una serie di guasti e avarie hanno reso ingovernabile la Tiangong-1, che potrebbe 

precipitare verso la Terra nella seconda metà del prossimo anno. Torna così alla 

ribalta il problema dello smaltimento e del rientro della "spazzatura spaziale" sul nostro pianeta

picture

MICROLENSING GRAVITAZIONALE

Due stelle per un pianeta: Hubble fa tris

Le osservazioni del telescopio di NASA ed ESA entrano nella storia perché per

 la prima volta un sistema a tre corpi è stato confermato mediante la tecnica 

della microlente gravitazionale

picture

DALL'ANALISI DEI DATI DI PLANCK

L'espansione cosmica è universale

Ricercatori dello University College di Londra hanno esaminato la mappa della 

radiazione cosmica realizzata dal satellite Planck per porre fine a un lungo dibattito 

che riguarda l'esistenza, o meno, di una direzione privilegiata dell'espansione cosmica. 

I risultati, pubblicati su Physical Review Letters, indicano che l'Universo si espande 

in tutte le direzioni. Il commento di Carlo Burigana (INAF)

picture

L'OSSERVAZIONE PIÙ PROFONDA NEL MILLIMETRICO

ALMA: record con il campo ultra-profondo di HST

L'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array dell'ESO ha osservato il Campo 

Ultra-profondo di Hubble scoprendo nuovi dettagli della storia di formazione stellare 

dell'Universo. Le nuove osservazioni mostrano chiaramente come il tasso di formazione 

stellare nelle galassie giovani sia strettamente legato alla loro massa totale sotto forma di stelle

picture

LA SCOPERTA GRAZIE ALLA RETE DI PICCOLI TELESCOPI

Microlensing nel mirino di Gaia

Un team internazionale di astronomi ha seguito da vicino gli ultimi due mesi di

 emissione della sorgente Gaia16aye, scoprendo che potrebbe trattarsi del primo 

microlensing binario osservato sul piano galattico. Hanno contribuito alla scoperta 

numerosi osservatori dell'INAF, tra cui quelli di Bologna, Catania e Padova

picture

DENTRO L'ATMOSFERA DEL PIANETA NANO

Gaia: assist per Plutone

I primi dati raccolti dalla missione ESA Gaia utilizzati in corrispondenza dell'occultazione 

di una stella da parte di Plutone: un fenomeno rarissimo e grazie al quale possiamo 

analizzare l'atmosfera del pianeta nano. Forse prossima a una fase di "congelamento"

picture

OSSERVATI OGGETTI A 13 MILIARDI DI ANNI LUCE

ALMA a caccia di galassie primordiali

Un team internazionale di astronomi ha puntato le antenne di ALMA su quattro galassie

 primordiali, riuscendo a identificare la presenza di carbonio ionizzato. I risultati, presentati 

sull'ultimo numero di Astrophysical Journal Letters, forniscono informazioni importanti sulla

 remota epoca della reionizzazione

picture

NUOVA IPOTESI SULLE ORIGINI DI HS 2220+2146

Quel duo che forse era un trio

In uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal un team di ricercatori ha analizzato

 il sistema binario HS 2220+2146, formato da due nane bianche, per cercare di comprendere

 meglio quale possa essere stata la sua origine. Il sistema esaminato mostra infatti delle

 peculiarità che non si accordano con i modelli tradizionali e potrebbe essere l'esempio per

 una nuova ipotesi evolutiva dei sistemi binari di nane bianche

picture

DOVE NASCONO LE GALASSIE MASSICCE

ALMA svela il segreto del blob

I telescopi dell'ESO hanno catturato un "blob" Lyman-alfa simile a LAB-1, uno dei più

 grandi finora noti. Si tratta del luogo dove si formano furiosamente nuove stelle e galassie

 


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

23.09.2016

Alma batte ogni record: le galassie non hanno segreti

22.09.2016

MMS, la pattuglia acrobatica spaziale

21.09.2016

ALMA risolve il mistero del blob

20.09.2016

All'origine dei lampi radio, intervista a Marcello Giroletti

19.09.2016

Nasce "Nature Astronomy": intervista a Luca Maltagliati

Astrochannel, la TV via rete a loop continuo


Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e iTunes.

E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.

È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!



La redazione di Media Inaf :

Per CAPITAN FUTURO BLOG™