BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

venerdì 6 maggio 2016

CAMAIORE 5 STELLE COMMENTA I DATI DELLA CGIA DI MESTRE PER LA VERSILIA.

 

RICEVO E RIPUBBLICO:

I dati forniti dalla CGIA di Mestre indicano che nel paese del "supercondono" alle Slot e di Equitalia agli 8 miliardi di mancati introiti ascrivibili alle pmi (che sono oltre 4 milioni) si aggiungono i 25 md dei "dipendenti" in nero (2 milioni di cui tra 1/3 e 1/2 stranieri). Questi capitoli sono spesso "di sopravvivenza". L'evasione però ha anche altre voci su cui il sistema colluso impone un compiaciuto silenzio: multinazionali 27 miliardi, criminalità organizzata 40 md, società di capitali 15 md. A questi costi insostenibili si somma la speculazione, favorita dallo Stato sui propri titoli, operata sempre dalle "aristocrazie" finanziarie, per un'ulteriore somma totalmente improduttiva di oltre 40 miliardi. La conseguenza è che soprattutto in Versilia, dove l'economia è retta sulla piccola impresa, iniziare con una attività o portarla avanti è difficile e pericoloso: costi di apertura spropositati, corsi di formazione di livello rari, credito bancario spesso utopico, ritorno dell'investimento in tempo di crisi tutt'altro che assicurato, burocrazia farraginosa. Questo sistema corrotto ha convinto l'elettore che i grossi evasori non si possono riportare all'ordine, che non cambierà mai niente e che quindi tanto vale colpire in basso. Il popolo viene trascinato in una situazione in cui le diverse parti (piccoli imprenditori, disoccupati, redditi fissi) si accusano reciprocamente. Affinché si realizzi un certo livello di benessere e di legalità diffusa, è indispensabile una classe dirigente competente e con le "mani libere".

Il M5s non deve ricambiare favori quindi può esporre serenamente un fatto: i cittadini pagano un quantitativo abnorme di tasse perché mantengono una casta di banche, speculatori, carrozzoni (voto di scambio). Le prime 2 categorie sono i "piani alti", finanziano le campagne elettorali ed in cambio ottengono cospicue somme di danaro pubblico anche mediante vere e proprie aberrazioni (si pensi ai mostri ecologici sul territorio versiliese e toscano, "raccontati" dai politici come "indispensabili"). Le realtà produttive che più subiscono questa situazione sono quelle tipicamente turistiche (Camaiore, Seravezza, Pietrasanta ecc), quelle dotate di inventiva, di un terziario connaturato a fornire servizi, di prodotti tipici, di centri storici, paesaggi e potenzialità inespresse. Le immense risorse di cui l'Italia disporrebbe andrebbero finalizzate alla coesione sociale ed ai settori produttivi: reddito di cittadinanza, salario orario garantito, detassazione, idrogeologico, sicurezza, "cervelli". Se percorressimo questo solco siamo certi che la Versilia stupirebbe tutti ed abbiamo tutta l'intenzione di permetterglielo.

Mai come adesso c'è in ballo il futuro che lasceremo ai nostri figli, si deve combattere per questo e non dare voti agli speculatori, ai delinquenti.

(Camaiore 5 Stelle)