BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

domenica 8 gennaio 2017

PARLANDO DI ELEZIONI PROVINCIALI


Oggi si vota per il consiglio provinciale di Pistoia.Col sistema previsto dalla legge Delrio (Legge n.56 del 7 Aprile 2014) ovvero le malefiche “elezioni di II°livello” saranno i politici che si voteranno tra di loro.
Oggi ho visto molti sostenitori del SI al referendum costituzionale,prendere per il culo chi ha votato NO,perchè se avessero votato positivamente,oggi non ci sarebbero più il problema,in quanto le province sarebbero state abolite.A questi voglio dire che gli unici da prendere per le natiche sarebbero Renzi e il suo governo,che non hanno voluto lo spacchettamento dei vari quesiti referendari.
Se ci fosse stato come quesito separato l'abolizione delle province,così come sono messe adesso,avrei votato si a questa domanda. Di contro io sono sempre stato per mantenere le province come erano prima e avrei abolito le regioni,in quanto organi troppo grandi e dove ci sono state le più grosse ruberie nel corso degli anni.
Comunque anche fosse passato il SI il 4 Dicembre,le province sarebbero rimaste in quanto la riforma Boschi-Verdini cancellava semplicemente la parola”province” da tutti quegli articoli della costituzione,che la contenevano espressamente;tuttavia questa operazione di”pulizia”del testo costituzionale non avrebbe sortito in alcun modo l'eliminazione automatica degli enti provinciali.
Probabilmente...quasi sicuramente...sarebbero rimasti con un altro nome e non ci sarebbero nemmeno le elezioni di II° livello (che continuo ad aborrire).
La soluzione ideale sarebbe tornare a prima della legge Delrio,ripristinando l'ente com'era con vere elezioni.Senza contare che la stessa legge era stata fatta in attesa della riforma costituzionale che comunque non è avvenuta,creando quindi un problema destinato a scoppiare nei prossimi mesi.
Però dopo averci riflettuto bene,posso dire a chi non si presenta per prendere le province col discorso che contesta le elezioni di II°livello,che sta facendo una gran cazzata!!
Infatti pur avendo sostenuto anch'io questa posizione in passato,mi sono reso conto che dalla provincia passano ancora la maggior parte dei soldi.Inoltre c'è da tenere conto di due cose.La prima è che negli enti è meglio esserci,anche solo per controllare cosa succede.La seconda è che comunque sindaci e consiglieri comunali anche che non partecipano a queste aberranti tipi di elezioni,sono comunque presenti in enti non elettivi come unioni dei comuni o città metropolitane e/o fanno parte di società partecipate,il tutto per statuto.Quindi alla fine che differenza c'è? Alla fine bisognerebbe rinunciassero a questi ruoli,ma non lo fanno e in alcuni casi non possano neanche per statuto.
Alla fine spero che nei prossimi mesi,in virtù anche del problema sopraindicato della legge Delrio,vi sia meno messo mano,ristabilendo lo status quo che vi era prima di questa.

Distinti saluti