BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

sabato 14 gennaio 2017

ASTRONEWS 14/01/16: La newsletter di Media INAF





Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture
AFFINITÀ' CON ALCUNI SEDIMENTI TERRESTRI
Alcune strutture geologiche osservate su Marte dai rover della NASA potrebbero essere simili a rocce sedimentarie terrestri costruite da microorganismi. Questi i risultati dello studio di alcuni ricercatori del CNR. Con il commento di Filippo Giacomo Carrozzo (INAF)
picture
NUOVI APPARATI SPERIMENTALI PIÙ COMPATTI
Un team internazionale di ricercatori ha condotto una serie di esperimenti presso la Colorado State University, grazie ai quali è stato possibile ricreare condizioni fisiche simili a quelle dei nuclei stellari. Il nuovo apparato è molto più compatto rispetto a quelli che avevano ottenuto risultati simili, e apre nuove strade per gli studi di questa tipologia di regimi estremi
picture
LA FORMAZIONE ALMENO 4,51 MILIARDI DI ANNI FA
L'analisi degli zirconi raccolti durante la missione Apollo 14 del 1971 sembra lasciare poco margine di errore: la Luna è di decine di milioni di anni più vecchia di quanto pensassimo. La sua formazione avrebbe avuto luogo appena 60 milioni di anni dopo la nascita del Sistema solare
picture
TRE APPUNTAMENTI IN PROGRAMMA
Al via venerdì prossimo a Bologna, nel rione Cirenaica, il secondo ciclo di conferenze dal titolo "Astronomia in Cirenaica", curato da INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna e associazione Sofos. Gli incontri sono aperti al pubblico e a ingresso libero
picture
STELLE FATTE A PEZZI VICINO AL CENTRO GALATTICO
L'immensa forza di attrazione gravitazionale esercitata dal buco nero distrugge la stella; il gas e la polvere stellare si uniscono per formare degli oggetti di massa planetaria, che verrebbero scagliati via, anche fuori dalla nostra galassia
picture
VITA IN MICROGRAVITÀ'
Le analisi e le ricerche svolte sugli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno chiaramente mostrato come si verifichi una perdita significativa della densità minerale ossea nel corso delle missioni spaziali, ma i meccanismi molecolari alla base di questi cambiamenti della struttura ossea rimangono ancora poco chiari. Ora per comprenderli meglio gli scienziati hanno un alleato in più, un piccolo pesce
picture
QUANDO LA SCIENZA SI FA DISTRIBUITA
Con l'aiuto di decine di migliaia di volontari, il progetto di calcolo distribuito Einstein@Home ha permesso di scoprire 13 nuove pulsar in raggi gamma nell'archivio dati del telescopio spaziale Fermi. Due di queste ruotano in modo sorprendentemente lento, più lento rispetto a qualsiasi altra pulsar in raggi gamma nota. Con il commento di Patrizia Caraveo (INAF)
picture
NUOVE OTTICHE ADATTIVE PER LO STUDIO DEL SOLE
Un innovativo sistema di ottiche adattive multiconiugate, che utilizza tre specchi deformabili per correggere le aberrazioni introdotte dal tremolio dell'atmosfera, ha consentito di ottenere immagini della superficie solare con un campo di vista corretto tre volte più ampio rispetto al sistema a specchio deformabile unico. Installato al New Solar Telescope in California, è l'apripista dei sistemi che renderanno ancora più potenti i telescopi solari di prossima generazione
picture
DALL'ITALIA AGLI USA
Lui è Fabio Vito, classe 1986, nato a Bologna e dottorato in Astrofisica e Cosmologia nella stessa città di nascita. Oggi ricercatore post-doc alla Pennsylvania State University, lavora con un team di astronomi guidato da William Brandt sui Nuclei Galattici Attivi. Lo abbiamo intervistato su uno studio che lo ha portato a indagare le proprietà e lo sviluppo di poderosi buchi neri agli albori dell'Universo
picture
IRAS 14348-1447
La galassia ha un aspetto spettrale ed etereo, a causa della grande quantità di gas presente, che dipinge e modella l'oggetto creando ciuffi e code affascinanti a oltre un miliardo di anni luce di distanza da noi

Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

13.01.2017
12.01.2017
11.01.2017
10.01.2017
09.01.2017
05.01.2017

Inoltre, sempre su Media Inaf puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e iTunes.
E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.
È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!


La redazione di Media Inaf invia la propria newsletter a CAPITAN FUTURO BLOG.