ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

mercoledì 27 gennaio 2016

ASTRONEWS 26/01: La newsletter di Media INAF, #ASTRONOMIA #ASTROFISICA .


Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture

INFLAZIONE O BIG CRUNCH?

Nuovo metodo per sondare il Big Bang

Altro che "grand complications": per cronometrare l'inizio dell'universo servono orologi quantistici primordiali standard. Si tratta di particelle subatomiche pesanti, ipotizzate da uno studio teorico sull'origine dell'universo. Il commento di Fabio Finelli (INAF)

picture

L'OBIETTIVO È IL FLYBY SU TITANO DEL 4 APRILE

Manovre coreografiche per Cassini

La sonda, in orbita dal 2004 intorno al gigante ad anelli, sta effettuando una serie di manovre propulsive in attesa del gran finale previsto per il 2017

picture

ANCHE GRAZIE AI RADIOTELESCOPI INAF

BL Lacertae come mai l'avevate vista

Sono state ottenute grazie alla tecnica che prende il nome di Very Long Baseline Interferometry (VLBI) e alla messa a sistema dei dati raccolti da quindici radiotelescopia a Terra e di uno nello spazio le immagini con la più elevata risoluzione angolare mai ottenute in astronomia: 21 micro secondi d'arco. Soggetto privilegiato il lontano nucleo galattico BL Lacertae a circa 900 milioni di anni luce da noi

picture

LO STUDIO CONDOTTO SUL CATALOGO DELLA SDSS

L'insostenibile pesantezza degli ammassi

Grazie a un esteso studio su un campione di 9000 ammassi di galassie osservati dalla Sloan Digital Sky Survey, un team internazionale di ricercatori è riuscito a dimostrare che il rapporto tra gli ammassi di galassie e l'alone di materia oscura che li circonda non è determinato solo dalle loro masse, come si pensava fino ad ora. Lo studio su Physical Review Letters

picture

SISTEMA PLANETARIO CON DIMENSIONI RECORD

Pianeta "orfano" ritrova la stella madre

Si chiama 2MASS J2126, orbita a settemila unità astronomiche dalla sua stella, TYC 9486-927-1, e un anno, lassù, dura circa 900 mila anni terrestri. La scoperta del legame gravitazionale che li unisce è descritta sull'ultimo numero di MNRAS

picture

LO STUDIO SU NATURE COMMUNICATIONS

Big data domati dalla topologia quantistica

Algoritmi come non se ne sono visti mai, per i computer del futuro prossimo. In grado di ridurre da esponenziale a polinomiale la complessità computazionale di problemi oggi inaffrontabili. Rendendoli così risolvibili. Media INAF ha intervistato uno degli autori, Paolo Zanardi, della University of Southern California

picture

AL VAGLIO POSSIBILI SINERGIE

La Sardegna protagonista nelle scienze spaziali

Si è svolto nei giorni scorsi un importante incontro fra i vertici della Regione Autonoma della Sardegna, dell'Agenzia Spaziale Italiana, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica del Distretto Aerospaziale della Sardegna e un gruppo di studiosi ed esperti nel campo della ricerca spaziale. In discussione un protocollo d'intesa quadro tra Regione Autonoma della Sardegna e Agenzia Spaziale Italiana e i possibili sviluppi della ricerca astrofisica in Sardegna. I commenti dei presidenti ASI e INAF

picture

PISA A BORDO DEL REXUS 22

C'è l'Italia su quel razzo

Un team di studenti dell'Università di Pisa ha guadagnato un posto a bordo del vettore REXUS 22, parte d'un programma dell'ESA grazie al quale vengono lanciati, ogni anno, due razzi sperimentali suborbitali e un pallone stratosferico con a bordo esperimenti realizzati da studenti. Il lancio è previsto per la primavera del 2017

picture

OSSERVA IL CIELO E DISEGNA LE TUE EMOZIONI

Ti piace l'astronomia? Ecco il concorso per i bimbi

La manifestazione nasce con lo scopo di avvicinare le future generazioni alla scienza, soprattutto all'astronomia. Tutti gli elaborati vanno inviati entro il 19 aprile

picture

IL CASO 2MASS J18082002–5104378

Scoperto un raro fossile galattico

È la più brillante fra quelle estremamente povere di metalli. Si tratta di una stella che risale al periodo di formazione della nostra galassia, una specie rara di fossile galattico che offre una nuova finestra verso lo studio delle prime stelle che si formarono non solo nella Via Lattea ma in generale nell'Universo. I risultati sono pubblicati su Astronomy & Astrophysics

 


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

26.01.2016

BL Lacertae come mai l'avevate vista

25.01.2016

La NASA dà il via a WFIRST, il telescopio che non volle fare la spia

25.01.2016

Domare i big data con i qubit? Paolo Zanardi (USC) ci spiega come fare

22.01.2016

Quei curiosi grumi di gas interstellare

22.01.2016

Giovanni Valsecchi fa il punto sulla possibile esistenza del "Pianeta n.9"

Gli approfondimenti di INAF-TV

Astrochannel, la TV via rete a loop continuo


Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Flickr e iTunes.

E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.

È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!