BiDiBa

BiDiBa
BIRRE DI BAVIERA - Chifenti, Borgo a Mozzano - via Europa Unita, 5 (clicca sulla foto)

Visualizzazioni totali

venerdì 15 gennaio 2016

ASTRONEWS 16/01: Newsletter Media INAF , astronomia e astrofisica.


Ecco gli ultimi articoli pubblicati su MEDIA INAF

picture

PREMIO GALILEO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA

L'insostenibile leggerezza dell'intuizione

Selezionata oggi 15 gennaio, a Padova, la cinquina che andrà in finale: Umberto Bottazzini, Dario Bressanini con Beatrice Mautino, Paolo Gallina, Till Roenneberg e Lucia Votano. L'opera vincitrice, scelta da una giuria popolare, verrà annunciata il 6 maggio

picture

POTREBBE ENTRARE A FAR PARTE DELLA RETE DSN

SRT pronto a nuove sfide

Delegazione NASA e ASI in visita all'antenna. Grazie alla sua sensibilità, oltre ai suoi compiti scientifici potrebbe essere usata per monitorare oggetti potenzialmente pericolosi (asteroidi, meteore, comete e spazzatura spaziale) e per le attività di ricezione dei segnali delle sonde interplanetarie

picture

UN SORVOLO ULTRA RAVVICINATO

Mars Express accarezza Phobos

Il 14 gennaio la Sonda Mars Express dell'ESA ha sorvolato, a una distanza di appena 53 km dalla superficie, la più grande fra le lune di Marte. I dati raccolti durante questa delicata operazione forniranno informazioni con dettagli senza precedenti, utili anche per le future missioni. Il commento di Giancarlo Bellucci dell'INAF-IAPS di Roma

picture

È IL QUASAR PIÙ LUMINOSO CHE SI CONOSCA

Quella pentola galattica sta per traboccare

La galassia più luminosa che si conosca ha problemi in cucina: lo spesso strato di polvere che circonda la fornace centrale provoca il surriscaldamento del gas interstellare. Se va avanti così, dicono gli scienziati che l'hanno analizzata con il radiotelescopio ALMA, le mancheranno gli ingredienti per sfornare nuove stelle

picture

NUOVA COMPOSITA DI IMMAGINI DA NEW HORIZONS

Plutone: possibile criovulcanismo

Il più grande di quelli che sono con tutta probabilità due criovulcani, individuato fin dalle prime rilevazioni di New Horizons, ora è ricostruito grazie a un'immagine composita ottenuta con i dati degli strumenti LORRI e Ralph: 150 chilometri di diametro, 4 di altezza e un solo grande cratere di recente formazione

picture

LA SCOPERTA SU SCIENCE

La supernova ancora più super

La più brillante supernova al suo massimo ha raggiunto la luminosità di ben 570 miliardi di volte quella del nostro Sole. E' stata scoperta da un gruppo di astronomi guidato da Subo Dong, del Kavli Institute for Astrophysics di Pechino in Cina a cui ha partecipato Filomena Bufano, dell'INAF-Osservatorio Astrofisico di Catania

picture

LA SCIENZA DE "LA CORRISPONDENZA"

Tutti gli astrofisici di Tornatore

Intervista a Pietro Ubertini, direttore dell'INAF IAPS di Roma, al quale Giuseppe Tornatore si è rivolto per verificare la correttezza dei contenuti scientifici della sua ultima opera, in uscita oggi nelle sale italiane. Protagonista della storia, un professore d'astrofisica interpretato da Jeremy Irons

picture

ALCUNE SCENE GIRATE NELLA CUPOLA DI CIMA EKAR

Ciak al telescopio per "La corrispondenza"

L'ultimo film di Giuseppe Tornatore esce oggi, 14 gennaio, nelle sale italiane. Racconta la storia di un professore di astrofisica, Jeremy Irons, e di una sua allieva, Olga Kurylenko. E alcune scene sono state girate presso un telescopio dell'INAF di Padova. Il reportage di Lina Tomasella, astronoma e responsabile della Stazione osservativa

picture

MAI COSÌ LONTANO CON L'ENERGIA SOLARE

La sonda Juno batte ogni record

Juno è stata lanciata il 5 agosto 2011 a bordo di un razzo Atlas V da Cape Canaveral e arriverà nell'orbita di Giove il 4 luglio di quest'anno. Nei prossimi 16 mesi Juno raggiungerà la distanza massima 832 milioni di chilometri dal Sole

picture

PROTOCOLLO "BLIND INJECTIONS"

Onde gravitazionali, fra rumors e "big dogs"

In attesa che le indiscrezioni sulla possibilità che l'interferometro LIGO possa aver captato un segnale di onda gravitazionale ricevano una conferma o una smentita ufficiale, abbiamo chiesto a Marica Branchesi e a Enzo Brocato d'illustrarci il funzionamento di una potenziale "terza possibilità"

picture

SOFFIA A PIU' DI 30.000 CHILOMETRI L'ORA

Il 'venticello' che spegne le stelle

Un team di astronomi a cui hanno partecipato due ricercatori INAF ha individuato per la prima volta un vento ad alta velocità che fuoriesce dal buco nero ospitato nella regione centrale di una galassia a spirale, molto simile per conformazione alla nostra. Questo vento può interagire con l'ambiente galattico e riuscire a spazzare via il gas in essa presente, andando così a ostacolare il processo di formazione di nuove stelle

picture

SU NATURE LO STUDIO A GUIDA INAF

Nel ghiaccio indizi sull'evoluzione della cometa

Ghiaccio sulla cometa 67P Churyumov-Gerasimenko. A confermarlo sono stati i dati dello strumento VIRTIS a bordo della sonda Rosetta dell'ESA. Il ghiaccio è stato rilevato in due diversi punti della regione denominata Imhotep, fornendoci importanti informazioni sui processi di creazione degli strati di ghiaccio all'interno della cometa. Il presidente dell'INAF Nicolò D'Amico: «Grande soddisfazione per l'INAF che ha investito notevoli risorse e intellettualità su questo ambizioso progetto internazionale»

picture

OCCHI PUNTATI SULLA REIONIZZAZIONE

L'Universo primordiale svelato

Da tempo gli astronomi ritengono che la reionizzazione, quella fase durante la quale l'Universo primordiale si è riscaldato ionizzando nuovamente l'idrogeno, sia stata causata da radiazione emessa dalle galassie. Un team internazionale di ricercatori pubblica oggi uno studio su Nature grazie al quale questa ipotesi trova la sua prima prova sperimentale

picture

COMPUTER QUANTISTICI E CURVE SPAZIO-TEMPORALI

Fare i conti con il viaggio nel tempo

Metti il turbo al computer quantistico con un viaggio nel tempo, ma senza farti accorgere. Secondo un recente studio su Nature, sfruttando il fenomeno di "entanglement", le particelle quantistiche inviate su una curva spaziotemporale aperta possono fornire super potenza di calcolo, a patto che non interagiscono con niente nel passato. Il commento di Mariateresa Crosta (INAF)

picture

IL NUOVO STRUMENTO DEL VLT

GRAVITY, la sonda per i buchi neri

GRAVITY può misurare la posizione degli oggetti astronomici su scale minutissime e può anche realizzare immagini e spettri per mezzo dell'interferometria. Esplorerà cosa accade nel campo gravitazionale estremo vicino all'orizzonte degli eventi del buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea

 


Gli ultimi video e audio di MEDIA INAF

15.01.2016

La supernova ancora più super

14.01.2016

67P: nel ghiaccio indizi sulla sua evoluzione

13.01.2016

GRAVITY, a caccia di buchi neri

14.01.2016

Marta Burgay a Radio3, con Balbi e Cattaneo, sulle onde gravitazionali

14.01.2016

Onde gravitazionali per finta: con Marica Branchesi, di LIGO-VIRGO

13.01.2016

I telescopi Magic hanno preso un granchio: da record

15.01.2016

Relatività e Gravitazione: i primi cento anni

Gli approfondimenti di INAF-TV

Astrochannel, la TV via rete a loop continuo


Inoltre, sempre su Media Inaf, puoi trovare:

Ricorda che Media Inaf ti aspetta anche su Facebook, Twitter, YouTube, Flickr e iTunes.

E se hai uno smartphone o un iPad, non puoi non installare la app di Media Inaf.

È tutto, un saluto dalla redazione e buona lettura!