ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

domenica 24 gennaio 2016

BARSANTI (Sovranità) replica a FASANO (CRI)

LUCCA

Riceviamo e diffondiamo il comunicato di Fabio Barsanti Coordinatore Regionale e Responsabile di Sovranità- Lucca:

Barsanti (Sovranità) replica a Fasano (CRI): argomentazioni discutibili e molta politica.
Dopo la replica di Fasano, presidente della CRI di Lucca, arriva la risposta di Barsanti: “ancora più convinto di come i vertici della CRI facciano politica e speculazione sulla solidarietà.”
“La supponenza, l'arroganza ma soprattutto gli argomenti del presidente Fasano – dichiara Fabio Barsanti, coordinatore di Sovranità – dimostrano chiaramente come vi sia, nelle intenzioni dei vertici della CRI, la volontà di fare politica. Tralasciando gli attacchi personali, che qualificano il soggetto in questione per quello che è, e soprassedendo sul livore e la strana agitazione che fanno da cornice alla replica – continua Barsanti - mi pare alquanto singolare la motivazione sull'argomento in questione: le mele gettate nei cassonetti. Se realmente la causa fosse quella della contaminazione dal gas refrigerante a causa del malfunzionamento del frigo, la domanda logica è: all'interno del frigo vi erano solo mele? Strano. Se così non fosse, ovvero se all'interno del frigo vi fossero presenti anche altri alimenti, qual è stata la loro sorte? Sicuri che la fuoriuscita di un gas refrigerante possa contaminare un alimento tra l'altro rivestito da buccia? Inoltre, per dimostrare la tossicità del gas refrigerante e l'avvenuta contaminazione, vi sarà sicuramente una relazione di un tecnico, e vi sarà l'avvenuta riparazione. Tutte cose dimostrabili, che siamo certi verranno rese pubbliche.”
“Se Fasano dimostrerà queste cose al di là delle chiacchiere ad effetto – continua Barsanti – sarò ben lieto di leggerle. Visto che usa toni commoventi e nega qualunque spreco, ricordo allo smemorato presidente di andare a leggersi un articolo de “Il Sole 24ore” del 2013 dal titolo: “Tutti gli sprechi della Croce Rossa italiana, mega-stipendificio di Stato” ( http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-02-04/conti-rosso-croce-rossa-190429.shtml?uuid=AbHUbBRH&refresh_ce=1). Visto che in maniera scorretta il presidente tira in ballo i semplici volontari - che il sottoscritto non ha assolutamente accusato ma che invita semmai a proseguire la loro stimabile attività in un'altra associazione che non faccia politica e non lucri sull'immigrazione – ricordo a Fasano come non molti mesi fa si sia trovato costretto a 'bacchettare' i suoi volontari, incolpandoli di essersi lasciati andare ad insulti 'razzisti' via FB e a critiche molto dure circa il sistema di accoglienza dei clandestini e alle condizioni nelle quali si trovano costretti ad operare  (http://www.cripisa.it/481-insulti-razzisti-su-facebook-contro-i-migranti-la-croce-rossa-bacchetta-i-suoi-%E2%80%9Cpseudo-volontari%E2%80%9D.html).
 Segno evidente di come non siano tutte rose e fiori. La verità è che la CRI ha mutato la propria missione, che oggi è divenuta quella di assistere un'invasione pianificata di presunti profughi, e ha costretto i propri volontari a subire questo cambiamento ed adeguarsi.”
“Informo inoltre il sig. Fasano, che si arroga il diritto di esclusiva sul volontariato – prosegue Barsanti - che il sottoscritto fa parte di un'associazione che fa del volontariato il suo modo di fare politica; che ha gestito campi di protezione civile in Abruzzo e in Emilia per il terremoto, o in Lunigiana per l'alluvione; che ha una propria associazione di Protezione civile; che opera all'estero in missioni umanitarie tramite una propria Onlus. Desidero mettere al corrente il presidente che a Lucca l'associazione della quale faccio parte consegna ogni mese generi alimentari di prima necessità a dieci famiglie italiane. Tutto autofinanziato, senza alcun contributo pubblico, a differenza di altri, come per esempio la CRI. Il sig. Fasano, sa di cosa sta parlando?”
“Egli, come molti altri dirigenti nel settore del volontariato e dell'accoglienza – conclude Barsanti – ha dimostrato più volte di fare politica, rientrando a pieno titolo tra coloro che appoggiano a prescindere l'immigrazione incontrollata, anche quando i c.d. profughi non provengono da guerre o carestie, ma sono semplicemente migranti economici che l'Italia non può più accogliere. Invito il presidente Fasano a farsi un giro nelle periferie italiane e tra i connazionali messi in ginocchio dalla crisi, e a riflettere su quanto ci stia costando mantenere l'immigrazione e i carrozzoni che la gestiscono. Lo invito, infine, nuovamente a fornire alla cittadinanza tutte le rendicontazioni precise, voce per voce, delle spese e delle entrate necessarie alla gestione dell'immigrazione.” 

Sovranità
Coordinamento provinciale di Lucca
Via Michele Rosi 76
tel. 346 3205032
mail: sovranitalucca@gmail.com