ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

venerdì 6 gennaio 2017

M.G.T. LEGA NORD, INTERVIENE SU AGGRESSIONE TRA MIGRANTI A CAMAIORE.

________________________________________________________

Appresa la notizia della triste vicenda avvenuta nel comune di Camaiore la notte di S. Silvestro, che ha visto per protagonisti due giovani nigeriani, il Movimento dei Giovani Toscani provinciale , oltre alla propria totale preoccupazione, intende ribadire quello che da anni  il nostro Partito, la Lega Nord ribadisce, inascoltato o peggio, tacciato di razzismo e xenofobia.

Ci chiediamo innanzi tutto, come sia possibile considerare i cittadini della Nigeria come "rifugiati"

Ci sentiamo in dovere di chiedere come sia possibile che questi giovani, talvolta stipati in Centri d'accoglienza, altre volte in alloggi privati a spese dei contribuenti italiani, per mesi se non per  anni, e comunque ghettizzati, a quale tipo di "integrazione" possono aspirare.

E' giusta questa modalità di ' accoglienza'?

Noi crediamo che tutto questo alimenti solo il fuoco dell'intolleranza, e i responsabili non possono che essere gli amministratori politici che ad oggi governano .

Sentiamo oggettivo il bisogno di chiedere un dispiegamento maggiore di pattuglie sul territorio, perchè non è giusto aver anche solo la paura di uscire la sera, non è giusto dover rinunciare a passeggiare in una zona della propria città 'perchè adesso frequentata da soggetti poco raccomandabili'.

Chiediamo che ci si allinei alle direttive europee, per un più celere riconoscimento delle identità; chiediamo venga formato un tavolo politico istituzionale dove vengano ridiscusse le modalità di gestione, la formazione di accordi bilaterali per quei paesi dove esiste un governo,  senza fermarci davanti a un semplice rifiuto "di comodo" da parte di quei Paesi che nonostante abbiano un Governo, hanno anche tutto l'interesse a liberarsi di personaggi "scomodi" .

Ci sentiamo presi in giro nel leggere che ' l'espulsione ' sia considerata una panacea, perchè certi fenomeni andrebbero prevenuti. E  soprattutto, non è una cura , perchè allo stato attuale, questi soggetti, sprovvisti di documenti, utilizzando le rotte usate da coloro che sì sono profughi, ci metteranno un attimo a sbarcare nuovamente sul suolo italico, quando addirittura non si presentano agli imbarchi per il rimpatrio, legittimati dall'essere lasciati a piede libero sul nostro territorio.   

Nessun amministratore locale dovrebbe sottovalutare il sentimento comune , quello condiviso dai propri cittadini, ma anzi , dovrebbe ascoltarli e proteggerli ed alleviare le loro pene.

Vediamo poca autenticità e poco empatia, proprio da parte di coloro che dovrebbero controllare e ci dovrebbero tutelare