ulivi

ulivi
BORGO A MOZZANO - Piano di Gioviano, SP2 Lodovica.

Visualizzazioni totali

sabato 9 gennaio 2016

COME IO VEDO IL MONDO, LA TEORIA DELLA RELATIVITA' di Andreotti Roberto.

TUTTO E' RELATIVO !!!
Tutto e' relativo perche' dipende da chi guarda, ed ognuno guarda il mondo alla sua maniera che spesso nasce dalle sue convinzioni che determinano da cio' che si sa di quel che stiamo valutando.
Spesso il mondo e' giudicato da chi non ha tutti i parametri per giudicarlo, ma la democrazia e' il sunto dei vari giudizi, che quindi danno una visione d'insieme di quel che e' il sentimento popolare e tale giudizio non e' ne giusto , ne sbagliato.... E' E BASTA, E COSI DEVE ESSERE.
Ma la vera democrazia prevede che i parametri di giudizio siano non condizionati da informazioni false o pilotate, ed e' questo che dobbiamo combattere, ogni potere costituito impone i suoi ''QUESTO E' GIUSTO'' e ''QUESTO E' SBAGLIATO'' affinche' la gente con una visione distorta possa con il loro voto far protrarre l'ordine costituito.
E la censura nella storia e' stata il miglior alleato di chi vuole fare della gente un gregge di PECORE , le peggiori censure di solito sono state portate da chi si arrogava il diritto di parlare in nome di Dio, sia nel passato, sia nei giorni nostri, dalla chiesa Cattolica all'ISIS , e le metto sulla solita barca....
Chi vuole davvero lottare per la democrazia deve rispettare le idee e le tradizioni di tutti, ma in questo periodo i poteri che controllano il mondo vogliono obbligarci a far chinare la testa ai diritti di popoli rispetto ad altri, il minimizzare la tradizione di un popolo per non offenderne un altro e' il miglior modo di fomentare rabbia e la rabbia porta guerre, e le guerre fanno guadagnare i potenti e perire i deboli.
Per esempio: chi vieta il presepe per non offendere chi viene da altre terre e' sbagliato due volte, uno perche' non e' giusto minimizzare  le tradizioni di un popolo, e due perche' chi e' ospite non si deve sentire offeso, ma dovrebbe apprezzare le tradizioni che ha un popolo che li OSPITA.
E non e' etico nemmeno obbligare ad un integrazione FORZATA, ''per forza non si fa nemmen l'aceto! Dicevano i saggi....''.
Ma tutto e' relativo, come far credere che i poveri migranti morti in mare siano colpa di chi viene definito RAZZISTA , ma forse la colpa e' di chi accoglie che convince questa gente a far di tutto per venire, e come vedete tutto e' relativo a seconda di come si pensa o di come la si vede !!
Il rispetto ci deve essere per ogni idea, senza doverla condizionare e senza condizionamenti la democrazia sarebbe il miglior giudice di chi ci rappresenta.
Io poi ho le mie convinzioni e voi le vostre, ma quando nel cuore c'e' onesta' , etica e giustizia possiamo sicuramente trovare un punto d'incontro, se venite per altri interessi , sia personali , sia di lobby , statemi lontano e non venitemi a cercare, le bugie hanno le gambe corte e prima o poi vi freghereste da soli.
Per il resto , io non voglio che tutti la pensino come me , voglio che tutti aprano gli occhi , valutino con giusti parametri e poi scelgano con la loro coscienza, sono certo che basterebbe questo affinche' il mondo funzioni meglio !!!!